Salute 29 Novembre 2018 13:35

Violenza sulle donne, il ruolo del dentista “sentinella”. Santaniello (ANDI): «Se formato può intercettare segni di maltrattamenti»

«Se sa riconoscere la violenza attraverso dei segnali come una ferita, un dente fratturato o un’ecchimosi, il dentista può indirizzare la vittima verso strutture assistenziali di competenza». Così la presidente Andi Sabrina Santaniello

La violenza di genere è una piaga della nostra società. All’indomani dell’approvazione da parte del Consiglio dei ministri del “Codice Rosso”, che prevede una corsia preferenziale per denunce e indagini più rapidi sui casi di violenza sulle donne, abbiamo chiesto a Sabrina Santaniello, consigliere OMCeO Roma e segretario della commissione Albo Odontoiatri di Roma, in che modo il medico, e in particolare il dentista, possa svolgere un ruolo di “sentinella”, prestando attenzione a segni e segnali d’allarme.

LEGGI ANCHE: VIOLENZA DONNE, OMCEO ROMA CELEBRA GIORNATA CONTRO IL FEMMINICIDIO. SCALISE: «RICONOSCERE COMPORTAMENTO A RISCHIO ALL’INTERNO DELLA COPPIA»

Spesso, i medici sono i primi interlocutori dei pazienti vittime di violenze: hanno il sentore di abusi e maltrattamenti ma non sanno come comportarsi, non sempre hanno procedure da seguire, soprattutto quando si tratta di liberi professionisti. È per questo che la dottoressa Santaniello, anche Presidente di Andi Roma (Associazione nazionale dentisti italiani) sottolinea l’importanza di formare tecnici, operatori sanitari e medici sull’approccio da seguire e su come indirizzare la vittima verso strutture assistenziali di supporto e competenza.

Dottoressa, ci può spiegare meglio il ruolo del dentista “sentinella” contro la violenza di genere?

«È un ruolo che potrebbe essere un valore aggiunto per il contrasto alla violenza di genere. Il dentista libero professionista che riceve e visita nel suo studio i pazienti, se ben formato al riconoscimento della violenza, può intercettarla – dal momento che si consuma spesso sulle parti più esposte come quelle del viso –  attraverso dei segnali (un dente fratturato, una ferita lacerocontusa delle labbra e del viso, un’ecchimosi) e sapere come approcciare la vittima, cosa fare e come indirizzarla verso strutture di competenza».

In merito a questo, lei ha parlato proprio dell’importanza della formazione degli operatori sanitari: nel caso in cui ci si accorga di essere di fronte ad abusi e maltrattamenti cosa si deve fare?

«Dipende se il dentista o l’operatore è un libero professionista o lavora all’interno di una struttura pubblica. All’interno del protocollo d’intesa che io ho proposto al ministero dell’Interno e a seguire al ministero della Salute, ora al vaglio del tavolo tecnico ministeriale, c’è proprio questa esigenza di prevenire il fenomeno e formare, attraverso corsi specifici, una rete territoriale di operatori sanitari, compresi i dentisti liberi professionisti, al riconoscimento di segnali di violenza o abusi, che sappia intercettarli per indirizzarli verso le strutture pubbliche assistenziali e gli organi di competenza. L’obiettivo è guidarli su come intervenire nel caso di un eventuale accertamento di abuso; è un protocollo che riguarda persone che riteniamo essere più vulnerabili: i disabili, i bambini e le fasce più fragili della popolazione».

LEGGI ANCHE: VIOLENZA SULLE DONNE, BOZZAOTRA (PSICOLOGA): «OPERATORI SANITARI RICONOSCANO DEPRESSIONE DERIVANTE DA RELAZIONE MALSANA»

Articoli correlati
Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”
Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti
Telecamere e istruttori antiviolenza: Regioni corrono ai ripari contro le aggressioni ai sanitari
Nel post Covid impennata di aggressioni fisiche (+40%) e verbali (+90%). Il Veneto formerà 90 istruttori per diffondere la conoscenza del fenomeno e le strategie utili per affrontarlo. In Lombardia le ambulanze saranno dotate di telecamere e un operatore sanitario avrà la bodycam. De Corato (assessore sicurezza) «Strumenti utili per il forte valore dissuasivo che possono avere in caso di azioni violente e atti vandalici»
Un approccio europeo per la presa in carico dei minorenni vittime di violenza assistita
Presentati a Milano i risultati di Children First, progetto europeo che mira a migliorare il livello di assistenza e di supporto in favore dei bambini vittime di violenza assistita
Omceo Roma, approvato il conto consuntivo 2021 e bilancio preventivo 2022
L’Assemblea dell’Ordine ha approvato ad ampia maggioranza il conto consuntivo 2021 e il bilancio preventivo 2022
Guerra in Ucraina, lo choc delle violenze filmate e diffuse. Ma non è una novità
La psicologa spiega l'origine di fenomeni come la de-individuazione e l'effetto Lucifero, che portano l'essere umano a cambiare il suo comportamento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 524.674.670 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.281.271 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...