Sanità internazionale 4 Novembre 2019

Iran, la denuncia di Human Rights Watch: sanzioni USA mettono a rischio accesso a farmaci salvavita per gli iraniani

Secondo un rapporto di 47 pagine gli iraniani devono fare i conti con la carenza di medicine straniere e gli aumenti dei prezzi delle cure dopo la reintroduzione delle sanzioni commerciali statunitensi

Le sanzioni imposte da Washington nei confronti di Teheran stanno minacciano il diritto alla salute degli iraniani e mettono a repentaglio l’accesso ai farmaci salvavita. Lo sostiene Human Rights Watch. Ufficialmente le sanzioni volute dall’Amministrazione di Donald Trump non colpiscono cibo, medicine o beni umanitari, ma molte aziende hanno deciso di evitare qualsiasi commercio con l’Iran per il timore di ripercussioni.

In un rapporto di 47 pagine Hrw documenta come gli iraniani debbano fare i conti con la carenza di medicine straniere e aumenti dei prezzi delle cure dopo la reintroduzione delle sanzioni commerciali statunitensi. L’Iran produce il 96% delle medicine che utilizza, ma importa più della metà delle materie prime per produrle, secondo il Sindacato delle industrie farmaceutiche iraniane. Inoltre l’Iran importa anche medicine speciali chieste da pazienti con malattie rare. Hrw ha quindi chiesto a Washington di creare un canale finanziario che permetta a società, banche e gruppi di fornire beni umanitari alle persone in Iran.

«I funzionari dell’Amministrazione Trump sostengono che stanno dalla parte del popolo iraniano, ma le sanzioni Usa contro il regime stanno minacciano il diritto iraniano alla salute, compreso l’accesso a medicine salvavita», ha detto Sarah Leah Whitson, direttrice di Hrw per il Medioriente. «La rete di sanzioni americane ha portato le banche e le aziende a evitare il commercio umanitario con l’Iran, rendendo difficile per gli iraniani che hanno malattie complicate avere le medicine e le cure che necessitano», ha aggiunto.

Articoli correlati
Dall’Iran dell’ayatollah al Careggi di Firenze, l’incredibile storia di solidarietà del neurochirurgo Bahaman Noubari
Il medico ospite del ciclo di eventi #nonsolomedicina promosso dalla Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Azienda Ospedaliera Federico II di Napoli. «Con le dovute proporzioni, oggi in Italia c’è fuga dei cervelli come nell’Iran degli anni ‘70»
Malattie croniche: medici di famiglia prescrivano farmaci innovativi. L’appello di AIFA e FIMMG
Dialogo diretto fra medici di famiglia e Agenzia Italiana del farmaco. Silvestro Scotti (FIMMG): «Coinvolgendo i medici di base si risolvono liste d’attesa e costi». Simona Montilla (AIFA): «Accordo in corso, aggiornamento a breve»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Formazione

Triennio Ecm in scadenza, Speranza: «Nella riforma del Ssn ruolo fondamentale avrà la formazione»

Presidente della Commissione Ecm, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha posto l’accento sull’importante ruolo dell’aggiornamento professionale: «Do un grande peso alla formazione continu...