Sanità internazionale 21 Aprile 2020

Accelerating research with data sharing, the EU Commission launches the “European Covid-19 Data Platform”

Since the very beginning of the Coronavirus pandemic it has become clear that the only way to defeat it properly is finding a vaccine. This conclusion has brought all the attention on scientists, almost pressurizing them to find a cure as fast as they can. However, like experts keep repeating, science needs time, attempts and verifications. […]

di Gloria Frezza

Since the very beginning of the Coronavirus pandemic it has become clear that the only way to defeat it properly is finding a vaccine. This conclusion has brought all the attention on scientists, almost pressurizing them to find a cure as fast as they can. However, like experts keep repeating, science needs time, attempts and verifications. All the rest of the world can do is to provide them with the best environment and instruments to make their work easier.

Following this need, the European Commission launched a “European Covid-19 Data Platform” to enable the fast collection and sharing of available research data. The President of the European Commission, Ursula Von der Leyen, explained how it will work on her social media accounts. «Scientists around the world have already produced a wealth knowledge on Coronavirus – she clarified – but no researcher, lab or country could find the solution alone. And this is why we want to help scientists to access data and share with the others across boarders, disciplines and healthcare systems».

READ: WHO: «COVID-19 IS TEN TIMES DEADLIER THAN SWINE FLU»

The new platform will provide an open global space where researchers can store a wide variety of useful data. «From genomic data to microscopy and clinical data – the Commission president said – within a few days we expect thousands of DNA sequences to be uploaded and ten of thousands research articles». Sharing datasets such as protein structures, epidemiological data and results of pre-clinical research and clinical trials will «make science respond even better and faster to what society needs».

This decision and the development of the platform is part of the “ERAvsCorona Action Plan”, which covers short-term actions based on close coordination, cooperation, data sharing and joint funding efforts between the Commission and the Member States. The project also marks a milestone in the building of a “European Open Science Cloud” which aims at the realization of a “no boarders” data archive.

The platform is already active and available and shows, on the homepage, the project’s motto: “Accelerating research with data sharing”. «I have the deepest admiration for those who spend their days and often their nights in labs for the benefits of all of us – concluded Von der Leyen in her presentation video – and I invite all researchers to take up our offer and to join the European platform. Together we will find ways to defeat this virus».

Articoli correlati
In Italia il contact tracing non funziona. Le Asl in difficoltà da nord a sud
Solo 9 mila tracciatori nel nostro paese e oltre il 33% dei nuovi casi senza un link epidemiologico, ovvero fuori dal contact tracing. Nelle Asl emergono le criticità su tamponi e gestione posti letto, a Napoli non c'è più posto
Napoli, Zuccarelli (Omceo): «La città è malata, serve responsabilità o presto ci saranno centinaia di morti»
Lancia un forte appello alla responsabilità collettiva Bruno Zuccarelli, vice presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli. «Non rendiamo vana la sofferenza dei mesi scorsi, altrimenti molto presto saremo costretti a vedere sfilate di carri militari impegnati a trasportare altrove le bare dei nostri cari. Il Covid non lascia seconde occasioni, i nostri medici lo sanno bene»
Emergenza Covid-19, Mattarella consegna onorificenze al merito ai cittadini che si sono distinti
«Tutti siamo chiamati a contribuire a sconfiggere la pandemia e la diffusione del contagio e del virus». Così il Presidente Mattarella in occasione della consegna al Quirinale delle onorificenze di Cavaliere dell'OMRI ai cittadini che si sono distinti durante la pandemia
Pronto soccorso, Manca: «File più lunghe di prima. Siamo la risposta alle inefficienze del territorio e dei reparti Covid»
Il presidente della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza: «Da noi anche pazienti per tamponi o test sierologici e casi sospetti Covid che non trovano posto nei reparti dedicati. Ma in alcune aree d’Italia è stato dismesso il percorso differenziato, quindi in presenza di un solo positivo rischiamo di chiudere tutto il pronto soccorso»
di Isabella Faggiano
Covid-19, Senior Italia: «Anziani terrorizzati. Dilagano ansia e depressione. E il 55,7% ha problemi di accesso alle cure»
Anziani in auto lockdown. Le più grandi paure? Contagiare o essere contagiati dai propri cari e morire da soli. Ma il 72,4% ripone fiducia nelle scelte delle Istituzioni. TV e carta stampata le principali fonti per i comportamenti da adottare rispetto al Covid, e il 7,9% va a caccia di informazioni online
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...