Salute 29 Novembre 2018 13:35

Violenza sulle donne, il ruolo del dentista “sentinella”. Santaniello (ANDI): «Se formato può intercettare segni di maltrattamenti»

«Se sa riconoscere la violenza attraverso dei segnali come una ferita, un dente fratturato o un’ecchimosi, il dentista può indirizzare la vittima verso strutture assistenziali di competenza». Così la presidente Andi Sabrina Santaniello

La violenza di genere è una piaga della nostra società. All’indomani dell’approvazione da parte del Consiglio dei ministri del “Codice Rosso”, che prevede una corsia preferenziale per denunce e indagini più rapidi sui casi di violenza sulle donne, abbiamo chiesto a Sabrina Santaniello, consigliere OMCeO Roma e segretario della commissione Albo Odontoiatri di Roma, in che modo il medico, e in particolare il dentista, possa svolgere un ruolo di “sentinella”, prestando attenzione a segni e segnali d’allarme.

LEGGI ANCHE: VIOLENZA DONNE, OMCEO ROMA CELEBRA GIORNATA CONTRO IL FEMMINICIDIO. SCALISE: «RICONOSCERE COMPORTAMENTO A RISCHIO ALL’INTERNO DELLA COPPIA»

Spesso, i medici sono i primi interlocutori dei pazienti vittime di violenze: hanno il sentore di abusi e maltrattamenti ma non sanno come comportarsi, non sempre hanno procedure da seguire, soprattutto quando si tratta di liberi professionisti. È per questo che la dottoressa Santaniello, anche Presidente di Andi Roma (Associazione nazionale dentisti italiani) sottolinea l’importanza di formare tecnici, operatori sanitari e medici sull’approccio da seguire e su come indirizzare la vittima verso strutture assistenziali di supporto e competenza.

Dottoressa, ci può spiegare meglio il ruolo del dentista “sentinella” contro la violenza di genere?

«È un ruolo che potrebbe essere un valore aggiunto per il contrasto alla violenza di genere. Il dentista libero professionista che riceve e visita nel suo studio i pazienti, se ben formato al riconoscimento della violenza, può intercettarla – dal momento che si consuma spesso sulle parti più esposte come quelle del viso –  attraverso dei segnali (un dente fratturato, una ferita lacerocontusa delle labbra e del viso, un’ecchimosi) e sapere come approcciare la vittima, cosa fare e come indirizzarla verso strutture di competenza».

In merito a questo, lei ha parlato proprio dell’importanza della formazione degli operatori sanitari: nel caso in cui ci si accorga di essere di fronte ad abusi e maltrattamenti cosa si deve fare?

«Dipende se il dentista o l’operatore è un libero professionista o lavora all’interno di una struttura pubblica. All’interno del protocollo d’intesa che io ho proposto al ministero dell’Interno e a seguire al ministero della Salute, ora al vaglio del tavolo tecnico ministeriale, c’è proprio questa esigenza di prevenire il fenomeno e formare, attraverso corsi specifici, una rete territoriale di operatori sanitari, compresi i dentisti liberi professionisti, al riconoscimento di segnali di violenza o abusi, che sappia intercettarli per indirizzarli verso le strutture pubbliche assistenziali e gli organi di competenza. L’obiettivo è guidarli su come intervenire nel caso di un eventuale accertamento di abuso; è un protocollo che riguarda persone che riteniamo essere più vulnerabili: i disabili, i bambini e le fasce più fragili della popolazione».

LEGGI ANCHE: VIOLENZA SULLE DONNE, BOZZAOTRA (PSICOLOGA): «OPERATORI SANITARI RICONOSCANO DEPRESSIONE DERIVANTE DA RELAZIONE MALSANA»

Articoli correlati
Giornata personale sanitario, la cerimonia dell’Ordine dei Medici di Roma
Una targa con il Giuramento d'Ippocrate e un ulivo i simboli scelti per ricordare i medici deceduti a causa del Covid-19
Nuovo Ospedale dei Castelli: le aggressioni ai medici abitudini mai passate di moda
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Vaccino anti SARS-CoV-2. Magi: «Bene l’iniziativa del Lazio di vaccinare anche tutti i sanitari non operanti nelle strutture del SSR»
Tutti gli operatori sanitari in attività nel territorio della Regione Lazio, che non lavorano nelle strutture del SSR, saranno coinvolti nelle prossime settimane nella campagna vaccinale anti SARS-CoV-2. Lo prevede una lettera della Regione inviata a tutti i presidenti di Ordini professionali che operano nella sanità
Ex specializzandi, De Lillo (OMCeO Roma): «Sfruttare occasione della Legge di Bilancio per approvare transazione»
Il vicepresidente dell’Ordine dei Medici di Roma: «Riformare il sistema formativo, dall’accesso a Medicina alle borse di specializzazione»
Risorse per la sanità, Magi (OMCeO Roma): «Così non andiamo da nessuna parte»
L'endorsement del Presidente dell'Ordine dei Medici di Roma alla transazione per gli ex specializzandi: «Il governo si sieda intorno a un tavolo con i medici e trovi una soluzione a questa vicenda una volta per tutte»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...