Sanità internazionale 12 Marzo 2019

Finlandia, dimissioni del Governo per il fallimento della riforma sanitaria

Finlandia, dimissioni del Governo per il fallimento della riforma sanitaria

A poche settimane dalle elezioni parlamentari, il premier finlandese Juha Sipila ha annunciato le dimissioni di tutto il governo. Tra le motivazioni, il fallimento del tentativo di riformare i settori del welfare e della sanità. La riforma sanitaria era uno dei progetti più importanti e ambiziosi di Sipila che, secondo le previsioni, doveva ridurre di almeno tre miliardi di euro in dieci anni la spesa per la salute. Un obiettivo ambizioso, considerato il progressivo e costante invecchiamento della popolazione finlandese ed il relativo aumento della spesa sanitaria. Secondo Eurostat, nel 2018 gli ultrasessantacinquenni hanno superato in Finlandia il 21% della popolazione, dato più alto in Europa dopo Germania, Portogallo, Grecia e Italia.

«Mi assumo la responsabilità del fallimento, è stata un’enorme delusione», ha detto ai giornalisti il premier, che continua a rimanere in carica per il disbrigo degli affari correnti. Quella della riforma sanitaria è la seconda grande delusione per il premier, che già all’inizio del mese scorso aveva dovuto archiviare come un fallimento l’esperimento del ‘reddito garantito’ in base al quale per due anni sono stati distribuiti senza condizioni 560 euro al mese a un campione di 2mila disoccupati, scelti a caso, fra i 25 e i 58 anni. L’istituto per la sicurezza sociale (Kela) ha affermato che l’esperimento ha prodotto, nei beneficiari, «un miglioramento sul piano del benessere, con una riduzione dei sintomi da stress». Tuttavia, il ministro alla Sanità e agli Affari sociali, Pirkko Mattila, ha dovuto ammettere che sul piano del mercato del lavoro il reddito di base garantito ha prodotto effetti del tutto trascurabili.

LEGGI ANCHE: PARTE DA FINLANDIA ED ESTONIA LA EPRESCRIPTION, LA “RICETTA MEDICA EUROPEA”. ENTRO IL 2021 SARA’ ATTIVA IN TUTTA LA UE

 

Articoli correlati
“Dimissioni” medici in Francia, Anelli (FNOMCeO): «Soffia un vento nuovo in Europa»
Il presidente della Fnomceo Filippo Anelli, su Facebook, manifesta vicinanza ai colleghi francesi che si sono ‘dimessi’ in massa dalle loro funzioni amministrative e traccia un parallelo con gli Stati Generali avviati in Italia
Parte da Finlandia ed Estonia la ePrescription, la “ricetta medica europea”. Entro il 2021 sarà attiva in tutta la Ue
Il servizio permette ai cittadini dell’Ue di ritirare le proprie medicine anche nelle farmacie di un altro paese dell’Unione che hanno aderito all’iniziativa. La prescrizione dev’essere elettronica e non cartacea, e una volta fatta dev’essere trasferita on line sulla piattaforma eHealth
Asse Italia-Finlandia per la sicurezza alimentare, Riva (EFSA): «Formazione e tecnologie al centro del nostro progetto europeo»
Il presidente del COCI e membro del Comitato Scientifico di Sanità in-Formazione spiega ai nostri microfoni gli obiettivi del percorso intrapreso con l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare: «Fondamentale fare “massa critica” con tutti i Paesi membri e migliorare la preparazione di medici e dentisti»
Goodbye Obamacare. La rivincita di Trump: «Una riforma catastrofica che finalmente è morta»
La Camera approva l'abrogazione della riforma sanitaria vessillo della presidenza di Obama. 217 favorevoli contro 213 contrari. ora Trump all'esame del Senato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli