Sanità internazionale 26 Gennaio 2021 12:48

Così Joe Biden cambierà la sanità americana

Tutte le sfide della nuova presidenza americana. Ma sulla strada dei Democratici c’è la maggioranza risicata al Congresso

di Tommaso Caldarelli
Così Joe Biden cambierà la sanità americana

Sono diciassette gli ordini esecutivi che il neo presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato nel primo giorno successivo al suo insediamento. Fra questi, il mandato federale che impone l’obbligo di mascherine, così tanto avversato dal suo predecessore Donald J. Trump, e il reingresso degli Stati Uniti nell’Organizzazione Mondiale della Sanità (processo che potrebbe durare oltre un anno).

Un mandato che si apre dunque nell’ottica del multilateralismo, della rinnovata fiducia nelle organizzazioni internazionali e nel consenso degli scienziati. Il primo tentativo di portare gli Stati Uniti d’America fuori dalla situazione di isolamento geopolitico e reputazionale in cui, secondo molti, si erano arenati.

Il programma di Joe Biden per la sanità

È il British Medical Journal a dettagliare, in un editoriale, quali siano i piani per la sanità del neopresidente degli Stati Uniti. Fra le priorità della nuova amministrazione, «espandere l’accesso all’assicurazione sanitaria, semplificare il notoriamente complesso sistema sanitario americano, tagliare i costi delle prescrizioni, espandere l’accesso all’aborto».

Due sono le «opzioni più ambiziose» che il nuovo gabinetto presidenziale pone allo studio: «Permettere a un piano assicurativo di impronta pubblicistica di andare a competere contro gli assicuratori privati nell’ambito dello schema Affordable Care Act (anche noto come Obamacare) (…) e abbassare l’età minima richiesta per l’ingresso nel programma Medicare, lo schema assicurativo governativo pensato per pazienti con più di 65 anni».

Questa era la piattaforma programmatica del candidato democratico alla Casa Bianca, prima che l’epidemia da coronavirus complicasse le cose, e non di poco. Il nuovo governo deve ora «invertire la rotta rispetto a misure di sicurezza inadeguate e allarmi sottovalutati».

Mascherine e vaccinazioni

Il presidente Biden ha già espresso l’intenzione di premere sui governatori degli stati affinché rimangano fedeli all’obbligo di indossare le mascherine nei primi 100 giorni di mandato, proclamato con ordine presidenziale. Ma «il presidente ha un’autorità limitata riguardo le misure di prevenzione, la responsabilità principale ricade sugli stati. (…) Biden ha detto che incoraggerà le autorità locali e statali a far rispettare le norme statali e richiederà che vengano indossate le maschere sulle proprietà federali e sui trasporti interstatali».

Quanto al programma vaccinale, secondo il BMJ la nuova amministrazione si confronta con serie difficoltà lasciate dall’amministrazione Trump: non ci sono dati completi, non c’è struttura né personale di distribuzione e, tendenzialmente, la campagna vaccinale è gestita a livello statale. Biden ha già chiesto che sottoporrà al Congresso la richiesta di oltre 20 miliardi di dollari per accelerare il processo vaccinale.

Al Congresso il collo di bottiglia

Ed è proprio questo il punto di caduta politico della nuova amministrazione Biden: con grande fatica i democratici hanno ottenuto la maggioranza in entrambi i rami del Congresso. Avendo una maggioranza negli organi legislativi, «Biden ha una buona occasione di vedere una gran parte della sua agenda approvata. Ma le maggioranze al Senato e alla Camera sono molto strette, e alcuni democratici sono più orientati verso il lato conservatore, mentre alcune leggi per essere approvate richiedono una supermaggioranza». Joe Biden ha ora due anni, prima delle prime elezioni di metà mandato a sua disposizione, per far passare, insomma, le riforme più impopolari del suo term alla Casa Bianca.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo
La fine anticipata della legislatura, sempre più probabile dopo le dimissioni di Mario Draghi, rischia di fermare molti disegni di legge all’esame del Parlamento: dallo psicologo delle cure primarie al budget di salute fino alle norme sulla Concorrenza. La crisi rischia di ritardare anche alcuni decreti attuativi come quelli per le malattie rare e per i ristori ai sanitari deceduti per il Covid
di Francesco Torre
Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Sanità a rischio collasso, subito quarta dose e assunzioni»
«Tra Covid-19 e fuga dagli ospedali pubblici il personale è all'osso. Rischiamo un autunno drammatico»
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 agosto, sono 585.421.147 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.420.315 i decessi. Ad oggi, oltre 12,01 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale