Salute 1 Marzo 2021 12:24

Vaccino J&J approvato negli Usa, in Europa quando? L’Ema non esamina Sputnik, ma a Praga lo acquisteranno

Fda ha detto sì al vaccino Johnson&Johnson, somministrabile in una sola dose. In Ue approvazione entro aprile, è invece lontana quella del siero russo Sputnik V. Alcuni stati, tra cui la Repubblica Ceca, hanno deciso di bypassare l’Ema e acquistarlo da sé

Vaccino J&J approvato negli Usa, in Europa quando? L’Ema non esamina Sputnik, ma a Praga lo acquisteranno

Un’aggiunta per l’elenco dei vaccini anti-Covid e una svolta per le campagne di vaccinazione di tutti i Paesi che saranno coinvolti. L’Fda, l’Agenzia del Farmaco statunitense, ha approvato il vaccino Johnson&Johnson, il primo siero che necessita di una sola dose. Entro marzo è atteso anche il sì dell’Ema e l’arrivo sospirato in Europa.

L’Italia si è assicurata 27milioni di dosi, attese a partire da aprile. Essenziali per completare, o quantomeno avvicinare, l’obiettivo di vaccinare tra 300mila e 500mila persone al giorno. Fino a 19 milioni di somministrazioni in un mese. Prodotte anche nel nostro paese intorno a fine anno, come promesso da Massimo Scaccabarozzi, presidente Farmindustria e ad di Janssen, a sua volta parte proprio di Johnson&Johnson.

Il prodotto J&J è basato su un adenovirus a cui è stata aggiunta la proteina spike, può entrare nelle cellule ma non replicarsi o causare altre malattie. Ha il vantaggio di funzionare al 57% contro la variante sudafricana. In generale previene al 66% le forme moderate e severe dopo 28 giorni dalla somministrazione, mentre fino all’85% per le forme gravi.

Sputnik V funziona, ma Ema non lo prende in considerazione

Ancora irrisolto il nodo sul vaccino russo Sputnik V, che dagli ultimi test risulta efficace oltre il 90%. L’Ema ha smentito la chiacchierata intenzione di un’approvazione europea, rimandandola a data da destinarsi. Nonostante le proteste di chi invita a mettere la salute prima degli accordi politici con Mosca. Sputnik V si basa su due adenovirus ma nel suo processo assomiglia al vaccino Oxford-AstraZeneca. Sviluppato dall’istituto Gamaleia di Mosca, la sua paternità si deve allo scienziato Alexander Ginzburg.

La Repubblica Ceca vuole bypassare Ema

La Repubblica Ceca potrebbe bypassare la sua autorità e a dare il via libera al vaccino russo sul proprio territorio. Il premier Andrej Babis ha dichiarato che l’urgenza della situazione necessita misure più concrete, e che l’autorizzazione dell’agenzia di Praga potrebbe essere sufficiente. Tra l’altro, lo stato è in contatto anche con Sinopharm per il siero di produzione cinese.

Sarebbe il secondo paese a farlo dopo l’Ungheria di Viktor Orbàn, vaccinato in questi giorni proprio con il siero cinese. Budapest ha approvato anche il vaccino russo e conta, con la combinazione russo-cinese, di immunizzare oltre due terzi della popolazione entro l’estate.

Senza dimenticare la Repubblica di San Marino, dove sono arrivate settemila dosi di Sputnik dei cinque milioni prodotti tra Corea del Sud, India, Brasile e Kazachistan.

Germania e Francia usano AstraZeneca anche oltre i 65 anni, Italia deciderà in settimana

Tagliati fuori e in attesa degli arrivi “ufficiali” restano tutti i paesi più istituzionalmente fedeli all’Ue, tra cui anche l’Italia. Ognuno nel tentativo di accelerare nonostante i ritardi delle case farmaceutiche Pfizer, Moderna e AstraZeneca. Francia e Germania, basandosi sui risultati proveniente dal Regno Unito, hanno deliberato di usare il siero di Oxford anche oltre i 65 anni di età. Il Ministero della Salute italiano dovrebbe andare nella stessa direzione, la decisione si attende in settimana.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?
Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esito positivo del tampone
Covid, Regimenti (FI): «Non più obbligo vaccini, ma forte raccomandazione»
Secondo l'europarlamentare azzurra «i vaccini hanno avuto, hanno e avranno un ruolo fondamentale nella guerra al Covid, ma ora è il momento per far cadere ogni obbligo»
Speranza su quarta dose: «Ue assuma posizione unitaria su tempi e fasce d’età»
Il ministro Speranza, intervenendo al Consiglio dei ministri europei della Salute, si rivolge all’UE: «Fare in tempi stretti una proposta su quarta dose basata esclusivamente sull'evidenza scientifica»
Vaccinare tutto il mondo si può? Il maggiore ostacolo sono le terze dosi
Finora solo il 2% dei paesi più poveri ha ricevuto un dose di vaccino contro Covid-19, nella riunione delle Nazioni Unite i leader hanno stabilito il 70% come obbiettivo entro settembre 2022. Ad oggi sembra impossibile
Report Iss: dopo 7 mesi vaccini mRna ancora efficaci all’89%
Nei primi mesi di vaccinazione rimane elevata la protezione del rischio di infezione nella popolazione generale mentre è stata osservata una riduzione di efficacia nel tempo per immunocompromessi e fragili
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...