Salute 29 Ottobre 2018 11:07

XIV giornata mondiale contro l’Ictus, Reale (A.L.I.Ce): «Grazie alle nuove terapie diminuiscono le vittime, ma aumentano i disabili»

La malattia rappresenta la terza causa di morte, la seconda di demenza, la prima di invalidità. La presidente dell’Associazione per lotta all’ictus: «I maschi sono più colpiti delle donne. Colpisce per lo più sopra i 65 anni, ma l’età media si sta abbassando»

di Isabella Faggiano
XIV giornata mondiale contro l’Ictus, Reale (A.L.I.Ce): «Grazie alle nuove terapie diminuiscono le vittime, ma aumentano i disabili»

In poche ore il cervello può invecchiare anche di decine di anni. Accade quando si scatena un ictus. Ogni volta che le lancette dell’orologio vanno avanti di un solo minuto, prima che si intervenga con le terapie adeguate, 1,9 milioni di neuroni muoiono.

Terza causa di morte, seconda di demenza, prima di invalidità, l’ictus colpisce, ogni anno nel mondo circa 15 milioni di persone e 150 mila in Italia. Cifra che, grazie alle nuove terapie della fase acuta (come trombolisi e trombectomia meccanica), è calata di circa il 30% negli ultimi venti anni. «Diminuiscono le vittime, ma aumentano le persone disabili. Oggi – ha spiegato Nicoletta Reale, presidente di A.L.I.Ce, l’Associazione per lotta all’ictus cerebrale – l’80% di chi ha un ictus sopravvive, ma la metà di queste persone perde autonomia».

LEGGI ANCHE: CATENE DI SMS PER RICONOSCERE L’ICTUS? MANCARDI (NEUROLOGO): «OK MA VERIFICARE LA FONTE»

«Ed è a questi pazienti – ha aggiunto Reale – che abbiamo deciso di dedicare il 29 ottobre 2018, la XIV giornata mondiale contro l’Ictus. Il tema di quest’anno è “la vita dopo la malattia” che, spesso, a causa di una carente continuità assistenziale tra la cura e la riabilitazione, a livello territoriale, può rappresentare un vero e proprio buco nero». (Sul sito www.aliceitalia.org tutte le iniziative in programma per il 29 ottobre).

L’ictus è un evento traumatico e, soprattutto, improvviso: «Siamo di fronte ad una malattia grave e disabilitante che, generalmente, colpisce i maschi over 65. Le donne – ha specificato la presidente – ne soffrono di più le conseguenze, soprattutto con manifestazione di stati depressivi». Tra le 150 mila vittime stimate ogni anno, circa 7 mila hanno meno di 45 anni: «L’età media, purtroppo – ha commentato Reale – si sta abbassando: i giovani che abusano di sostanze, come droga e alcol, possono rischiare un ictus».

«Pressione arteriosa, glicemia, colesterolo, presenza di fibrillazione atriale, sono i principali fattori di rischio da tenere sotto controllo – ha consigliato Nicoletta Reale – Da non trascurare nemmeno gli stili di vita: dal mangiare sano, non abusando di sale, fino alla pratica di attività fisica». Si può davvero scegliere di cambiare il proprio destino: i fattori di rischio modificali incidono sul 90% dei casi di ictus.

 

Articoli correlati
Colesterolo LDL, solo il 20% dei pazienti raggiunge il target. Vediamo perché
Per ridurre il colesterolo LDL bisogna migliorare l’aderenza terapeutica. Franco Pazzucconi (Niguarda): «Già a sei mesi dall’inizio della terapia con statina il 50% dei pazienti abbandona. A 12 mesi siamo al 60%»
Stroke ischemico, in Campania ancora troppi “vuoti” sulle reti tempo-dipendenti
L’allarme lanciato dal primario UOC Neuroradiologia del Cardarelli di Napoli, Mario Muto: «Zone ad alta densità di popolazione sguarnite. Fondamentale investire sulla formazione specialistica per incrementare personale»
Colesterolo, De Ferrari: «Nel 90% dei pazienti impossibile abbassare i valori di LDL con un solo farmaco»
The lower the better ma anche The earlier the lower the better. Dobbiamo ridurre anche precocemente i valori di LDL nel paziente a rischio molto alto»
Dislipidemie, i dati parlano chiaro. Binaghi: «L’80% dei soggetti a rischio non raggiunge il valore prefissato di LDL»
«Ci discostiamo di quasi il 20-30. Siamo sicuramente al di sopra della soglia consigliata dalle attuali linee guida europee»
“Vicini di Colesterolo”: le vicissitudini di un condominio italiano insegnano a prevenire l’ipercolesterolemia
In occasione della Prima Giornata della Prevenzione Cardiovascolare, Daiichi Sankyo Italia lancia la divertente serie web. Presto anche su Amazon Prime Video
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM