Sanità internazionale 26 Gennaio 2021 12:48

Così Joe Biden cambierà la sanità americana

Tutte le sfide della nuova presidenza americana. Ma sulla strada dei Democratici c’è la maggioranza risicata al Congresso

di Tommaso Caldarelli
Così Joe Biden cambierà la sanità americana

Sono diciassette gli ordini esecutivi che il neo presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato nel primo giorno successivo al suo insediamento. Fra questi, il mandato federale che impone l’obbligo di mascherine, così tanto avversato dal suo predecessore Donald J. Trump, e il reingresso degli Stati Uniti nell’Organizzazione Mondiale della Sanità (processo che potrebbe durare oltre un anno).

Un mandato che si apre dunque nell’ottica del multilateralismo, della rinnovata fiducia nelle organizzazioni internazionali e nel consenso degli scienziati. Il primo tentativo di portare gli Stati Uniti d’America fuori dalla situazione di isolamento geopolitico e reputazionale in cui, secondo molti, si erano arenati.

Il programma di Joe Biden per la sanità

È il British Medical Journal a dettagliare, in un editoriale, quali siano i piani per la sanità del neopresidente degli Stati Uniti. Fra le priorità della nuova amministrazione, «espandere l’accesso all’assicurazione sanitaria, semplificare il notoriamente complesso sistema sanitario americano, tagliare i costi delle prescrizioni, espandere l’accesso all’aborto».

Due sono le «opzioni più ambiziose» che il nuovo gabinetto presidenziale pone allo studio: «Permettere a un piano assicurativo di impronta pubblicistica di andare a competere contro gli assicuratori privati nell’ambito dello schema Affordable Care Act (anche noto come Obamacare) (…) e abbassare l’età minima richiesta per l’ingresso nel programma Medicare, lo schema assicurativo governativo pensato per pazienti con più di 65 anni».

Questa era la piattaforma programmatica del candidato democratico alla Casa Bianca, prima che l’epidemia da coronavirus complicasse le cose, e non di poco. Il nuovo governo deve ora «invertire la rotta rispetto a misure di sicurezza inadeguate e allarmi sottovalutati».

Mascherine e vaccinazioni

Il presidente Biden ha già espresso l’intenzione di premere sui governatori degli stati affinché rimangano fedeli all’obbligo di indossare le mascherine nei primi 100 giorni di mandato, proclamato con ordine presidenziale. Ma «il presidente ha un’autorità limitata riguardo le misure di prevenzione, la responsabilità principale ricade sugli stati. (…) Biden ha detto che incoraggerà le autorità locali e statali a far rispettare le norme statali e richiederà che vengano indossate le maschere sulle proprietà federali e sui trasporti interstatali».

Quanto al programma vaccinale, secondo il BMJ la nuova amministrazione si confronta con serie difficoltà lasciate dall’amministrazione Trump: non ci sono dati completi, non c’è struttura né personale di distribuzione e, tendenzialmente, la campagna vaccinale è gestita a livello statale. Biden ha già chiesto che sottoporrà al Congresso la richiesta di oltre 20 miliardi di dollari per accelerare il processo vaccinale.

Al Congresso il collo di bottiglia

Ed è proprio questo il punto di caduta politico della nuova amministrazione Biden: con grande fatica i democratici hanno ottenuto la maggioranza in entrambi i rami del Congresso. Avendo una maggioranza negli organi legislativi, «Biden ha una buona occasione di vedere una gran parte della sua agenda approvata. Ma le maggioranze al Senato e alla Camera sono molto strette, e alcuni democratici sono più orientati verso il lato conservatore, mentre alcune leggi per essere approvate richiedono una supermaggioranza». Joe Biden ha ora due anni, prima delle prime elezioni di metà mandato a sua disposizione, per far passare, insomma, le riforme più impopolari del suo term alla Casa Bianca.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Sanità italiana divisa a metà: 29 milioni di italiani in difficoltà con le cure
La sanità italiana sempre più divisa in due con ben 29 milioni di italiani che potrebbero avere serie difficoltà. Le performance sanitarie per il 2023 vedono infatti otto tra Regioni e Province autonome promosse, sette rimandate e sei bocciate. Sono i risultato del rapporto «Le performance regionali» del Crea Sanità, Centro per la ricerca economica applicata in sanità, presentato oggi a Roma
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...