Salute 29 Ottobre 2018

XIV giornata mondiale contro l’Ictus, Reale (A.L.I.Ce): «Grazie alle nuove terapie diminuiscono le vittime, ma aumentano i disabili»

La malattia rappresenta la terza causa di morte, la seconda di demenza, la prima di invalidità. La presidente dell’Associazione per lotta all’ictus: «I maschi sono più colpiti delle donne. Colpisce per lo più sopra i 65 anni, ma l’età media si sta abbassando»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

In poche ore il cervello può invecchiare anche di decine di anni. Accade quando si scatena un ictus. Ogni volta che le lancette dell’orologio vanno avanti di un solo minuto, prima che si intervenga con le terapie adeguate, 1,9 milioni di neuroni muoiono.

Terza causa di morte, seconda di demenza, prima di invalidità, l’ictus colpisce, ogni anno nel mondo circa 15 milioni di persone e 150 mila in Italia. Cifra che, grazie alle nuove terapie della fase acuta (come trombolisi e trombectomia meccanica), è calata di circa il 30% negli ultimi venti anni. «Diminuiscono le vittime, ma aumentano le persone disabili. Oggi – ha spiegato Nicoletta Reale, presidente di A.L.I.Ce, l’Associazione per lotta all’ictus cerebrale – l’80% di chi ha un ictus sopravvive, ma la metà di queste persone perde autonomia».

LEGGI ANCHE: CATENE DI SMS PER RICONOSCERE L’ICTUS? MANCARDI (NEUROLOGO): «OK MA VERIFICARE LA FONTE»

«Ed è a questi pazienti – ha aggiunto Reale – che abbiamo deciso di dedicare il 29 ottobre 2018, la XIV giornata mondiale contro l’Ictus. Il tema di quest’anno è “la vita dopo la malattia” che, spesso, a causa di una carente continuità assistenziale tra la cura e la riabilitazione, a livello territoriale, può rappresentare un vero e proprio buco nero». (Sul sito www.aliceitalia.org tutte le iniziative in programma per il 29 ottobre).

L’ictus è un evento traumatico e, soprattutto, improvviso: «Siamo di fronte ad una malattia grave e disabilitante che, generalmente, colpisce i maschi over 65. Le donne – ha specificato la presidente – ne soffrono di più le conseguenze, soprattutto con manifestazione di stati depressivi». Tra le 150 mila vittime stimate ogni anno, circa 7 mila hanno meno di 45 anni: «L’età media, purtroppo – ha commentato Reale – si sta abbassando: i giovani che abusano di sostanze, come droga e alcol, possono rischiare un ictus».

«Pressione arteriosa, glicemia, colesterolo, presenza di fibrillazione atriale, sono i principali fattori di rischio da tenere sotto controllo – ha consigliato Nicoletta Reale – Da non trascurare nemmeno gli stili di vita: dal mangiare sano, non abusando di sale, fino alla pratica di attività fisica». Si può davvero scegliere di cambiare il proprio destino: i fattori di rischio modificali incidono sul 90% dei casi di ictus.

 

Articoli correlati
Giornata mondiale Ictus, l’Osservatorio: «In Italia 120mila casi all’anno. Diminuiscono le morti ma aumentano le disabilità»
La Presidente Nicoletta Reale: «Rendere effettive le azioni della risoluzione sulla prevenzione e la diagnosi approvata nel 2017 dalla Commissione Affari Sociali della Camera
Fibrillazione atriale, Paciaroni (Osp. Perugia): «Puntare su nuovi anticoagulanti orali per evitare interazioni con farmaci e altre malattie»
Pur non essendo un'aritmia di per sé pericolosa per la vita, la fibrillazione atriale può esporre a delle complicanze che, in alcuni casi, possono rivelarsi molto invalidanti. Se n'è parlato al convegno "Presa in carico assistenziale e terapeutica del paziente anziano” organizzato a Roma da Onda e Daiichi Sankyo
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
“La città che vorrei”, domenica 6 ottobre torna il Fiaba Day per l’abbattimento delle barriere architettoniche
Alle ore 9.30 Palazzo Chigi aprirà le sue porte alle visite guidate per gruppi di persone con disabilità e loro accompagnatori. Durante la giornata si alterneranno, sul palco posizionato a Piazza Colonna, momenti di dibattito e di intrattenimento
Un fotolibro per raccontare l’ictus cerebrale. Il progetto A.L.I.Ce. Italia-SIMM
Un progetto ambizioso, che ha bisogno – per essere realizzato – dell’aiuto di tutti. A.L.I.Ce. Italia O.D.V. (Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale) e SIMM (Società Italiana di Leadership e Management in Medicina) hanno iniziato un’importante collaborazione per promuovere la conoscenza dell’ictus cerebrale, focalizzando l’attenzione in maniera specifica sulla prevenzione di pregiudizi e di atteggiamenti […]
Sensuability, a Roma la mostra di fumetti contro i pregiudizi su sesso e disabilità
Da Milo Manara a Mauro Biani, tanti gli illustratori famosi a partecipare, mentre in Italia stenta ad essere accettata la figura dell’assistente sessuale. L’intervista all’ideatrice Armanda Salvucci
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo