Salute 29 Ottobre 2018

XIV giornata mondiale contro l’Ictus, Reale (A.L.I.Ce): «Grazie alle nuove terapie diminuiscono le vittime, ma aumentano i disabili»

La malattia rappresenta la terza causa di morte, la seconda di demenza, la prima di invalidità. La presidente dell’Associazione per lotta all’ictus: «I maschi sono più colpiti delle donne. Colpisce per lo più sopra i 65 anni, ma l’età media si sta abbassando»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

In poche ore il cervello può invecchiare anche di decine di anni. Accade quando si scatena un ictus. Ogni volta che le lancette dell’orologio vanno avanti di un solo minuto, prima che si intervenga con le terapie adeguate, 1,9 milioni di neuroni muoiono.

Terza causa di morte, seconda di demenza, prima di invalidità, l’ictus colpisce, ogni anno nel mondo circa 15 milioni di persone e 150 mila in Italia. Cifra che, grazie alle nuove terapie della fase acuta (come trombolisi e trombectomia meccanica), è calata di circa il 30% negli ultimi venti anni. «Diminuiscono le vittime, ma aumentano le persone disabili. Oggi – ha spiegato Nicoletta Reale, presidente di A.L.I.Ce, l’Associazione per lotta all’ictus cerebrale – l’80% di chi ha un ictus sopravvive, ma la metà di queste persone perde autonomia».

LEGGI ANCHE: CATENE DI SMS PER RICONOSCERE L’ICTUS? MANCARDI (NEUROLOGO): «OK MA VERIFICARE LA FONTE»

«Ed è a questi pazienti – ha aggiunto Reale – che abbiamo deciso di dedicare il 29 ottobre 2018, la XIV giornata mondiale contro l’Ictus. Il tema di quest’anno è “la vita dopo la malattia” che, spesso, a causa di una carente continuità assistenziale tra la cura e la riabilitazione, a livello territoriale, può rappresentare un vero e proprio buco nero». (Sul sito www.aliceitalia.org tutte le iniziative in programma per il 29 ottobre).

L’ictus è un evento traumatico e, soprattutto, improvviso: «Siamo di fronte ad una malattia grave e disabilitante che, generalmente, colpisce i maschi over 65. Le donne – ha specificato la presidente – ne soffrono di più le conseguenze, soprattutto con manifestazione di stati depressivi». Tra le 150 mila vittime stimate ogni anno, circa 7 mila hanno meno di 45 anni: «L’età media, purtroppo – ha commentato Reale – si sta abbassando: i giovani che abusano di sostanze, come droga e alcol, possono rischiare un ictus».

«Pressione arteriosa, glicemia, colesterolo, presenza di fibrillazione atriale, sono i principali fattori di rischio da tenere sotto controllo – ha consigliato Nicoletta Reale – Da non trascurare nemmeno gli stili di vita: dal mangiare sano, non abusando di sale, fino alla pratica di attività fisica». Si può davvero scegliere di cambiare il proprio destino: i fattori di rischio modificali incidono sul 90% dei casi di ictus.

 

Articoli correlati
Disabilità, parla il sottosegretario Zoccano: «Investire sulle abilità residue. Risorse ci sono, vanno ottimizzate»
Allo studio una collaborazione con l’Ordine degli psicologi per applicare il Sistema internazionale di classificazione della disabilità ICF: «È importante per dare dignità lavorativa e formativa alla persona. Al MEF chiedo sensibilità e collaborazione su tutta la filiera della non autosufficienza»
Sfidare a nuoto lo Stretto di Messina: l’impresa di un nuotatore genovese per ricordare i pericoli dell’ictus
La partenza è prevista per mercoledì 12 giugno, condizioni meteo e mare permettendo, da Capo Peloro (Messina), con arrivo a Cannitello, nei pressi di Villa San Giovanni (Reggio Calabria). È’ in questo tratto di mare che Alberto Sassoli, genovese innamorato del mare, ha deciso di compiere l’impresa, nuotando per oltre 3,5 km, insieme ad altri […]
Giornata Mondiale Sclerosi Multipla. Eleonora racconta la sua voglia di vivere: «Io non sono la mia patologia»
Per l’edizione 2019, che quest’anno si celebra il 30 maggio in 70 paesi del mondo, lanciata la campagna #MyInvisibileMS per sensibilizzare sull’ invisibilità dei sintomi. Questa malattia è la prima causa di disabilità nei giovani dopo gli incidenti stradali: colpisce una persona ogni 3 ore
di Isabella Faggiano
Giornata malato oncologico, De Lorenzo (FAVO): «Spesa aggiuntiva per le famiglie di 40mila euro l’anno, cresce il disagio»
È quanto risulta dall’11esimo Rapporto della FAVO sulla condizione assistenziale dei malati oncologici presentato oggi in Senato. «Fino a 400-450 euro all'anno sono spesi in farmaci non coperti dal SSN» dichiara il presidente Francesco De Lorenzo ai nostri microfoni
World Down Syndrome Day 2019, CoorDown Onlus lancia la campagna di comunicazione “Reasons to celebrate”
Andare a scuola, praticare uno sport, uscire con gli amici, trovare un lavoro, vivere in autonomia una volta diventati adulti. Una vita fatta di routine, che appare la più ordinaria per la maggioranza della popolazione, è un traguardo possibile, ma raggiungibile ancora da troppe poche persone con sindrome di Down. A partire dall’istruzione, sono ancora […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...