Sanità internazionale 11 aprile 2018

È inglese l’uomo con la peggior gonorrea del mondo

Il batterio resiste alla maggior parte di antibiotici comunemente utilizzati per trattare la gonorrea. Gli allarmi sull’antibiotico-resistenza dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

Immagine articolo

Per la prima volta, il trattamento a base di antibiotici normalmente utilizzato per curare la gonorrea è risultato inefficace. Secondo la BBC, il paziente con la peggior gonorrea al mondo avrebbe contratto la malattia durante un viaggio nel Sud Est Asiatico, dove avrebbe avuto rapporti sessuali con una donna del posto. Le autorità sanitarie britanniche stanno rintracciando altri eventuali partner dell’uomo nel tentativo di evitare la diffusione dell’infezione.

Come riportato dalla newsletter di approfondimento sul Regno Unito Oltremanica, l’antibiotico resistenza della gonorrea riguarda ormai decine di Paesi, anche se questo caso, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, è un primato mondiale.

«Non era mai successo – ha dichiarato Gwenda Hughes di Public Health England – che risultassero inefficaci sia il principale trattamento antibiotico per la gonorrea (una combinazione di azitromicina e ceftriaxone) che molti altri antibiotici utilizzati comunemente».

L’uomo attualmente è in cura e i medici stanno provando un ultimo farmaco che potrebbe funzionare. Tra circa un mese si saprà se sarà effettivamente guarito. Le autorità hanno poi tranquillizzato la popolazione: non ci sono altri casi simili registrati ed il rischio che un batterio così potente sia trasmesso ad altri è minimo.

Ma gli allarmi sull’antibiotico resistenza della gonorrea ci sono da tempo. L’ultimo, lanciato dall’OMS, risale a luglio dello scorso anno: i dati raccolti in 77 Paesi, comunicava l’Organizzazione in una nota, dimostrano che l’antibiotico resistenza sta rendendo la gonorrea molto più complicata, e in alcuni casi impossibile, da trattare. Il batterio che la causa è infatti particolarmente intelligente: ogni volta che viene utilizzata una nuova classe di antibiotici per trattare l’infezione, il batterio evolve per resisterle.

LEGGI ANCHE: INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMISSIBILI IN AUMENTO: A RISCHIO LA FASCIA TRA 15 E 24 ANNI

Articoli correlati
Tabagismo: una malattia contagiosa e mortale. Al via il congresso nazionale Sitab
L’epidemia da tabacco continua inesorabilmente a mietere vittime in Italia (80mila/anno), in Europa (600mila/anno) e nel mondo (>7 milioni/anno), senza contare l’incremento della cronicità che penalizza fortemente l’economia nazionale e mondiale. I decessi da fumo di tabacco avvengono soprattutto per tumori, malattie cardiovascolari e pneumologiche, con la malattia polmonare cronica ostruttiva (BPCO) in forte aumento, […]
Il 93% dei bambini respira aria tossica. I dati OMS
Ogni giorno, sulla Terra, 1,8 miliardi di bambini e ragazzi al di sotto dei 15 anni respira aria talmente inquinata da mettere seriamente a rischio la loro salute ed il loro sviluppo. Parliamo del 93% del totale. Una percentuale che raggiunge il 98%, se si considerano solo i bambini di meno di 5 anni che […]
Cure palliative, accesso solo per 5% bimbi italiani. L’appello della Fondazione Maruzza: «Applichiamo Legge contro dolore»
Presentate al Congresso internazionale sulle cure palliative pediatriche le nuove linee guida OMS, redatte dalla dottoressa Joan Marston: «Aiutano a creare una rete che possa mettersi a disposizione di ognuno dei 21 milioni di bambini che, nel mondo, ne hanno bisogno»
Alcol, il report OMS: uccide 3 milioni di persone l’anno. E il 44% degli adolescenti europei beve abitualmente
I tre quarti dei decessi dovuti a incidenti, violenze o malattie legati all’abuso di alcol colpisce gli uomini. Nel Vecchio Continente le percentuali più alte. Tutti i dati emersi dal “Global status report on alcohol and health 2018”
OMS premia ospedale da campo del Piemonte, la ‘cittadella della salute’ pronta ad operare in scenari difficili
Conferimento durante la 68esima sessione del Regional Committee for Europe. Il direttore della Maxiemergenza 118 Mario Raviolo: «Siamo gli unici in Italia ad avere la certificazione di secondo livello, sono nove in tutto il mondo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...