Salute 11 Ottobre 2021 16:02

Violenza sulle donne, in Campania il “referto psicologico” entra nei percorsi rosa

L’intervista all’ideatrice Elvira Reale (Centro Dafne Cardarelli), autrice del libro “La violenza invisibile sulle donne. Il referto psicologico: linee guida e strumenti clinici”

Violenza sulle donne, in Campania il “referto psicologico” entra nei percorsi rosa

Una realtà tutta napoletana nell’ambito della lotta alla violenza sulle donne. Parliamo del “referto psicologico”, uno strumento ideato dieci anni orsono dalla psicologia Elvira Reale, oggi coordinatrice del Centro Dafne presso l’Ospedale Cardarelli di Napoli, che nel suo libro “La violenza invisibile sulle donne. Il referto psicologico: linee guida e strumenti clinici” ne mette nero su bianco la metodologia.

Si tratta di un approfondimento della condizione della vittima, della gravità della violenza, soprattutto nel caso di violenza psicologica rispetto alla quale i medici non hanno gli strumenti per un’analisi approfondita, ed è inoltre necessario per stabilizzare e far maturare consapevolezza nella donna vittima di violenza prima di affidarla ad altri servizi. La delibera regionale 47/20 ha inserito il referto psicologico all’interno dei percorsi rosa dedicati alle donne vittime di violenza, un modello “esportato” anche in Emilia Romagna. L’ideatrice Elvira Reale ce ne ha parlato nel dettaglio.

Il referto psicologico e i percorsi rosa

«I percorsi rosa sono stati stabiliti per legge nel 2015 – spiega la psicologa -. Tuttavia già nel 2008 l’allora ministra della Salute Livia Turco aveva ideato l’inserimento di sportelli di ascolto per le donne nell’ambito degli ospedali, perché si era visto che le donne vittime di violenza accedevano più frequentemente ai pronto soccorso, a causa delle lesioni riportate, piuttosto che nei centri antiviolenza. Da qui la necessità di intercettare in prima battuta le situazioni di violenza e di promuovere contestualmente l’accesso a percorsi dedicati per aiutare le donne».

«Nel 2009 – racconta – quando ero direttore UOC presso l’Asl Napoli 1 ho istituito il primo sportello antiviolenza presso l’Ospedale San Paolo di Napoli per offrire sostegno psicologico alle donne, e lì maturò la riflessione sul fatto che la donna potesse avere oltre al referto medico anche il referto psicologico. Vide così la luce questa metodologia, che è ormai entrata nella pratica, e attraverso la quale ho seguito 1500 donne in 10 anni, una media di 130 donne all’anno. Dal 2016 siamo presenti con l’Associazione Dafne negli spazi dell’Ospedale Cardarelli di Napoli».

Le caratteristiche del referto psicologico

«Il referto psicologico – spiega Reale – costituisce la prima documentazione ufficiale per consentire di iniziare un percorso anche a quelle donne che, pur non avendo subito una violenza da contatto sfociata in una lesione fisica, sono state vittima di violenza psicologica, lasciando poi alla donna la facoltà di decidere se denunciare o meno. Nella violenza psicologica – sottolinea – il fine è il controllo coercitivo dell’autonomia della donna, che determina sempre e comunque uno stato d’ansia e una perdita dell’autostima».

«Oltre a questo il referto psicologico registra i risvolti psicologici degli altri tipi di violenza, fisica e/o sessuale, attraverso un test che rileva il livello di alterazione traumatica e tramite un colloquio della durata di 3-4 ore incentrato su tre elementi fondamentali: l’ultimo episodio di violenza subita cioè quello che ha spinto la donna a chiedere aiuto, che viene dettagliato e circostanziato il più possibile in modo da conferire una maggiore attendibilità alla testimonianza; l’anamnesi delle violenze, uno strumento in qualche modo predittivo del rischio femminicidio, dal momento che questo fenomeno presenta come primo fattore di rischio proprio una escalation di violenza; l’identificazione dei casi di violenza assistita, cioè quelli in cui un minore è costretto ad assistere alla violenza perpetrata dal padre nei confronti della madre».

«É impossibile – afferma – scindere i due aspetti della questione: un uomo violento nei confronti di una donna non può essere un buon padre. Di questo bisogna tener conto nel momento in cui si valuta circa l’affidamento del minore, e il referto psicologico costituisce un punto fermo a favore della donna in sede giudiziaria».

Un libro per formare ed informare

«Il libro – spiega Reale – ha lo scopo di porre un punto fermo sulle pratiche del referto psicologico, a fini divulgativi ma anche e soprattutto formativi, per diffondere questa esperienza a livello nazionale. Se le pratiche sanitarie nei percorsi rosa sono di più facile acquisizione – conclude – agganciarvi la refertazione psicologica richiede altri elementi, che nel libro sono spiegati dalla A alla Z».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Napoli, ancora violenza al Cardarelli. Il direttore del PS: «Aggressioni si ripercuotono sull’assistenza ai pazienti»
«A seguito del decesso di una paziente, otto familiari hanno aggredito con particolare veemenza il personale in servizio costretto a rifugiarsi nelle stanze e ad interrompere momentaneamente la normale attività»
Napoli, aggressioni Cardarelli. Rostan (Misto): «Subito qualifica pubblico ufficiale a personale sanitario contro impunità violenti»
«È giunto il momento di voltare pagina e offrire a tutti coloro che operano nel settore della sanità, strumenti efficaci per prevenire questi episodi e per garantire pene severe a chi li commette» sottolinea Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera
Mappato il microbioma di 60 centri urbani: «Un’arma per prevedere la diffusione di pandemie di origine batterica»
Lo studio condotto a livello globale e pubblicato sulla rivista Cell ha campionato le linee dei trasporti urbani. Prevista prossimamente mappatura a livello ospedaliero
«Io, infermiera presa a calci in PS, ho ancora gli incubi mentre i miei aggressori sono a piede libero»
«Hanno anche provato a cavarmi un occhio». Il racconto dell’infermiera del Cardarelli di Napoli: il trauma, la paura, la speranza che la giustizia faccia il suo corso
Nuova variante identificata a Napoli, cosa sappiamo fino ad ora
La variante identificata a Napoli corrisponde a quella "nigeriana". Altri 30 casi in UK. Per ora tutti i contatti del soggetto sono negativi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 ottobre, sono 242.501.427 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.929.826 i decessi. Ad oggi, oltre 6,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?