Sanità internazionale 19 gennaio 2016

International healthcare

Did the Ebola fighters win?

Is the tragic chapter that killed 11,315 people, out of a total of 28,637 cases in two years really behind us? With the “Ebola free” statement for Liberia, the last country which registered cases of infection, the WHO declared the possible end of the pandemic. Nevertheless, this has been an illusory victory, because a last isolated incident was however registered in Sierra Leone the day after the declaration. Illusory, because the virus at hand comes back cyclically after latency periods, since 1976.

As a matter of fact, the WHO reiterated a fundamental warning: “We must not let down the guard”. Because Liberia had already been declared virus-free twice, but each time a fresh cluster of cases unexpectedly emerged. The WHO considers the outbreak of an epidemic as concluded when a nation does not register a new infected patient after 42 days, twice the time of a virus´s incubation period. This period of wait seems to confirm that human-to-human contagion of the virus has stopped in the country. The three most affected countries by this unprecedented epidemic are Guinea, where the first case was registered in December 2013, Sierra Leone and Liberia. The peak of infections was registered in the second half of 2014, counting hundreds of deaths per week, with a significant decrease in 2015, thanks to a massive though belated international mobilization.

WHO’s experts considered that people should stay on alert: “We should not forget about the risk of other outbreaks”, as it is written in the last report on the epidemic. And the world seems to have learnt his lesson: it is necessary to constantly train and update people working in the front line and in the background. From remote villages in the heart of Africa to the most advanced medical facilities of the West, it is essential to provide health professionals with know-how and the best tools, the most authoritative scientific expertise and the most effective organization to manage a possible new outbreak of Ebola and other devastating pandemics.

Articoli correlati
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
Assemblea OMS, Bartolazzi (Sott. Salute): «Ottimizzare risorse per sostenibilità SSN. Intervento su ticket per ridurre spesa out of pocket»
Il Sottosegretario alla Salute ha presieduto la sessione inaugurale dell’evento a cui presenziano 53 ministri da tutta Europa. «Aumento alcol e fumo tra giovani preoccupa»
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...