Salute 27 febbraio 2018

Obbligo vaccini dal 10 marzo, Rusconi (Associazione Presidi): «Famiglie ‘no vax’? Organizzati con ‘scuole familiari’ e bimbi a casa»

Tutte le procedure per famiglie, medici, Asl e scuole. Il Presidente dell’Associazione Nazionale Presidi: «C’è il rischio che la scuola diventi ‘il capro espiatorio’ dei non adempienti»

Immagine articolo

Pochi giorni alla scadenza del 10 marzo, termine ultimo per presentare i certificati degli adempimenti vaccinali nelle scuole. In attesa del giorno limite, si allungano le file nelle segreterie amministrative scolastiche che hanno il delicato compito di segnalare alle Asl di competenza le famiglie non in regola con l’obbligo. Le aziende sanitarie, da parte loro, saranno tenute a contattare i genitori inadempienti per sollecitare l’aderenza alla normativa. Se anche in questa fase la famiglia non dovesse allinearsi con la richiesta, allora presumibilmente partiranno le sanzioni.

PER TUTTE LE INFORMAZIONI LEGGI IL NOSTRO SPECIALE VACCINI

In questi giorni le scuole e le Asl sono «prese letteralmente d’assalto», commenta ai nostri microfoni Mario Rusconi, Presidente dell’Associazione Nazionale Presidi (ANP) che ci racconta il punto di vista della scuola nella complessa vicenda dei vaccini.

In alcune Regioni le istituzioni scolastiche stanno facendo fronte comune per controllare l’emergenza. L’Associazione Presidi come si sta muovendo?

«L’impegno concreto e gravoso è quello, in primo luogo, delle Asl, ma è chiaro che poi la situazione si riverbera anche sulle scuole, soprattutto rispetto alle segreterie scolastiche che devono gestire i documenti ed eventualmente segnalare le famiglie che non hanno risolto l’obbligo. La posizione dell’Associazione in questi termini è assolutamente favorevole all’obbligo vaccinale, tuttavia riteniamo che le istituzioni politiche si siano mosse troppo frettolosamente per garantire un corretto svolgimento di tutte le prassi previste dall’obbligo. Inoltre non giova trovarsi proprio in questo periodo in campagna elettorale, alcuni partiti ne stanno approfittando trasformando il tema vaccini in elemento di propaganda».

LEGGI ANCHE: VACCINI IN ITALIA DAL 1900 AD OGGI, LO STUDIO DELL’ISS: «EVITATI 4 MILIONI DI CASI E DECINE DI MIGLIAIA DI MORTI»

Lei crede che molte famiglie non saranno in regola?

«La verità è che paradossalmente le famiglie ‘no vax’ sono quelle che creano meno problemi all’istituzione scolastica. Infatti in molti casi i genitori che non sono concordi con l’obbligo già da tempo hanno deciso di istruire i propri figli a casa. È così che sono nate delle vere e proprie ‘scuole familiari’ con insegnanti che impartiscono lezioni a domicilio».

Per quel che riguarda i minori non vaccinati che tuttavia devono frequentare?

«In questo caso il problema c’è, ed è concreto soprattutto per quei bambini immunodepressi nel caso si trovino, in condizioni eccezionali, con compagni non vaccinati. Questi bambini non potranno stare insieme ad alunni non immunizzati e per la scuola venire a sapere questo elemento a marzo ha un’importanza relativa, occorreva saperlo quando si sono formate le classi e occorrerebbe conoscerlo per quando si formeranno l’anno prossimo».

LEGGI ANCHE: ASL, LA GRANDE SFIDA DELL’ORGANIZZAZIONE, TANESE (ASL ROMA1): «LA CHIAVE E’ INFORMARE LE FAMIGLIE»

Teme ci sia il rischio di aggressioni (visto che il tema è caldo sia per il personale sanitario che scolastico) da parte di genitori a membri delle segreterie o del personale docente, nel caso in cui venga impedita l’iscrizione a minori non in regola?

«Il genitore che si vedrà eventualmente – facciamo un’ipotesi – respinta l’iscrizione o la frequenza, è ovvio che se la prenderà immediatamente con il preside o con il vicepreside. Questo purtroppo lo abbiamo riscontrato più volte e, diciamolo, è diventato lo sport nazionale non individuare i veri responsabili ma prendersela con il primo passante. Per quanto riguarda le scuole stiamo sempre più seguendo l’esempio degli Stati Uniti dove, purtroppo, sono tantissimi i casi di sparatorie o violenze tra le mura scolastiche. La verità è che l’aggressività nel nostro Paese è penetrata irrimediabilmente nel tessuto sociale, non solo a causa della crisi economica, ma originata da tanti fattori concomitanti fra cui i social media, spesso esempio di comunità incivile, e della violenza verbale in particolare nel frangente politico. Quello che voglio dire è che c’è un clima di tale aggressività sociale che si riflette sulle famiglie e sugli studenti, che se dovessero crearsi situazioni pericolose, non mi stupirei anche se mi auguro e spero non avvenga. La cosa importante è che la giustizia funzioni e che i tribunali sanzionino, perché assumersi le responsabilità è il miglior modo per costruire una società civilmente sana».

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK

Articoli correlati
Morbillo, Simit: «Nel 2018 cento casi in operatori sanitari. Italia fanalino di coda in Europa per lotta a malattia»
La denuncia della Società italiana malattie infettive e tropicali: «Ad oggi, e vista la situazione, l'obbligo vaccinale rigorosamente applicato resta l'unica via percorribile per un periodo che non è possibile prevedere di breve durata. Bisogna rilanciare la vaccinazione anche in ampi strati di giovani adulti rimasti fuori dagli interventi di prevenzione»
Simedet, parla il Presidente Capuano: «Grazie alla multidisciplinarietà puntiamo a dare una corretta informazione in sanità»
La Società italiana di Medicina Diagnostica e terapeutica, nata un anno fa, ha celebrato il suo primo congresso parlando dei vaccini. Tra i responsabili scientifici l’immunologo Aiuti e il professor Fara
Malattie infettive, vaccinazioni e accesso alle cure al centro del 2° Congresso Waidid
Emergenza pertosse, primo network globale per l’eradicazione della Tubercolosi, immunizzazione in gravidanza e accesso universale alle cure. Questi sono alcuni degli hot topic al centro del 2° Congresso Internazionale dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – WAidid –, presieduta dalla professoressa Susanna Esposito, che da oggi al 20 ottobre ospiterà a Milano […]
Vaccini, l’immunologo Aiuti: «Dovere sociale proteggere immunodepressi, sì all’obbligo per operatori sanitari»
Il professore è intervenuto al convegno Simedet sul tema: «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti, ma dobbiamo fare di più». E se la prende con quei ‘ciarlatani camuffati’ che vanno in tv senza sapere di cosa parlano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...