Sanità internazionale 16 Febbraio 2016 10:41

International healthcare

Zika, a European task force working on a vaccine

Aedes aegypti, this is the name of the mosquito which is a vector for diseases such as dengue, yellow fever and chikungunya, but especially for the notorious Zika virus, whose global outbreak is gaining always more worldwide media coverage. At the moment, the most affected country is Brazil, counting more than one million infections from April 2015 till now, followed by Colombia. Seemingly, its symptoms are little alarming: usually mild fever and skin rashes; but what scares people the most are the over 400 microcephaly cases reported (a serious prenatal neurological malformation entailing a significant skull and brain volume reduction in infants), in addition to other 3670 cases waiting for confirmation which may be strictly and irrevocably linked to the virus. On the 30th of January, the Brazilian Ministry of Health reported 4,783 cases of microcephaly and central nervous system malformations, as well as 76 infant deaths. Furthermore, the virus may have also caused a case of a neurological disease in a U.S. adult.
The World Health Organization declared a state of emergency, worried by the possibility of infections to increase to 3-4 million; the United Nations High Commissioner for human rights, Zeid Ra’ad Al Hussein, asked the most affected countries to guarantee the right to abortion for infected women; the European Medicines Agency (EMA) answered by establishing a task force of experts for the research and development of medicines or vaccines.
The virus is already present in 33 countries worldwide, of which 21 in the American continent as well as several cases in Europe: 4 Italians, 3 Briton, 2 Spaniards, 5 Germans, plus another case in Denmark. Moreover, in the last few days, China first case was registered, in addition to two blood-transmission cases linked to transfusions in Brazil and the first sexual transmission case in Texas. The fear of a global outbreak is growing.

Articoli correlati
Vaccini, Speranza alla Camera: «Il 28 maggio l’Ema darà il via libera a Pfizer per la fascia 12-15 anni»
«La vaccinazione riservata alle fasce più giovani è altamente strategica ed essenziale soprattutto in vista della ripresa dell'anno scolastico»
Ema su J&J: «Vaccino sicuro, trombosi molto rare nel foglietto illustrativo»
L'Agenzia europea del farmaco si è pronunciata sul vaccino Johnson&Johnson: i benefici superano i rischi anche in questo caso. Le trombosi estremamente rare sono molto simili a quelle rilevate con AstraZeneca, la causa forse nella risposta immunitaria. Aifa dice sì per gli over 60
Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»
Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco
AstraZeneca, il verdetto dell’Ema: «Trombosi raro effetto collaterale ma benefici superano i rischi»
«Le evidenze scientifiche al momento disponibili non consentono di individuare specifici fattori di rischio né di raccomandare strategie per limitare la possibilità di trombosi». Ora gli Stati decideranno se modificare le loro strategie vaccinali
L’Ema ha deciso su AstraZeneca. Cosa succede ora?
«Il vaccino non è associato ad un aumento del rischio complessivo di eventi tromboembolici e coaguli di sangue». Domani pomeriggio in Italia riprendono le somministrazioni di AstraZeneca. Rasi (Consulcesi): «Ora fidiamoci della scienza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM