Salute 29 Luglio 2021 15:33

Vaccino Pfizer, lo studio: «Efficacia cala nell’arco di 6 mesi»

Su questo trend poggiano le ulteriori valutazioni avviate dall’azienda, che ha aperto il dibattito sull’opportunità della terza dose di vaccino

Vaccino Pfizer, lo studio: «Efficacia cala nell’arco di 6 mesi»

«Un trend gradualmente in declino dell’efficacia vaccinale». Queste le parole di un team internazionale di scienziati autori di uno studio (non ancora sottoposto a revisione fra pari) inserito nella piattaforma ‘MedRxiv’ in questi giorni e supportato da Pfizer e BioNTech. Gli esperti hanno valutato l’efficacia del vaccino Comirnaty guardando a un orizzonte di 6 mesi post vaccinazione. Il trial in questione è uno studio multinazionale, in corso, controllato con placebo, condotto su 44.165 partecipanti dai 16 anni in su e 2.264 di età compresa tra 12 e 15 anni, vaccinati con due dosi del vaccino Pfizer/BioNTech a distanza di 21 giorni l’una dall’altra.

I risultati mostrano che l’efficacia contro Covid è stata del 91% fino a 6 mesi di follow-up. Le percentuali andavano dall’86% al 100% in tutti i Paesi e in popolazioni con diverse caratteristiche di età, sesso, etnia e fattori di rischio Covid. L’efficacia contro la malattia grave è risultata del 97%. E in Sudafrica, con la variante Beta di Sars-CoV-2 predominante al momento dell’analisi, è stata del 100%. Gli esperti concludono dunque che fino a 6 mesi, e «nonostante una tendenza gradualmente in calo dell’efficacia», il vaccino ha un profilo di sicurezza favorevole ed è altamente efficace.

Ma è proprio su questo trend osservato in calo che poggiano le ulteriori valutazioni avviate dall’azienda, che ha aperto il dibattito sull’opportunità della terza dose di vaccino, e che ieri ha diffuso dati relativi alle potenzialità di un’ulteriore iniezione scudo contro la variante Delta (indurrebbe «titoli di anticorpi neutralizzanti più di 5 volte superiori nelle persone più giovani e oltre 11 volte maggiori nelle persone anziane, rispetto a due dosi»).

Tornando allo studio che ha fotografato il calo dell’efficacia vaccinale, gli esperti riportano nel dettaglio la diminuzione osservata partendo dal picco raggiunto dopo la seconda dose. Se nell’arco temporale che va dal settimo giorno post richiamo fino a 2 mesi l’efficacia era del 96,2%, da 2 mesi ed entro i 4 la percentuale in questione è scesa al 90,1%, e da 4 mesi al cut-off dei dati», cioè a 6 mesi, «è stata dell’83,7%». Gli autori hanno calcolato un calo medio del 6% ogni 2 mesi. Questo non cambia il dato dell’efficacia contro Covid grave, che è sempre intorno al 97%. «È necessario – concludono gli autori – un follow-up continuo per comprendere la persistenza dell’effetto del vaccino nel tempo, la necessità di un dosaggio di richiamo e la tempistica di tale dose».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nasce il progetto PMLAb per i pazienti COVID-19 immunocompromessi
La gestione del paziente immunocompromesso con COVID-19 richiede una particolare attenzione, che si concretizza con le Profilassi Pre-Esposizione con anticorpi monoclonali. A questo scopo è nato il progetto Prevention Management LAboratory (PMLAb), presentato oggi a Roma
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...