Salute 15 Ottobre 2019 15:53

Dall’Iran dell’ayatollah al Careggi di Firenze, l’incredibile storia di solidarietà del neurochirurgo Bahaman Noubari

Il medico ospite del ciclo di eventi #nonsolomedicina promosso dalla Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Azienda Ospedaliera Federico II di Napoli. «Con le dovute proporzioni, oggi in Italia c’è fuga dei cervelli come nell’Iran degli anni ‘70»

Persia, fine anni ’70. Bahman Noubari è un adolescente, nato e cresciuto in una famiglia modesta. E con la sua famiglia assiste agli stravolgimenti politici e sociali che animano il suo Paese: le spinte fondamentaliste per destituire la dittatura laica dello scià, la sua fuga e lo scoppio della rivoluzione islamica che segna l’ascesa al potere dell’Ayatollah Khomeini. Il padre di Bahman è preoccupato e lo manda, appena diciottenne, in Italia, dove egli stesso aveva vissuto per un periodo. Qui, a Catania, il giovane Bahman non parla la lingua e si mantiene lavando le scale dei palazzi. Oggi Bahman Noubari è un affermato neurochirurgo presso l’Ospedale Careggi di Firenze.

Tutto quello che è successo nel mezzo ce lo ha raccontato lui, durante l’incontro organizzato nell’ambito dell’iniziativa “Non Solo Medicina” della Scuola di Medicina Chirurgia dell’Università Federico II di Napoli. «Il percorso che mi ha portato a studiare, laurearmi e specializzarmi in Italia non è certo stato privo di ostacoli. Alle quattro del mattino andavo a lavorare, poi tornavo a casa, mi lavavo rovesciandomi addosso una pentola d’acqua e dopo correvo in facoltà. Desideravo fare il medico per aiutare il prossimo». Il dottor Bahman Noubari ha sottolineato, in accordo con gli altri ospiti presenti tra cui il presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’ateneo federiciano Luigi Califano, l’assoluta importanza di mettere in campo il cuore e la propria etica nella professione di medico. Il progresso tecnologico e le scoperte scientifiche, infatti, varrebbero ben poco se non coniugate con l’umanizzazione delle cure, l’ascolto empatico, la dedizione verso il prossimo inteso non solo come paziente ma come essere umano.

Un impegno, quello verso il prossimo, che per Noubari non si esaurisce nel lavoro. Il neurochirurgo iraniano, infatti, nei suoi giorni liberi si dedica alla cura dei cosiddetti “invisibili” della sua città, gli ultimi, i meno fortunati: i senzatetto di Firenze. «La mia dedizione verso gli altri nasce proprio dalle mie origini e dalle mie sofferenze. La prima volta che arrivai a Firenze era l’alba, e non avevo un posto dove dormire. Mi coricai su dei cartoni alla stazione di Santa Maria Novella. Dopo qualche ora un poliziotto con un calcio mi intimò di andarmene. Quell’episodio ha segnato il mio appuntamento con il destino. Oggi, ogni sabato inforco la mia bicicletta e porto da mangiare ai senzatetto e offro, per chi lo vuole, cure mediche, o un sostegno economico nello studio. In ognuno di loro non vedo una razza, o una dipendenza (ad esempio dall’alcool o dalla droga), nè mi interessa la storia che li ha portati fin lì: vedo solo un essere umano che ha bisogno di aiuto».

Il dottor Noubari ha dichiarato di non avere alcuna associazione politica o religiosa alle spalle, e di aver inoltre rinunciato ad esercitare l’attività privata e in intramoenia. «Per fortuna a Firenze vedo tanti giovani specializzandi, provenienti da ogni luogo d’Italia, attenti alle tematiche umane molto più rispetto al passato. È vero, oggi assistiamo a una fuga di cervelli dall’Italia che, seppur con le dovute proporzioni, mi ricorda quella dei miei coetanei in fuga dall’Iran negli anni Settanta. Eppure qui in Italia non ci sono guerre, non si soffre la fame. Questo è il Paese che mi ha dato un’opportunità, e vorrei che i nostri giovani capissero l’importanza di restare qui per migliorare le cose e dare una mano a costruire un Paese ancora migliore».

Articoli correlati
Iran, la denuncia di Human Rights Watch: sanzioni USA mettono a rischio accesso a farmaci salvavita per gli iraniani
Secondo un rapporto di 47 pagine gli iraniani devono fare i conti con la carenza di medicine straniere e gli aumenti dei prezzi delle cure dopo la reintroduzione delle sanzioni commerciali statunitensi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...