Salute 6 Giugno 2022 09:48

World Congress on Inflammation, dall’ingegneria genetica al Covid. Le ultime frontiere della ricerca

Si apriranno domani a Roma i lavori della 15°edizione del World Congress on Inflammation, organizzata dalla Società Italiana di Farmacologia (SIF) e dall’International Association of Inflammation Societies (IAIS)

World Congress on Inflammation, dall’ingegneria genetica al Covid. Le ultime frontiere della ricerca

I meccanismi molecolari alla base del processo infiammatorio costituiscono il comune denominatore di una vasta gamma di patologie che impattano in tutto il mondo per morbilità e mortalità. In quest’ottica, negli ultimi due decenni, abbiamo assistito a uno straordinario sviluppo di farmaci e di nuove strategie terapeutiche per contenere o modulare il processo infiammatorio. Si è passati così dall’utilizzo di farmaci immunitari ad ampio raggio d’azione all’impiego di molecole biotecnologiche ad elevata specificità.

I più recenti sviluppi della ricerca di base, traslazionale e clinica riguardanti le patologie infiammatorie ed autoimmuni saranno al centro della 15°edizione del World Congress on Inflammation (WCI-2022), organizzata dalla Società Italiana di Farmacologia e dall’International Association of Inflammation Societies (IAIS) e in programma a Roma dal 5 all’8 giugno.

World Congress on Inflammation: dall’ingegneria genetica al cancro

Una tre giorni che riunirà specialisti da tutto il mondo e in cui si discuterà dei più recenti progressi raggiunti in un’ampia gamma di discipline, che spaziano dalla biologia alla biomedicina sino alla biotecnologia. Un esempio su tutti è il ruolo giocato dall’ingegneria genetica nello sviluppo di nuovi approcci di terapia cellulare e genica per il trattamento delle malattie a base infiammatoria. In questo contesto, sono numerosi gli studi in corso volti ad esplorare nuove terapie con cellule geneticamente modificate per indurre tolleranza e regolare l’infiammazione. Ampio spazio sarà, inoltre, riservato ad illustrare come alcuni meccanismi cruciali dell’infiammazione siano coinvolti nello sviluppo del cancro: una correlazione che, di fatto, potrebbe aprire la strada allo sviluppo di nuove terapie antitumorali.

Malattie neurodegenerative, patologie vascolari e Covid-19

Quando si parla di progressi e innovazione in quest’ambito, di particolare rilevanza sono gli ultimi sviluppi nel campo della ricerca relativi al potenziale impatto dell’infiammazione sul sistema nervoso centrale, dato che è ormai noto come un’abnorme risposta infiammatoria a livello cerebrale possa contribuire o, addirittura, essere la causa dell’insorgenza di numerose patologie sia di tipo neurodegenerativo sia di tipo psichiatrico. Si tratta di malattie particolarmente diffuse, con meccanismi non del tutto conosciuti e che necessitano di interventi terapeutici più efficaci di quelli attualmente disponibili.  Per questo, un’ampia sessione del Congresso sarà dedicata alla comunicazione bidirezionale tra sistema immunitario e sistema nervoso e al ruolo giocato dalle cellule del sistema immunitario presenti nel cervello che controllano i processi infiammatori a livello nervoso e, pertanto, rappresentano uno dei maggiori oggetti di studio in quest’ambito di ricerca.

Un ulteriore focus sarà riservato alle malattie vascolari a base infiammatoria. Il Congresso sarà, infatti, l’occasione per presentare i più recenti studi e progressi nell’identificazione di nuovi approcci terapeutici collegati al processo infiammatorio vascolare. Conoscenze utili a definire nuovi farmaci sia per la riduzione del rischio cardiovascolare, che nel trattamento di complicanze vascolari associate all’ipertensione, all’aterosclerosi e alla sindrome metabolica. Tra i temi al centro del Congresso troviamo il Covid-19 e, sempre nell’ambito delle malattie vascolari, di particolare interesse sarà la sessione sulle più recenti scoperte riguardanti le complicanze trombotiche indotte dal virus.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali