Salute 14 Aprile 2020

Vaccino Oxford-Advent, a fine aprile test su 550 volontari. La professoressa Gilbert: «80% di possibilità che funzioni»

A questi ritmi a settembre potrebbe cominciare la somministrazione al personale sanitario e alle forze dell’Ordine inglesi. Il direttore dell’azienda italiana produttrice: «Possibile utilizzo anche in Italia»

di Gloria Frezza

C’è l’accordo: l’Istituto Jenner dell’Università di Oxford e la Advent, un’azienda italiana con sede a Pomezia, si uniscono per lo sviluppo e la produzione di un vaccino contro il Covid-19. A fine aprile, in base ai dati finora ottenuti, dall’Italia partirà il primo lotto per iniziare i test accelerati su 550 volontari sani in Inghilterra. Se gli studi completati finora sono nel giusto, già a settembre sarà possibile utilizzare il vaccino per immunizzare personale sanitario e forze dell’Ordine con l’uso compassionevole.

Per ora in Inghilterra, ma la discussione potrebbe essere avviata anche nel nostro Paese: «Anche l’Italia – ha spiegato Matteo Liguori, managing director di Irbm, la ditta italiana che contiene Advent, ad Adnkronos Salute – come nazione potrà renderlo possibile, occorre però che subentri una discussione istituzionale per far sì che possa esserci questo interesse da parte del governo».

LEGGI ANCHE: VACCINO CONTRO IL COVID-19, A CHE PUNTO SONO LE SPERIMENTAZIONI CONDOTTE IN TUTTO IL MONDO?

Sarah Gilbert, professoressa di vaccinologia a capo del progetto di Oxford, ha dichiarato a The Times l’inizio del vaglio dei volontari già dallo scorso venerdì. Individui sani, tra i 18 e i 55 anni, su cui le sperimentazioni inizieranno non appena la ditta italiana avrà completato le prime dosi. Per la professoressa «c’è un’alta possibilità che il vaccino funzioni, dai dati positivi che stiamo ricevendo abbiamo un 80% di chance che vada bene».

Il  siero, noto provvisoriamente come ‘ChAdOx1 nCoV-19’, è costruito sopra una versione di un adenovirus “non pericolosa”, che può causare una malattia simile al comune raffreddore. Quello contenuto nel vaccino è stato modificato per non riprodursi nel nostro organismo e contemporaneamente per immettere il codice genetico necessario alla produzione della proteina “Spike”, caratteristica dei Coronavirus. I vaccinati produrranno così gli anticorpi alla proteina e, se attaccati da Covid-19, impediranno il diffondersi dell’infezione.

«Il nostro progetto ha tre caratteristiche che lo differenziano – ha proseguito Liguori –: è un progetto interamente finanziato, utilizza una piattaforma tecnologica già provata con altri vaccini e, infine, vanta una partnership ben consolidata con Oxford che gli permetterà di viaggiare più veloce».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 21 settembre, sono 31.032.045 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 960.729 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 299.506 (1.350 in più rispetto a ieri). 83.428 i […]
Covid, le Regioni accelerano sui tamponi ma i Mmg denunciano criticità nella comunicazione dei risultati
L'allarme della Fimmg in Campania, Lazio e Liguria: con l'aumento dei tamponi ritardi e difficoltà nella certificazione si aggraveranno
«Sono un infermiere e ho lottato contro il Covid-19 a Milano. Ma ora sogno di diventare medico»
Dalle corsie dell’Istituto geriatrico Redaelli alle aule della Statale per il test di Medicina: «Sono curioso ed appassionato della materia, avevo deciso prima del Covid»
di Federica Bosco
La Ue ha firmato un contratto per 300 milioni di dosi del vaccino Sanofi/Gsk
Si tratta del secondo contratto dopo quello con AstraZeneca. L'Ue potrà scegliere di donare dosi del vaccino Sanofi/Gsk a Paesi con reddito medio-basso. Per Von der Leyen è un ulteriore passo all'accesso equo a vaccini sicuri
Gli anticorpi monoclonali possono essere il “Game changer”, prima del vaccino?
Gli anticorpi monoclonali possono rappresentare la soluzione più imminente al COVID-19? Attualmente sono 3 i laboratori in fase avanzata, di ampia sperimentazione sull'uomo (cosiddetta Fase 3): la Regeneron/NIAID, con due anticorpi (REGN10933 e REGN10987), la Eli Lilly (con Ly-CoV555), e la Vir Biotechnology (VIR-7831 e VIR-7832)
di Peter D'Angelo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 settembre, sono 31.032.045 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 960.729 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto