Sanità internazionale 18 Dicembre 2017

Curarsi o mangiare: la scelta che 100 milioni di persone nel mondo devono fare ogni giorno

Senza un sistema sanitario universale come quello italiano, in molti Paesi i pazienti sono costretti a sostenere delle spese mediche tanto elevate da ridursi in uno stato di povertà estrema, e devono provare a trovare un modo per sopravvivere con meno di 2 dollari al giorno. Sono circa 100 milioni le persone che ogni giorno […]

Senza un sistema sanitario universale come quello italiano, in molti Paesi i pazienti sono costretti a sostenere delle spese mediche tanto elevate da ridursi in uno stato di povertà estrema, e devono provare a trovare un modo per sopravvivere con meno di 2 dollari al giorno. Sono circa 100 milioni le persone che ogni giorno sono costrette a scegliere tra curarsi e soddisfare altre necessità, come mangiare.

È la denuncia lanciata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità presentando un rapporto elaborato insieme alla Banca Mondiale: almeno metà della popolazione mondiale non ha accesso ai servizi sanitari essenziali; 800 milioni di persone spendono almeno il 10% delle loro entrate in spese sanitarie per se stessi, un bambino malato o un altro membro della famiglia. Ma il rapporto contiene anche notizie positive: nel ventunesimo secolo è stato registrato un aumento del numero di persone che ha accesso ad alcuni servizi sanitari essenziali, come vaccinazioni e possibilità di pianificazione familiare, farmaci antiretrovirali per il trattamento dell’infezione da HIV o zanzariere da letto trattate con insetticidi necessarie per la prevenzione della malaria.

Questi cambiamenti non riguardano però tutti i Paesi in modo uguale. Si registrano infatti differenze molto nette nella disponibilità dei servizi, praticamente del tutto assenti nell’Africa Sub-Sahariana o in Asia meridionale. E sono riportate importanti diseguaglianze non solo tra i Paesi, ma anche all’interno di questi: le medie nazionali possono infatti camuffare l’indisponibilità di servizi sanitari per le parti più svantaggiate della popolazione. Per esempio, nei Paesi a reddito medio-basso, solo il 17% delle mamme e dei bambini più poveri riceve i servizi necessari, a fronte del 74% delle famiglie più benestanti.

«È assolutamente inaccettabile che a metà del mondo manchino i servizi sanitari più essenziali – ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’OMS -, quando una soluzione esiste: la copertura sanitaria universale, che permette a tutti di ottenere servizi sanitari quando e dove se ne ha bisogno e senza richiedere un contributo economico».

«Il rapporto chiarisce che dobbiamo agire in modo serio, non solo per raggiungere livelli più alti di salute ma anche per porre fine alla povertà, e concentrare urgentemente i nostri sforzi per raggiungere la copertura sanitaria universale – ha affermato il Presidente della Banca Mondiale Jim Yong Kim -. Gli investimenti sulla salute e, in generale, sulle persone, sono essenziali per creare capitale umano e rendere sostenibile ed inclusiva la crescita economica. Ma il sistema è malfunzionante: è necessario cambiare il modo in cui mobilitiamo le risorse per la salute e per il capitale umano, soprattutto a livello nazionale. La Banca Mondiale sta lavorando su diversi fronti per aiutare gli Stati a spendere di più e in modo più efficace per la propria popolazione e per incentivare il loro sviluppo verso un modello di copertura sanitaria universale», ha concluso.

Articoli correlati
Il 60% degli italiani non pratica attività fisica regolare. Parte la campagna di ONDA contro la sedentarietà
In Italia la sedentarietà è responsabile del 14,6% di tutti i decessi (90.000 morti all’anno) e costa al SSN 1,6 miliardi di euro. Il 60% degli italiani non pratica attività fisica corretta e regolare e quindi è a rischio. Per prevenire la sedentarietà Fondazione Onda ha stilato il Manifesto contro la sedentarietà e rende disponibile negli ospedali con i Bollini Rosa e online la brochure “Smettere di essere sedentario: è facile se sai come farlo”
D’Amato (Regione Lazio): «Potenziamo la rete delle ASL per contrastare abusi e maltrattamenti a danni dei minori»
Alessio D’Amato, l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, ha presentato il Decreto del commissario ad acta pubblicato sul BURL n° 43 del 28 maggio 2019 sulla Rete sanitaria regionale per il contrasto all’abuso, al maltrattamento e al bullismo ai danni dei minori alla presenza dell’Assessore regionale alle Pari Opportunità Lorenza Bonaccorsi, lo […]
Salute, Oms inserisce lo ‘stress da lavoro’ nell’elenco delle malattie
Lo ha stabilito l'Organizzazione mondiale della Sanità dopo decenni di studi. Il primo ad occuparsi di burnout è stato lo psicologo Herbert Freudenberger nel 1974
Farmaci, OMS adotta risoluzione italiana per la trasparenza sul prezzo. Grillo: «Giornata storica»
«Il costo dei farmaci è un tema importantissimo per il Paese, - aveva dichiarato nel marzo scorso il ministro della Salute, Giulia Grillo - perché è direttamente legato alla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale»
OMS, al via l’assemblea a Ginevra. L’Italia chiede più trasparenza sul prezzo dei farmaci
L'Assemblea mondiale della Salute costituisce un forum unico e privilegiato di confronto, a livello internazionale, sui principali temi relativi alla salute globale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...