Salute 26 Febbraio 2020

Coronavirus, vertice al ministero Salute con OMS, ECDC e UE: «Bene Italia». Da Bruxelles aiuti per materiale sanitario e test

Il commissario Ue per la Salute Kyriakides: «Tutti gli Stati membri devono essere pronti a fronteggiare la minaccia». Ma l’OMS rassicura: «Quattro pazienti su cinque hanno sintomi lievi, la mortalità è dell’1% in Cina e riguarda solo ultra-sessantacinquenni con altre patologie»

di G. Cavalcanti
Immagine articolo

Una situazione che preoccupa ma la preoccupazione non deve trasformarsi in panico. Il coordinamento internazionale e lo scambio continuo di informazioni sono armi fondamentali per affrontare e combattere Covid-19, cosa che tutti i Paesi stanno facendo. Peraltro, nel mondo sono poco più di 80mila i contagiati, dei quali il 95% in Cina e solo il 5% negli altri Paesi. Altrettanto importante, anzi necessario, è vigilare per evitare cattive informazioni o dichiarazioni xenofobe che non aiutano i cittadini ma vanificano il lavoro fatto dalle istituzioni. L’Unione europea ha inoltre confermato il suo apprezzamento per il lavoro fatto dalle autorità italiane ed è al fianco del nostro Paese.

È quanto emerso al termine dell’incontro di questa mattina al ministero della Salute tra il ministro Roberto Speranza, il commissario Ue per la salute Stella Kyriakides, il presidente dell’OMS Europa Hans Klugge e il rappresentante dell’ECDC, Andrea Ammon.

«I virus nono conoscono né frontiere né confini – ha detto il ministro Speranza – ed è fondamentale un coordinamento con le istituzioni e organismi internazionali continuo e costante, che l’Italia sta facendo dal primo momento».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS E BAMBINI, LO PSICOTERAPEUTA: “HANNO PAURA SE VEDONO ADULTI SPAVENTATI SENZA CONOSCERNE IL MOTIVO. DICIAMO LORO LA VERITA'”

«Scambiare in tempo reale le informazioni e le misure da adottare è cruciale – ha aggiunto il Commissario europeo -, l’unico modo per avere azioni efficaci. Nei Paesi Ue siamo ancora nella fase di contenimento del virus, e dobbiamo aspettarci uno sviluppo della situazione. Tutti gli Stati membri devono essere pronti a fronteggiare la minaccia con test e analisi di laboratorio, e sviluppare la capacità di rintracciare chi è stato in contatto con i contagiati».

Il commissario Kyriakides ha poi ringraziato «i Paesi membri dell’Ue che hanno mantenuto aperte le frontiere, evitando misure sproporzionate e inefficaci. Importante poi che l’azione sia comune, se ci sono opinioni diverse può essere un problema, per questo è fondamentale il continuo coordinamento».

La Commissione europea fornirà sostegno economico ai Paesi membri per il materiale sanitario e i test di laboratorio e screening. Kyriakides ha ricordato che la Ue ha già stanziato 10 miliardi di euro per la ricerca su Covid-19 e annunciato che arriveranno altri 90 milioni con la collaborazione delle aziende farmaceutiche.

Klugge, dell’Oms, ha sottolineato che 4 su 5 contagiati hanno sintomi lievi, la mortalità è del 1% in Cina e ha riguardato solo persone otre i 65 anni e con altre patologie. «Non esistono ancora cure convalidate – ha concluso Klugge -. Si sta lavorando per un vaccino, per il quale potrebbe volerci più di un anno».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Covid-19, online la mappa dei materiali distribuiti alle Regioni e Province Autonome
È onine il sistema “Analisi Distribuzione Aiuti” (ADA), aggiornato in tempo reale e dedicato a dispositivi ed apparecchiature per il contrasto al Coronavirus, distribuiti ogni giorno dalla Protezione Civile alle Regioni e alle Province autonome per fronteggiare l’emergenza. Il sistema è stato realizzato dagli Uffici del Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e […]
There are not enough masks for health workers: protests all over the world
The world is running out of protective masks. Not only for citizens, who according to the World Health Organization should not wear masks if they are not sick or not caring for someone who is sick. But also for doctors, nurses and healthcare professionals, who risk their lives while treating infected patients. Italian health workers […]
Coronavirus, Magi (OMCeO Roma): «Nella Capitale situazione stabile. Partito il camper per assicurare l’assistenza sul territorio»
«Con l'unità mobile dell'Ordine dei medici cerchiamo di non ripetere l'errore che è stato fatto al Nord. A Nerola, centro focolaio, facciamo tamponi e test rapidi e se coincidono possiamo estenderli a tutti». Così il presidente Magi, che aggiunge: «Accelerare i tamponi ai medici per lavorare in sicurezza»
Specialistica Ambulatoriale, approvato nuovo ACN. SUMAI: «Contiene strumenti idonei per arginare il Coronavirus»
La ratifica del nuovo Accordo Collettivo Nazionale avvenuta oggi da parte della Conferenza Stato-Regioni
Emergenza case di riposo, Guerini (Villa Immacolata): «Nostra operatrice in terapia intensiva. Così tuteliamo personale e ospiti»
Ad Otricoli, in provincia di Terni, il numero dei contagi è pari a zero. Sarah Poliseri (Ancora Insieme): «All’interno della Residenza abbiamo adottato tutte le precauzioni necessarie già dalla fine del mese di febbraio, ancor prima che fossero rese obbligatorie»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 31 marzo, sono 786.291 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 37.820 i decessi e 166.088 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...