Salute 29 Ottobre 2018

XIV giornata mondiale contro l’Ictus, Reale (A.L.I.Ce): «Grazie alle nuove terapie diminuiscono le vittime, ma aumentano i disabili»

La malattia rappresenta la terza causa di morte, la seconda di demenza, la prima di invalidità. La presidente dell’Associazione per lotta all’ictus: «I maschi sono più colpiti delle donne. Colpisce per lo più sopra i 65 anni, ma l’età media si sta abbassando»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

In poche ore il cervello può invecchiare anche di decine di anni. Accade quando si scatena un ictus. Ogni volta che le lancette dell’orologio vanno avanti di un solo minuto, prima che si intervenga con le terapie adeguate, 1,9 milioni di neuroni muoiono.

Terza causa di morte, seconda di demenza, prima di invalidità, l’ictus colpisce, ogni anno nel mondo circa 15 milioni di persone e 150 mila in Italia. Cifra che, grazie alle nuove terapie della fase acuta (come trombolisi e trombectomia meccanica), è calata di circa il 30% negli ultimi venti anni. «Diminuiscono le vittime, ma aumentano le persone disabili. Oggi – ha spiegato Nicoletta Reale, presidente di A.L.I.Ce, l’Associazione per lotta all’ictus cerebrale – l’80% di chi ha un ictus sopravvive, ma la metà di queste persone perde autonomia».

LEGGI ANCHE: CATENE DI SMS PER RICONOSCERE L’ICTUS? MANCARDI (NEUROLOGO): «OK MA VERIFICARE LA FONTE»

«Ed è a questi pazienti – ha aggiunto Reale – che abbiamo deciso di dedicare il 29 ottobre 2018, la XIV giornata mondiale contro l’Ictus. Il tema di quest’anno è “la vita dopo la malattia” che, spesso, a causa di una carente continuità assistenziale tra la cura e la riabilitazione, a livello territoriale, può rappresentare un vero e proprio buco nero». (Sul sito www.aliceitalia.org tutte le iniziative in programma per il 29 ottobre).

L’ictus è un evento traumatico e, soprattutto, improvviso: «Siamo di fronte ad una malattia grave e disabilitante che, generalmente, colpisce i maschi over 65. Le donne – ha specificato la presidente – ne soffrono di più le conseguenze, soprattutto con manifestazione di stati depressivi». Tra le 150 mila vittime stimate ogni anno, circa 7 mila hanno meno di 45 anni: «L’età media, purtroppo – ha commentato Reale – si sta abbassando: i giovani che abusano di sostanze, come droga e alcol, possono rischiare un ictus».

«Pressione arteriosa, glicemia, colesterolo, presenza di fibrillazione atriale, sono i principali fattori di rischio da tenere sotto controllo – ha consigliato Nicoletta Reale – Da non trascurare nemmeno gli stili di vita: dal mangiare sano, non abusando di sale, fino alla pratica di attività fisica». Si può davvero scegliere di cambiare il proprio destino: i fattori di rischio modificali incidono sul 90% dei casi di ictus.

 

Articoli correlati
World Down Syndrome Day 2019, CoorDown Onlus lancia la campagna di comunicazione “Reasons to celebrate”
Andare a scuola, praticare uno sport, uscire con gli amici, trovare un lavoro, vivere in autonomia una volta diventati adulti. Una vita fatta di routine, che appare la più ordinaria per la maggioranza della popolazione, è un traguardo possibile, ma raggiungibile ancora da troppe poche persone con sindrome di Down. A partire dall’istruzione, sono ancora […]
Dall’11 al 17 marzo è la Settimana Mondiale del Cervello, Mancardi (SIN): «Diagnosi precoce arma fondamentale: ai primi sintomi rivolgersi al neurologo»
La Società Italiana di Neurologia lancia uno spot per supportare la campagna di prevenzione “Conosci il neurologo, proteggi il cervello”. Le malattie neurologiche in Italia colpiscono 5 milioni di persone. Il Presidente della SIN: «In caso di sospetto mal funzionamento di alcune parti del sistema nervoso, quindi la memoria, la cognizione, parte della mobilità, la sensibilità, le vertigini, gli sbandamenti, rivolgersi al professionista d’organo che è il neurologo»
di Federica Bosco
LA STORIA | «Disabile dopo un incidente in moto, ora sono campione del motociclismo italiano ed internazionale»
Maurizio Castelli, 26 anni, la ricetta del suo successo: «Prima per la riabilitazione, poi per l’allenamento fuori pista, ho scelto l’elettromiostimolazione, una tecnica che permette di allenare in profondità oltre 300 muscoli, attraverso degli esercizi a corpo libero effettuati con degli elettrodi, in soli 20 minuti a settimana»
di Isabella Faggiano
Assistenti sociali, Gianmario Gazzi (Cnoas) «Assistenza continua non garantita a tutti, troppo divario Nord-Sud»
«Noi pensiamo che vadano considerate le specificità di ogni territorio: una regione alpina non è uguale a una regione padana, per restare al Nord, ma certamente questo non significa rinunciare all’universalismo e alla garanzia di solidarietà tra regioni» così il Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Solitudine e fragilità dell’anziano: a Milano il convegno Onda
Vulnerabilità, perdita di autosufficienza e disabilità sono alla base di fragilità fisica ed emotiva e di solitudine tipica delle persone anziane. Condizioni destinate a interessare una fetta sempre più consistente della popolazione visto che, secondo Istat nel 2065 gli over 65 saranno quasi 20 milioni. Il convegno di Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone