Sanità internazionale 16 Ottobre 2018

In Francia si vogliono affidare attività mediche a farmacisti

Per combattere la carenza di medici in quelli che vengono chiamati “les déserts médicaux”, in Francia alcune attività riservate ai camici bianchi potrebbero essere affidate ai farmacisti. È una delle proposte finite ieri sulla scrivania del ministro della Salute Agnès Buzyn ed elaborate dai delegati nazionali che si sono occupati di studiare possibili miglioramenti all’accesso […]

Per combattere la carenza di medici in quelli che vengono chiamati “les déserts médicaux”, in Francia alcune attività riservate ai camici bianchi potrebbero essere affidate ai farmacisti. È una delle proposte finite ieri sulla scrivania del ministro della Salute Agnès Buzyn ed elaborate dai delegati nazionali che si sono occupati di studiare possibili miglioramenti all’accesso alle cure.

Come riportato da Le Parisien, si andrebbe oltre alla misura già prevista dal progetto di legge sulla sicurezza sociale per il 2019, che prevede la somministrazione dei vaccini da parte dei farmacisti; la proposta prevede infatti anche un gruppo di cure primarie che potrebbero essere prescritte e fornite direttamente in farmacia: rimedi per il mal di gola, per esempio, o contro principi di infezioni urinarie, oppure allergie di stagione per le quali il paziente ogni anno assume lo stesso medicinale.

L’obiettivo è di «eliminare le barriere corporative che separano le diverse categorie di professionisti della sanità». Per raggiungerlo, gli autori della proposta suggeriscono due strade: la prima è stabilire un protocollo con i medici del territorio; la seconda prevede l’organizzazione di corsi comuni a medici, farmacisti e infermieri, che consentano loro di «conoscersi meglio e parlarsi». Proposte che potrebbero essere trasformate in emendamenti alla legge sulla sanità del 2022 che sarà discusso in Parlamento nel corso del primo trimestre del prossimo anno.

Tra le altre proposte ritenute utili a contrastare il fenomeno de “les déserts médicaux” figura il sostegno, non solo economico, ai medici che si trasferiscono nelle zone del Paese rimaste senza presidi sanitari, ma cambiando anche la mentalità ed il paradigma dell’assistenza sul territorio: «Il medico di domani non avrà più solo in carico i propri pazienti, ma sarà responsabile, insieme ad altri suoi colleghi, dell’assistenza dell’insieme della popolazione che risiede nel suo territorio di intervento».

LEGGI ANCHE: FRANCIA, PRESENTATA RIFORMA SANITÀ. ABOLIRE NUMERO CHIUSO E RINVIGORIRE PERSONALE, ECCO GLI OBIETTIVI

Articoli correlati
In Europa c’è un ospedale transfrontaliero, condiviso da Francia e Spagna
In Spagna c’è un ospedale che è anche un po’ francese. È l’unica struttura ospedaliera transfrontaliera d’Europa, a due ore di auto da Barcellona e due e mezza da Tolosa, in cui coesistono due sistemi sanitari e convivono medici e pazienti di due Paesi diversi. Le difficoltà non mancano, ma su una cosa si dicono […]
In Francia c’è una clinica dedicata alla salute mentale di medici e professionisti sanitari
ESCLUSIVA | Intervista allo psichiatra Thierry Javelot della clinica Le Gouz, che lavora con camici bianchi che combattono sempre più con stress e burnout: «Chi opera in sanità tende a non ammettere di essere malato e a non prendersi cura della propria salute. Finora abbiamo accolto soprattutto infermieri, ma i più esposti sono medici di famiglia e di Pronto soccorso»
Mistero in Francia: troppi bambini sono nati senza braccia nella stessa regione
Tra il 2009 ed il 2014, nella regione francese di Ain sono nati sette bambini con arti superiori non formati. Senza mani, senza braccia, senza dita. Si tratta di una forma di agenesia, che impedisce al feto di formare correttamente parti del corpo. Le autorità francesi hanno aperto un’indagine, conclusa qualche settimana fa senza trovare […]
In Francia non ci sono mai stati così tanti medici. Ecco tutti i numeri
Altro che carenza di medici. In Francia i camici bianchi in attività non sono mai stati così tanti. Al 1 gennaio 2018 erano 226mila. 10mila in più rispetto al 2012. Eppure, molti francesi hanno difficoltà a trovare un medico di base. Anche Oltralpe, sono infatti sempre meno i giovani che scelgono la medicina generale, che […]
Morbillo, impennata di casi a marzo. Ricciardi (Iss): «Non è una sorpresa, colpiti i non vaccinati»
Il totale del mese come la somma di gennaio e febbraio. La Sicilia la regione più colpita, poi Lazio e Calabria. Dati in calo rispetto al 2017 quando nei primi tre mesi i colpiti erano stati 1755. Record in Francia, con 1900 infetti da inizio anno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...