Salute 7 Maggio 2018 17:14

Catene di sms per riconoscere l’ictus? Mancardi (neurologo): «Ok ma verificare la fonte»

«Intervenite entro 4-6 ore dalla comparsa dei primi sintomi può salvare la vita. Ma attenzione ai falsi allarmi: rischiano di affollare i pronto soccorso». Le raccomandazioni di Gianluigi Mancardi, Presidente della Società Italiana di Neurologia

di Isabella Faggiano
Catene di sms per riconoscere l’ictus? Mancardi (neurologo): «Ok ma verificare la fonte»

“Durante una grigliata Federica cade. Qualcuno vuole chiamare l’ambulanza ma lei rialzandosi dice di essere inciampata con le scarpe nuove”. La storia di Federica, raccontata in una delle tante Catene di Sant’Antonio, non è a lieto fine: dopo alcune ore la donna muore per un ictus cerebrale.

Un tempo si scrivevano a mano ed avevano il solo scopo di ottenere un aiuto ultraterreno in cambio di preghiere e devozione ai santi, la devozione maggiore, non  a caso, era diretta a proprio a Sant’Antonio. Oggi, basta un click e il gioco è fatto: in pochi secondi la Catena ha già raggiunto decine di destinatari. Ma nel corso degli anni, oltre al mezzo di comunicazione, è cambiato anche il contenuto. Le notizie diffuse riguardano svariati argomenti e non risparmiano nemmeno le tematiche più delicate, come le gravi patologie, appunto.

LEGGI ANCHE: NUOVE TERAPIE POST ICTUS, LA RIABILITAZIONE SI FA A TEMPO DI MUSICA

Ma queste informazioni virali fanno bene o male alla nostra salute? Lo abbiamo chiesto a Gianluigi Mancardi, presidente della Sin, la Società Italiana di Neurologia, e direttore della clinica Neurologica dell’università di Genova.

«Per verificare l’attendibilità di una messaggio – ha spiegato Mancardi – bisogna controllarne la fonte. Per ogni patologia esiste una Società Scientifica a cui fare riferimento. Per l’ictus, ad esempio, ci si può informare proprio attraverso la Società che presiedo. La Sin, infatti, è già promotrice di un processo formativo della popolazione. Due i temi centrali delle nostre campagne: informare dell’esistenza di terapie molto efficaci per l’ictus e sensibilizzare all’ascolto dei sintomi, all’esordio dei quali bisogna recarsi immediatamente ad un centro attrezzato. Quando dico immediatamente – ha sottolineato Mancardi – intendo dire entro 4-6 ore dalla comparsa del primo sintomo. Intervenendo in questo lasso di tempo, se non ci sono particolari controindicazioni, è possibile fare delle terapie fibrinolitiche che possono – talvolta non sempre – sciogliere il coagulo e permettere la ricanalizzazione del vaso».

LEGGI ANCHE: DONNE ED ICTUS, ATTENZIONE A PILLOLA ANTICONCEZIONALE, FUMO ED EMICRANIA

«Esistono, poi – ha aggiunto Mancardi –  delle campagne di informazione, come quelle dei paesi anglosassoni, che si chiamano FAST (acronimo di  Facial drooping, Arm weakness, Speech difficulties and Time to call emergency service). Questo tipo di iniziative puntano a facilitare la memorizzazione del sintomo. Ci insegnano, ad esempio, che se una persona presenta un’alterazione del volto, una caduta dell’angolo della bocca o del braccio, potrebbe essere stata vittima di un ictus. Questi sintomi devono indurre il paziente, o chi gli sta accanto, ad andare in ospedale. Ecco, campagne promozionali come questa che ho descritto possono avere una certa utilità ed efficacia, ammesso che siano sempre condotte sotto il controllo delle Società Scientifiche di riferimento».

E se l’effetto prodotto fosse quello di creare dei falsi allarmi e sovraffollare i pronto soccorso? «Non c’è dubbio che questo rischio esiste. Perciò ho più volte ribadito la necessità che a dare questo tipo di informazioni siano esclusivamente gli specialisti». Allora, per fugare ogni dubbio sull’argomento, non resta che chiedere all’esperto, quali sono i sintomi dell’ictus?

«Difficoltà a parlare, caduta del braccio, caduta a terra, diminuzione della forza nella gamba e modificazione del volto, come la caduta dell’angolo della bocca. Questi – ha concluso il presidente della Sin – possono essere segni di una lesione ischemica o emorragica improvvise, quindi di un ictus».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Ictus cerebrale, il cuore gioca un ruolo cruciale. La fibrillazione atriale è tra i principali fattori di rischio
Il cuore gioca un ruolo cruciale nell’insorgenza dell’ictus cerebrale, essendone la fibrillazione atriale una delle principali cause. Ma non tutti sono a conoscenza di questo legame pericoloso e A.L.I.Ce. Italia Odv, in occasione di aprile mese della prevenzione, intende sensibilizzare le persone sull’importanza di non sottovalutare lo stretto rapporto tra cuore e cervello
di V.A.
Cuore in pericolo per i nottambuli, rischio raddoppiato di calcificazione delle arterie
Le persone che tendono ad andare a letto più tardi, i cosiddetti nottambuli o "gufi", hanno un rischio quasi due volte maggiore di soffrire di calcificazione delle arterie, una complicazione che aumenta le probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari. Questi sono i risultati di uno studio dell’Università di Göteborg, in Svezia, pubblicato sulla rivista Sleep Medicine
Ictus, da Iss e Alice un manuale di comunicazione con i pazienti e i familiari
La comunicazione verso la persona colpita da ictus e la sua famiglia deve essere corretta e adeguata in tutte le fasi. Per questo A.L.I.Ce. Italia Odv (Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale) ha partecipato al progetto dell'Istituto superiore di sanità (Iss), insieme ad altre associazioni, esperti e figure professionali, alla messa punto di un Manuale di valutazione della comunicazione del percorso assistenziale della persona con ictus
Allarme pressione alta da giovani, 1 su 10 rischia infarto e ictus prima della pensione
In occasione della Giornata Mondiale del Cuore 2023, gli esperti della Società Italiana di Cardiologia richiamano l’attenzione sull’importanza di tenere la pressione nella norma fin da giovani per ridurre il rischio cardiovascolare negli anni a venire. Troppi i giovani ipertesi nel nostro paese: il 14% degli under 35 ha già la pressione sopra a 120/80 mmHg, fino al 4% dei bimbi da 6 a 11 anni ha valori alterati ma molti non ne sono consapevoli
di V.A.
L’apnea nel sonno peggiora la salute del cervello: la ricerca
Dormire bene è fondamentale per la salute del cervello. L’apnea del sonno può infatti aumentare il rischio di ictus, di malattia di Alzheimer e di declino cognitivo. A lanciare l'allarme è una nuova ricerca della Mayo Clinic di Rochester, Minnesota, pubblicata su Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...