Sanità internazionale 18 dicembre 2017

Curarsi o mangiare: la scelta che 100 milioni di persone nel mondo devono fare ogni giorno

Senza un sistema sanitario universale come quello italiano, in molti Paesi i pazienti sono costretti a sostenere delle spese mediche tanto elevate da ridursi in uno stato di povertà estrema, e devono provare a trovare un modo per sopravvivere con meno di 2 dollari al giorno. Sono circa 100 milioni le persone che ogni giorno […]

Senza un sistema sanitario universale come quello italiano, in molti Paesi i pazienti sono costretti a sostenere delle spese mediche tanto elevate da ridursi in uno stato di povertà estrema, e devono provare a trovare un modo per sopravvivere con meno di 2 dollari al giorno. Sono circa 100 milioni le persone che ogni giorno sono costrette a scegliere tra curarsi e soddisfare altre necessità, come mangiare.

È la denuncia lanciata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità presentando un rapporto elaborato insieme alla Banca Mondiale: almeno metà della popolazione mondiale non ha accesso ai servizi sanitari essenziali; 800 milioni di persone spendono almeno il 10% delle loro entrate in spese sanitarie per se stessi, un bambino malato o un altro membro della famiglia. Ma il rapporto contiene anche notizie positive: nel ventunesimo secolo è stato registrato un aumento del numero di persone che ha accesso ad alcuni servizi sanitari essenziali, come vaccinazioni e possibilità di pianificazione familiare, farmaci antiretrovirali per il trattamento dell’infezione da HIV o zanzariere da letto trattate con insetticidi necessarie per la prevenzione della malaria.

Questi cambiamenti non riguardano però tutti i Paesi in modo uguale. Si registrano infatti differenze molto nette nella disponibilità dei servizi, praticamente del tutto assenti nell’Africa Sub-Sahariana o in Asia meridionale. E sono riportate importanti diseguaglianze non solo tra i Paesi, ma anche all’interno di questi: le medie nazionali possono infatti camuffare l’indisponibilità di servizi sanitari per le parti più svantaggiate della popolazione. Per esempio, nei Paesi a reddito medio-basso, solo il 17% delle mamme e dei bambini più poveri riceve i servizi necessari, a fronte del 74% delle famiglie più benestanti.

«È assolutamente inaccettabile che a metà del mondo manchino i servizi sanitari più essenziali – ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’OMS -, quando una soluzione esiste: la copertura sanitaria universale, che permette a tutti di ottenere servizi sanitari quando e dove se ne ha bisogno e senza richiedere un contributo economico».

«Il rapporto chiarisce che dobbiamo agire in modo serio, non solo per raggiungere livelli più alti di salute ma anche per porre fine alla povertà, e concentrare urgentemente i nostri sforzi per raggiungere la copertura sanitaria universale – ha affermato il Presidente della Banca Mondiale Jim Yong Kim -. Gli investimenti sulla salute e, in generale, sulle persone, sono essenziali per creare capitale umano e rendere sostenibile ed inclusiva la crescita economica. Ma il sistema è malfunzionante: è necessario cambiare il modo in cui mobilitiamo le risorse per la salute e per il capitale umano, soprattutto a livello nazionale. La Banca Mondiale sta lavorando su diversi fronti per aiutare gli Stati a spendere di più e in modo più efficace per la propria popolazione e per incentivare il loro sviluppo verso un modello di copertura sanitaria universale», ha concluso.

Articoli correlati
Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»
Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
Allattamento materno, vitale per la salute dei bambini. Grillo: «È importante ma deve essere fatto all’interno di un percorso di sostegno»
Numeri ancora bassi: 41% lo pratica, auspicabile arrivare al 50%. Ministro Grillo: «Allattare al seno è importante ma deve essere fatto all’interno di un percorso di consapevolezza e sostegno»
di Lucia Oggianu
Migranti, Foad Aodi (AMSI): «Con il rapporto Oms sul “falso mito” che gli immigrati portano malattie, è finita la pacchia degli spot da bar»
Grande soddisfazione viene espressa dall’Associazione Medici di Origine straniera in Italia (AMSI) e dalla Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) insieme a tutte le associazioni aderenti al movimento Internazionale Uniti per Unire, dopo il recente rapporto curato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha sancito la totale inconsistenza delle teorie che affermano che «gli immigrati portano […]
Il primo rapporto OMS sulla salute di migranti e rifugiati, che non portano malattie
Migranti e rifugiati arrivano in Europa in buona salute, ma gli spostamenti e le condizioni di vita nei Paesi ospitanti aumentano il rischio di malattie
ISS, Ricciardi saluta e fa un bilancio: «Conti risanati e contributi importanti, dai vaccini all’Ilva. Con Grillo nessuna polemica»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, che lascia dopo quattro anni e mezzo, sottolinea: «Percorso impegnativo ed entusiasmante. Abbiamo stabilizzato 473 unità di personale e destinato 16 milioni di euro a logistica e tecnologie». Nel suo futuro la presidenza della Federazione mondiale delle Società di Sanità pubblica. Da ultimo l’incarico nel Comitato scientifico della Fondazione “Italia in Salute” di Federico Gelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...