Salute 29 Novembre 2018 13:35

Violenza sulle donne, il ruolo del dentista “sentinella”. Santaniello (ANDI): «Se formato può intercettare segni di maltrattamenti»

«Se sa riconoscere la violenza attraverso dei segnali come una ferita, un dente fratturato o un’ecchimosi, il dentista può indirizzare la vittima verso strutture assistenziali di competenza». Così la presidente Andi Sabrina Santaniello

La violenza di genere è una piaga della nostra società. All’indomani dell’approvazione da parte del Consiglio dei ministri del “Codice Rosso”, che prevede una corsia preferenziale per denunce e indagini più rapidi sui casi di violenza sulle donne, abbiamo chiesto a Sabrina Santaniello, consigliere OMCeO Roma e segretario della commissione Albo Odontoiatri di Roma, in che modo il medico, e in particolare il dentista, possa svolgere un ruolo di “sentinella”, prestando attenzione a segni e segnali d’allarme.

LEGGI ANCHE: VIOLENZA DONNE, OMCEO ROMA CELEBRA GIORNATA CONTRO IL FEMMINICIDIO. SCALISE: «RICONOSCERE COMPORTAMENTO A RISCHIO ALL’INTERNO DELLA COPPIA»

Spesso, i medici sono i primi interlocutori dei pazienti vittime di violenze: hanno il sentore di abusi e maltrattamenti ma non sanno come comportarsi, non sempre hanno procedure da seguire, soprattutto quando si tratta di liberi professionisti. È per questo che la dottoressa Santaniello, anche Presidente di Andi Roma (Associazione nazionale dentisti italiani) sottolinea l’importanza di formare tecnici, operatori sanitari e medici sull’approccio da seguire e su come indirizzare la vittima verso strutture assistenziali di supporto e competenza.

Dottoressa, ci può spiegare meglio il ruolo del dentista “sentinella” contro la violenza di genere?

«È un ruolo che potrebbe essere un valore aggiunto per il contrasto alla violenza di genere. Il dentista libero professionista che riceve e visita nel suo studio i pazienti, se ben formato al riconoscimento della violenza, può intercettarla – dal momento che si consuma spesso sulle parti più esposte come quelle del viso –  attraverso dei segnali (un dente fratturato, una ferita lacerocontusa delle labbra e del viso, un’ecchimosi) e sapere come approcciare la vittima, cosa fare e come indirizzarla verso strutture di competenza».

In merito a questo, lei ha parlato proprio dell’importanza della formazione degli operatori sanitari: nel caso in cui ci si accorga di essere di fronte ad abusi e maltrattamenti cosa si deve fare?

«Dipende se il dentista o l’operatore è un libero professionista o lavora all’interno di una struttura pubblica. All’interno del protocollo d’intesa che io ho proposto al ministero dell’Interno e a seguire al ministero della Salute, ora al vaglio del tavolo tecnico ministeriale, c’è proprio questa esigenza di prevenire il fenomeno e formare, attraverso corsi specifici, una rete territoriale di operatori sanitari, compresi i dentisti liberi professionisti, al riconoscimento di segnali di violenza o abusi, che sappia intercettarli per indirizzarli verso le strutture pubbliche assistenziali e gli organi di competenza. L’obiettivo è guidarli su come intervenire nel caso di un eventuale accertamento di abuso; è un protocollo che riguarda persone che riteniamo essere più vulnerabili: i disabili, i bambini e le fasce più fragili della popolazione».

LEGGI ANCHE: VIOLENZA SULLE DONNE, BOZZAOTRA (PSICOLOGA): «OPERATORI SANITARI RICONOSCANO DEPRESSIONE DERIVANTE DA RELAZIONE MALSANA»

Articoli correlati
Intimidazioni ai medici veterinari, Grasselli (FVM): «Fenomeno in clamoroso aumento da anni»
Il commento del Presidente della Federazione Veterinari, Medici e Dirigenti Sanitari dopo l’ennesimo caso a Foggia: «Situazione per noi ormai ingestibile»
Atti vandalici OMCeO Trento, solidarietà dai medici di Napoli. Zuccarelli: «Intollerabile attacco»
«Quanto accaduto a Trento è molto preoccupante, qualcosa che deve far riflettere. Siamo ormai entrati in una nuova fase, dopo le parole e gli insulti, ora sulla professione medica si abbattono atteggiamenti camorristici». Così Bruno Zuccarelli, presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli e provincia, commenta il gesto di vandalismo messo in atto a Trento. Nella […]
Violenze no vax e aggressioni ai sanitari, FIASO chiede sicurezza operatori nell’incontro con il Ministro Speranza
Riunione straordinaria della Presidenza Fiaso dopo gli episodi al Policlinico Umberto I, Migliore: «Urgente la stipula di protocolli operativi con le forze dell’ordine»
No Green Pass assaltano Umberto I, infermiera aggredita e Ps bloccato per ore
Un manifestante della protesta No Green Pass di sabato a Roma era lì in attesa di cure. Insieme ad amici e parenti hanno sfondato la porta d’ingresso del Ps, distrutto apparecchiature sanitarie e aggredito gli operatori. Ruggiero (Nessuno Tocchi Ippocrate): «Copione ormai noto, a Napoli c’è un’aggressione ogni tre giorni»
Fuga dai Pronto soccorso, le proposte Anaao: «Potenziare legge contro aggressioni e riconoscere indennità specifica»
Di Silverio: «Il problema ha radici profonde acuite dal Covid. I carichi di lavoro sono diventati insostenibili e la retribuzione non è commisurata all’onerosità e alla tipologia di lavoro, a cui si somma una sostanziale assenza di sicurezza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano