Sanità internazionale 18 Dicembre 2017

Curarsi o mangiare: la scelta che 100 milioni di persone nel mondo devono fare ogni giorno

Senza un sistema sanitario universale come quello italiano, in molti Paesi i pazienti sono costretti a sostenere delle spese mediche tanto elevate da ridursi in uno stato di povertà estrema, e devono provare a trovare un modo per sopravvivere con meno di 2 dollari al giorno. Sono circa 100 milioni le persone che ogni giorno […]

Senza un sistema sanitario universale come quello italiano, in molti Paesi i pazienti sono costretti a sostenere delle spese mediche tanto elevate da ridursi in uno stato di povertà estrema, e devono provare a trovare un modo per sopravvivere con meno di 2 dollari al giorno. Sono circa 100 milioni le persone che ogni giorno sono costrette a scegliere tra curarsi e soddisfare altre necessità, come mangiare.

È la denuncia lanciata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità presentando un rapporto elaborato insieme alla Banca Mondiale: almeno metà della popolazione mondiale non ha accesso ai servizi sanitari essenziali; 800 milioni di persone spendono almeno il 10% delle loro entrate in spese sanitarie per se stessi, un bambino malato o un altro membro della famiglia. Ma il rapporto contiene anche notizie positive: nel ventunesimo secolo è stato registrato un aumento del numero di persone che ha accesso ad alcuni servizi sanitari essenziali, come vaccinazioni e possibilità di pianificazione familiare, farmaci antiretrovirali per il trattamento dell’infezione da HIV o zanzariere da letto trattate con insetticidi necessarie per la prevenzione della malaria.

Questi cambiamenti non riguardano però tutti i Paesi in modo uguale. Si registrano infatti differenze molto nette nella disponibilità dei servizi, praticamente del tutto assenti nell’Africa Sub-Sahariana o in Asia meridionale. E sono riportate importanti diseguaglianze non solo tra i Paesi, ma anche all’interno di questi: le medie nazionali possono infatti camuffare l’indisponibilità di servizi sanitari per le parti più svantaggiate della popolazione. Per esempio, nei Paesi a reddito medio-basso, solo il 17% delle mamme e dei bambini più poveri riceve i servizi necessari, a fronte del 74% delle famiglie più benestanti.

«È assolutamente inaccettabile che a metà del mondo manchino i servizi sanitari più essenziali – ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’OMS -, quando una soluzione esiste: la copertura sanitaria universale, che permette a tutti di ottenere servizi sanitari quando e dove se ne ha bisogno e senza richiedere un contributo economico».

«Il rapporto chiarisce che dobbiamo agire in modo serio, non solo per raggiungere livelli più alti di salute ma anche per porre fine alla povertà, e concentrare urgentemente i nostri sforzi per raggiungere la copertura sanitaria universale – ha affermato il Presidente della Banca Mondiale Jim Yong Kim -. Gli investimenti sulla salute e, in generale, sulle persone, sono essenziali per creare capitale umano e rendere sostenibile ed inclusiva la crescita economica. Ma il sistema è malfunzionante: è necessario cambiare il modo in cui mobilitiamo le risorse per la salute e per il capitale umano, soprattutto a livello nazionale. La Banca Mondiale sta lavorando su diversi fronti per aiutare gli Stati a spendere di più e in modo più efficace per la propria popolazione e per incentivare il loro sviluppo verso un modello di copertura sanitaria universale», ha concluso.

Articoli correlati
Coronavirus, rientra allarme su caso sospetto a Bari: «La paziente non ha più febbre, a casa tra pochi giorni»
In Cina sono 25 i morti e oltre 800 i contagi. Ma per l’OMS è troppo presto per parlare di emergenza sanitaria globale
Coronavirus, 300 contagi e 6 morti in Cina. Convocato il comitato speciale dell’Oms
L’ultimo caso di contagio fuori i confini cinesi riguarda l’Australia. Confermata la trasmissione del coronavirus da uomo a uomo. Domani riunione degli Stati UE
Cina, una misteriosa epidemia di polmonite virale spaventa l’Oriente
Cinquantanove le persone contagiate in pochi giorni: la causa sembra essere un nuovo ceppo di coronavirus della stessa famiglia della Sars e della Mers. Allertati aeroporti e stazioni, l'Oms monitora la situazione
Il 2020 sarà l’anno di infermieri e ostetriche. Oms: «Nel mondo ne serviranno 9 milioni entro il 2030»
Non va meglio in Italia dove la carenza è stimata in oltre 50mila unità. Il 12 maggio 2020 sarà celebrata la giornata internazionale dell’infermiere e il 200º anniversario della nascita di Florence Nightingale
Aggressioni al personale sanitario, Yongjie Yon (OMS-ONU): «Aumentare la consapevolezza per prevenire il fenomeno»
«C’è bisogno di un approccio politico di tolleranza zero e di sostenere la causa a livello pubblico. Serve la collaborazione da parte di tutti per prevenire le aggressioni verso gli operatori sanitari: politica, media e forze dell’ordine» il pensiero del Rappresentante OMS-ONU Yongjie Yon a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...