Sanità internazionale 11 Aprile 2018

È inglese l’uomo con la peggior gonorrea del mondo

Il batterio resiste alla maggior parte di antibiotici comunemente utilizzati per trattare la gonorrea. Gli allarmi sull’antibiotico-resistenza dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

Immagine articolo

Per la prima volta, il trattamento a base di antibiotici normalmente utilizzato per curare la gonorrea è risultato inefficace. Secondo la BBC, il paziente con la peggior gonorrea al mondo avrebbe contratto la malattia durante un viaggio nel Sud Est Asiatico, dove avrebbe avuto rapporti sessuali con una donna del posto. Le autorità sanitarie britanniche stanno rintracciando altri eventuali partner dell’uomo nel tentativo di evitare la diffusione dell’infezione.

Come riportato dalla newsletter di approfondimento sul Regno Unito Oltremanica, l’antibiotico resistenza della gonorrea riguarda ormai decine di Paesi, anche se questo caso, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, è un primato mondiale.

«Non era mai successo – ha dichiarato Gwenda Hughes di Public Health England – che risultassero inefficaci sia il principale trattamento antibiotico per la gonorrea (una combinazione di azitromicina e ceftriaxone) che molti altri antibiotici utilizzati comunemente».

L’uomo attualmente è in cura e i medici stanno provando un ultimo farmaco che potrebbe funzionare. Tra circa un mese si saprà se sarà effettivamente guarito. Le autorità hanno poi tranquillizzato la popolazione: non ci sono altri casi simili registrati ed il rischio che un batterio così potente sia trasmesso ad altri è minimo.

Ma gli allarmi sull’antibiotico resistenza della gonorrea ci sono da tempo. L’ultimo, lanciato dall’OMS, risale a luglio dello scorso anno: i dati raccolti in 77 Paesi, comunicava l’Organizzazione in una nota, dimostrano che l’antibiotico resistenza sta rendendo la gonorrea molto più complicata, e in alcuni casi impossibile, da trattare. Il batterio che la causa è infatti particolarmente intelligente: ogni volta che viene utilizzata una nuova classe di antibiotici per trattare l’infezione, il batterio evolve per resisterle.

LEGGI ANCHE: INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMISSIBILI IN AUMENTO: A RISCHIO LA FASCIA TRA 15 E 24 ANNI

Articoli correlati
Vaccini, OMS e UNICEF: «20 milioni di bambini non sono immunizzati»
Sono venti milioni i bambini che, in tutto il mondo, nel 2018 non hanno ricevuto i vaccini salvavita, come quelli contro il morbillo, la difterite o il tetano. Oltre il 10% della popolazione infantile mondiale. Secondo quanto emerso dai nuovi dati pubblicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dall’UNICEF, dal 2010 le percentuali di copertura delle […]
Il 60% degli italiani non pratica attività fisica regolare. Parte la campagna di ONDA contro la sedentarietà
In Italia la sedentarietà è responsabile del 14,6% di tutti i decessi (90.000 morti all’anno) e costa al SSN 1,6 miliardi di euro. Il 60% degli italiani non pratica attività fisica corretta e regolare e quindi è a rischio. Per prevenire la sedentarietà Fondazione Onda ha stilato il Manifesto contro la sedentarietà e rende disponibile negli ospedali con i Bollini Rosa e online la brochure “Smettere di essere sedentario: è facile se sai come farlo”
D’Amato (Regione Lazio): «Potenziamo la rete delle ASL per contrastare abusi e maltrattamenti a danni dei minori»
Alessio D’Amato, l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, ha presentato il Decreto del commissario ad acta pubblicato sul BURL n° 43 del 28 maggio 2019 sulla Rete sanitaria regionale per il contrasto all’abuso, al maltrattamento e al bullismo ai danni dei minori alla presenza dell’Assessore regionale alle Pari Opportunità Lorenza Bonaccorsi, lo […]
Salute, Oms inserisce lo ‘stress da lavoro’ nell’elenco delle malattie
Lo ha stabilito l'Organizzazione mondiale della Sanità dopo decenni di studi. Il primo ad occuparsi di burnout è stato lo psicologo Herbert Freudenberger nel 1974
Farmaci, OMS adotta risoluzione italiana per la trasparenza sul prezzo. Grillo: «Giornata storica»
«Il costo dei farmaci è un tema importantissimo per il Paese, - aveva dichiarato nel marzo scorso il ministro della Salute, Giulia Grillo - perché è direttamente legato alla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti