Sanità internazionale 18 Dicembre 2017

Curarsi o mangiare: la scelta che 100 milioni di persone nel mondo devono fare ogni giorno

Senza un sistema sanitario universale come quello italiano, in molti Paesi i pazienti sono costretti a sostenere delle spese mediche tanto elevate da ridursi in uno stato di povertà estrema, e devono provare a trovare un modo per sopravvivere con meno di 2 dollari al giorno. Sono circa 100 milioni le persone che ogni giorno […]

Senza un sistema sanitario universale come quello italiano, in molti Paesi i pazienti sono costretti a sostenere delle spese mediche tanto elevate da ridursi in uno stato di povertà estrema, e devono provare a trovare un modo per sopravvivere con meno di 2 dollari al giorno. Sono circa 100 milioni le persone che ogni giorno sono costrette a scegliere tra curarsi e soddisfare altre necessità, come mangiare.

È la denuncia lanciata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità presentando un rapporto elaborato insieme alla Banca Mondiale: almeno metà della popolazione mondiale non ha accesso ai servizi sanitari essenziali; 800 milioni di persone spendono almeno il 10% delle loro entrate in spese sanitarie per se stessi, un bambino malato o un altro membro della famiglia. Ma il rapporto contiene anche notizie positive: nel ventunesimo secolo è stato registrato un aumento del numero di persone che ha accesso ad alcuni servizi sanitari essenziali, come vaccinazioni e possibilità di pianificazione familiare, farmaci antiretrovirali per il trattamento dell’infezione da HIV o zanzariere da letto trattate con insetticidi necessarie per la prevenzione della malaria.

Questi cambiamenti non riguardano però tutti i Paesi in modo uguale. Si registrano infatti differenze molto nette nella disponibilità dei servizi, praticamente del tutto assenti nell’Africa Sub-Sahariana o in Asia meridionale. E sono riportate importanti diseguaglianze non solo tra i Paesi, ma anche all’interno di questi: le medie nazionali possono infatti camuffare l’indisponibilità di servizi sanitari per le parti più svantaggiate della popolazione. Per esempio, nei Paesi a reddito medio-basso, solo il 17% delle mamme e dei bambini più poveri riceve i servizi necessari, a fronte del 74% delle famiglie più benestanti.

«È assolutamente inaccettabile che a metà del mondo manchino i servizi sanitari più essenziali – ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’OMS -, quando una soluzione esiste: la copertura sanitaria universale, che permette a tutti di ottenere servizi sanitari quando e dove se ne ha bisogno e senza richiedere un contributo economico».

«Il rapporto chiarisce che dobbiamo agire in modo serio, non solo per raggiungere livelli più alti di salute ma anche per porre fine alla povertà, e concentrare urgentemente i nostri sforzi per raggiungere la copertura sanitaria universale – ha affermato il Presidente della Banca Mondiale Jim Yong Kim -. Gli investimenti sulla salute e, in generale, sulle persone, sono essenziali per creare capitale umano e rendere sostenibile ed inclusiva la crescita economica. Ma il sistema è malfunzionante: è necessario cambiare il modo in cui mobilitiamo le risorse per la salute e per il capitale umano, soprattutto a livello nazionale. La Banca Mondiale sta lavorando su diversi fronti per aiutare gli Stati a spendere di più e in modo più efficace per la propria popolazione e per incentivare il loro sviluppo verso un modello di copertura sanitaria universale», ha concluso.

Articoli correlati
«Pochi o nessun beneficio dagli antivirali sperimentati su pazienti Covid ricoverati». I primi risultati del trial OMS
I risultati intermedi del big-trial Solidarity su Remdesivir, Idrossiclorochina, Lopinavir, Ritonavir e Interferone-B1A
di Peter D'Angelo
Oms, Kluge: «In 10 giorni da 6 a 7 milioni di casi in Europa. Ma non è come a marzo»
Anche se si tornasse al lockdown, non sarebbe quello di sei mesi fa. Il direttore della regione Europea Oms parla di aumento esponenziale dei casi, ma mortalità ancora bassa
Coronavirus, Oms: «Crescita record, 2,2 milioni di nuovi casi in una settimana»
Dal 30 dicembre 2019 all'11 ottobre, inoltre, sono stati segnalati oltre 37 milioni di casi di Covid-19 e 1 milione di decessi in tutto il mondo
Oms: «10% del mondo già contagiato. Metà dei nuovi casi in soli 5 Paesi, tra cui la Francia»
Per la prima volta un paese europeo torna tra i territori con più contagi. Oms avverte il mondo, ancora tanti sono esposti al virus
Un milione di morti per Covid-19. Le storie simbolo della pandemia
Il numero di decessi da coronavirus è arrivato a un milione. L'Oms avverte del pericolo di raddoppiare la cifra. Qui cinque storie simboliche delle persone che abbiamo perso nella lotta contro il virus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 19 ottobre, sono 39.965.414 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.113.307 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...