Sanità internazionale 16 Ottobre 2018

In Francia si vogliono affidare attività mediche a farmacisti

Per combattere la carenza di medici in quelli che vengono chiamati “les déserts médicaux”, in Francia alcune attività riservate ai camici bianchi potrebbero essere affidate ai farmacisti. È una delle proposte finite ieri sulla scrivania del ministro della Salute Agnès Buzyn ed elaborate dai delegati nazionali che si sono occupati di studiare possibili miglioramenti all’accesso […]

Per combattere la carenza di medici in quelli che vengono chiamati “les déserts médicaux”, in Francia alcune attività riservate ai camici bianchi potrebbero essere affidate ai farmacisti. È una delle proposte finite ieri sulla scrivania del ministro della Salute Agnès Buzyn ed elaborate dai delegati nazionali che si sono occupati di studiare possibili miglioramenti all’accesso alle cure.

Come riportato da Le Parisien, si andrebbe oltre alla misura già prevista dal progetto di legge sulla sicurezza sociale per il 2019, che prevede la somministrazione dei vaccini da parte dei farmacisti; la proposta prevede infatti anche un gruppo di cure primarie che potrebbero essere prescritte e fornite direttamente in farmacia: rimedi per il mal di gola, per esempio, o contro principi di infezioni urinarie, oppure allergie di stagione per le quali il paziente ogni anno assume lo stesso medicinale.

L’obiettivo è di «eliminare le barriere corporative che separano le diverse categorie di professionisti della sanità». Per raggiungerlo, gli autori della proposta suggeriscono due strade: la prima è stabilire un protocollo con i medici del territorio; la seconda prevede l’organizzazione di corsi comuni a medici, farmacisti e infermieri, che consentano loro di «conoscersi meglio e parlarsi». Proposte che potrebbero essere trasformate in emendamenti alla legge sulla sanità del 2022 che sarà discusso in Parlamento nel corso del primo trimestre del prossimo anno.

Tra le altre proposte ritenute utili a contrastare il fenomeno de “les déserts médicaux” figura il sostegno, non solo economico, ai medici che si trasferiscono nelle zone del Paese rimaste senza presidi sanitari, ma cambiando anche la mentalità ed il paradigma dell’assistenza sul territorio: «Il medico di domani non avrà più solo in carico i propri pazienti, ma sarà responsabile, insieme ad altri suoi colleghi, dell’assistenza dell’insieme della popolazione che risiede nel suo territorio di intervento».

LEGGI ANCHE: FRANCIA, PRESENTATA RIFORMA SANITÀ. ABOLIRE NUMERO CHIUSO E RINVIGORIRE PERSONALE, ECCO GLI OBIETTIVI

Articoli correlati
Covid-19, Oms segnala l’aumento di casi più grande da inizio epidemia. Preoccupano Francia e Spagna
Quasi due milioni di nuovi contagi in una settimana nel mondo. In cima restano Americhe e India, ma in Europa si teme la seconda ondata
Speranza annuncia: «Obbligo di tampone per chi arriva da Parigi e zone rosse in Francia»
Lo ha comunicato su Facebook il ministro Speranza: tampone o test se si arriva dalla Francia. Da giorni oltre 10 mila contagi al giorno. «Italia sta meglio di altri Paesi ma serve prudenza»
Francia, il governo concede l’aumento dei salari agli operatori sanitari per 8 miliardi di euro
Dopo mesi di lotte con i sindacati il governo francese ha detto sì all'aumento dei salari per gli attori della lotta al coronavirus. 450 i milioni riservati ai medici del settore pubblico
Covid-19, in Francia pochi tamponi, diagnosi con Tac e ospedali dedicati ai malati di Coronavirus
Il racconto di Andrea, chirurgo italiano a Parigi: «Ci affidiamo all‘ossigenoterapia in attesa dei risultati del grande studio Discovery che dirà quali farmaci funzionano»
di Federica Bosco
L’appello a Macron di 200 medici italiani in Francia: «Più consapevolezza del pericolo e più tutele»
Marco Mafrici: «Con questo documento proponiamo azioni concrete per contenere la minaccia Covid-19 in Francia. L’esempio dell’Italia insegna che la prevenzione è fondamentale e i medici devono essere protetti»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...