Salute 27 febbraio 2018

Obbligo vaccini dal 10 marzo, Rusconi (Associazione Presidi): «Famiglie ‘no vax’? Organizzati con ‘scuole familiari’ e bimbi a casa»

Tutte le procedure per famiglie, medici, Asl e scuole. Il Presidente dell’Associazione Nazionale Presidi: «C’è il rischio che la scuola diventi ‘il capro espiatorio’ dei non adempienti»

Immagine articolo

Pochi giorni alla scadenza del 10 marzo, termine ultimo per presentare i certificati degli adempimenti vaccinali nelle scuole. In attesa del giorno limite, si allungano le file nelle segreterie amministrative scolastiche che hanno il delicato compito di segnalare alle Asl di competenza le famiglie non in regola con l’obbligo. Le aziende sanitarie, da parte loro, saranno tenute a contattare i genitori inadempienti per sollecitare l’aderenza alla normativa. Se anche in questa fase la famiglia non dovesse allinearsi con la richiesta, allora presumibilmente partiranno le sanzioni.

PER TUTTE LE INFORMAZIONI LEGGI IL NOSTRO SPECIALE VACCINI

In questi giorni le scuole e le Asl sono «prese letteralmente d’assalto», commenta ai nostri microfoni Mario Rusconi, Presidente dell’Associazione Nazionale Presidi (ANP) che ci racconta il punto di vista della scuola nella complessa vicenda dei vaccini.

In alcune Regioni le istituzioni scolastiche stanno facendo fronte comune per controllare l’emergenza. L’Associazione Presidi come si sta muovendo?

«L’impegno concreto e gravoso è quello, in primo luogo, delle Asl, ma è chiaro che poi la situazione si riverbera anche sulle scuole, soprattutto rispetto alle segreterie scolastiche che devono gestire i documenti ed eventualmente segnalare le famiglie che non hanno risolto l’obbligo. La posizione dell’Associazione in questi termini è assolutamente favorevole all’obbligo vaccinale, tuttavia riteniamo che le istituzioni politiche si siano mosse troppo frettolosamente per garantire un corretto svolgimento di tutte le prassi previste dall’obbligo. Inoltre non giova trovarsi proprio in questo periodo in campagna elettorale, alcuni partiti ne stanno approfittando trasformando il tema vaccini in elemento di propaganda».

LEGGI ANCHE: VACCINI IN ITALIA DAL 1900 AD OGGI, LO STUDIO DELL’ISS: «EVITATI 4 MILIONI DI CASI E DECINE DI MIGLIAIA DI MORTI»

Lei crede che molte famiglie non saranno in regola?

«La verità è che paradossalmente le famiglie ‘no vax’ sono quelle che creano meno problemi all’istituzione scolastica. Infatti in molti casi i genitori che non sono concordi con l’obbligo già da tempo hanno deciso di istruire i propri figli a casa. È così che sono nate delle vere e proprie ‘scuole familiari’ con insegnanti che impartiscono lezioni a domicilio».

Per quel che riguarda i minori non vaccinati che tuttavia devono frequentare?

«In questo caso il problema c’è, ed è concreto soprattutto per quei bambini immunodepressi nel caso si trovino, in condizioni eccezionali, con compagni non vaccinati. Questi bambini non potranno stare insieme ad alunni non immunizzati e per la scuola venire a sapere questo elemento a marzo ha un’importanza relativa, occorreva saperlo quando si sono formate le classi e occorrerebbe conoscerlo per quando si formeranno l’anno prossimo».

LEGGI ANCHE: ASL, LA GRANDE SFIDA DELL’ORGANIZZAZIONE, TANESE (ASL ROMA1): «LA CHIAVE E’ INFORMARE LE FAMIGLIE»

Teme ci sia il rischio di aggressioni (visto che il tema è caldo sia per il personale sanitario che scolastico) da parte di genitori a membri delle segreterie o del personale docente, nel caso in cui venga impedita l’iscrizione a minori non in regola?

«Il genitore che si vedrà eventualmente – facciamo un’ipotesi – respinta l’iscrizione o la frequenza, è ovvio che se la prenderà immediatamente con il preside o con il vicepreside. Questo purtroppo lo abbiamo riscontrato più volte e, diciamolo, è diventato lo sport nazionale non individuare i veri responsabili ma prendersela con il primo passante. Per quanto riguarda le scuole stiamo sempre più seguendo l’esempio degli Stati Uniti dove, purtroppo, sono tantissimi i casi di sparatorie o violenze tra le mura scolastiche. La verità è che l’aggressività nel nostro Paese è penetrata irrimediabilmente nel tessuto sociale, non solo a causa della crisi economica, ma originata da tanti fattori concomitanti fra cui i social media, spesso esempio di comunità incivile, e della violenza verbale in particolare nel frangente politico. Quello che voglio dire è che c’è un clima di tale aggressività sociale che si riflette sulle famiglie e sugli studenti, che se dovessero crearsi situazioni pericolose, non mi stupirei anche se mi auguro e spero non avvenga. La cosa importante è che la giustizia funzioni e che i tribunali sanzionino, perché assumersi le responsabilità è il miglior modo per costruire una società civilmente sana».

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK

Articoli correlati
Vaccini, I Rapporto OSV. Il coordinatore: «Finalmente offerta uguale, ogni Regione con sua strategia. Anagrafe vaccinale lontana da aspettative»
Presentato il report dell’Osservatorio Strategie Vaccinali che fa il punto sulla situazione della profilassi in Italia. «Il Piano nazionale vaccini ha appianato le disparità in termini di offerta sul territorio, ma a livello operativo le Regioni camminano su propri binari», così Michele Conversano, coordinatore dell’Osservatorio
Malata di leucemia, tutta la classe si vaccina per farla tornare a scuola
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti si è detto fiero dei bambini della scuola di Faenza (Ravenna) dove una classe di quarta elementare si è vaccinata contro l’influenza per permettere a una compagna malata di leucemia di poter tornare a scuola sicura. «Voglio ringraziarli, insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, per la sensibilità e la prontezza che […]
Bullismo, con “I respect” a Milano si insegna l’autostima e l’autodifesa. Gabrielle Fellus: «Così le vittime elaborano l’aggressione e tornano a vivere»
L’ideatrice è da 16 anni istruttrice di Krave Maga, tecnica di difesa israeliana. Il progetto è realizzato per casa pediatrica Fatebenefratelli-Sacco, da anni in prima linea con il suo centro Multidisciplinare sul disagio adolescenziale
di Federica Bosco
Con 90 nuovi master nasce il professionista sanitario del futuro. Marcuccilli (ANTEL): «Sarà requisito essenziale per avanzamento di carriera»
È stato l’Osservatorio per le professioni sanitarie presso il Miur a stabilire i 90 nuovi corsi, che saranno a numero chiuso: circa 25 persone ciascuno. Il rappresentante dei Tecnici di laboratorio biomedico in seno all’Osservatorio: «I professionisti potranno acquisire le nuove competenze tenendo conto delle esigenze tecnologiche e di mercato»
Patto per la Scienza di Burioni: firmano anche Renzi e Grillo. Sileri (M5S): «Positivo, aiuterà ad abbattere muri tra medici e pazienti»
Una denuncia contro la pseudoscienza che ha trovato alleati inaspettati. Tra i punti quello di «non sostenere o tollerare in alcun modo forme di pseudoscienza e/o di pseudomedicina». No vax contestano scelta del leader M5S. Il Presidente della Commissione Sanità: «Ci sarà sempre qualcuno che dissentirà, ma dobbiamo cercare la verità»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano