Salute 21 Maggio 2019

Vaccini, parla il professor Fara: «Togliere obbligo è sbagliato, ma sogno un giorno in cui sarà la popolazione a ‘pretenderli’»

Gaetano Maria Fara, luminare di fama mondiale, scende in campo a favore dell’obbligo vaccinale. «Movimenti no vax sono sempre esistiti in tutto il mondo, per questo serve maggiore cultura vaccinale». Poi ricorda i risultati raggiunti dal vaccino anti poliomielite: «In pochi anni in Italia siamo passati da 10mila casi a 1-2»

Immagine articolo

È uno dei massimi esperti di vaccini. E non perde occasione per ribadire con forza la necessità di arrivare a una maggiore «cultura vaccinale». Gaetano Maria Fara, Professore Emerito in Igiene e Medicina Preventiva al Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive G. Sanarelli de “La Sapienza” di Roma e membro del Comitato Scientifico della Simedet, Società italiana di medicina diagnostica e terapeutica, smonta, in poche ma efficaci parole, gran parte delle teorie dei no vax, con una lucidità affatto offuscata dai suoi 85 anni. «Inizialmente non ero favorevole all’obbligo dei dieci vaccini, ma ha indubbiamente rimesso le cose a posto. Proprio nel 2018 le coperture vaccinali per i principali vaccini hanno superato il 95%», spiega a Sanità Informazione. Fara ricorda il caso della polio, di cui si è occupato in passato, e degli straordinari risultati raggiunti da quel vaccino e dalla scelta di renderlo obbligatorio: «Nel giro di 3-4 anni in Italia la polio da diecimila casi è scesa a 1-2 casi, poi è sparita completamente». Non nega la possibilità di effetti collaterali del farmaco vaccinale, ma spiega perché i benefici sono di gran lunga maggiori. «In questo momento lascerei ancora l’obbligatorietà – sottolinea – però lavorerei per arrivare al giorno in cui questo obbligo non sarà più necessario perché la gente e i vaccini li pretenderà convinta che gli effetti collaterali siano talmente secondari che una popolazione di 60 milioni di abitanti può accettarli».

La politica ancora discute sui vaccini. Eppure la copertura di gregge si sta raggiungendo grazie all’obbligo vaccinale, ma ancora malattie come il morbillo stanno ritornando alla grande. Perché la gente non si vaccina?

«I vaccini sono sempre stati dibattuti in passato. Ricordo che quando in Inghilterra hanno cominciato a vaccinare col vaiolo è subito sorto il movimento anti-vaccini. Questi movimenti hanno sempre avuto una certa voce in capitolo nella popolazione. L’obbligo da noi è sempre stato abituale. L’obbligo dei famosi quattro vaccini: difterite, tetano, epatite e polio. Questi vaccini sono sempre stati ‘ubbiditi’. Le voci anti vaccini erano limitate: adesso con questo passare di colpo da 4 a 10 vaccini obbligatori, le voci si sono rialzate. D’altra parte questo obbligo a cui io inizialmente non ero favorevole, ha indubbiamente rimesso le cose a posto. Proprio nel 2018 le coperture vaccinali per i principali vaccini hanno superato il 95%. Adesso toglierli con la gente che ormai si è equilibrata non mi sembra un’idea molto brillante. L’obbligatorietà può essere tolta contestualmente con la riduzione della cosiddetta esitazione vaccinale che è frutto da un lato della non competenza della popolazione, la vaccine esitancy che è parte della health esitancy. La popolazione non ha gli strumenti culturali per capire vantaggi e svantaggi di certe operazioni. Deve crescere, deve aumentare la propria culturale vaccinale. Non è una operazione molto veloce. È una operazione possibile e noi ci battiamo perché le persone vengano istruite, capiscano, si verifichi che hanno capito e che facciano propri questi concetti. Solo così si potrà arrivare a luoghi dove i vaccini non sono subìti ma voluti dalla popolazione. Il nostro sogno è che la popolazione li pretenda, li chieda. Ci sono persone che li pretendono e li chiedono ma purtroppo ci sono altri che non fanno così. Su questi lavorano gruppi anti-vaccinatori che a volte sono mossi da ideologie stravaganti, altre volte sono mossi da interessi concreti perché se io ti vendo una alternativa ai vaccini e te la pubblicizzo per me è un vantaggio».

LEGGI ANCHE: VACCINI, WALTER RICCIARDI (ISS): «OBBLIGO SIA ESTESO ANCHE AI SANITARI. APPLICARE LEGGE SU SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO»

Una delle tesi degli antivaccinisti è la pericolosità degli effetti avversi dei vaccini. Ma la percentuale di questi effetti è molto limitata….

«Gli effetti avversi esistono e sono esistiti. L’effetto avverso più importante è stato che il vaccino vivente poliomielitico provocava un caso di poliomielite ogni due milioni di vaccinati. Voi capite che quando abbiamo cominciato a vaccinare contro la polio con migliaia e migliaia di persone colpite da polio ogni anno, siamo arrivati quasi a diecimila casi all’anno. Il fatto che un vaccinato ogni due milioni avesse una lieve polio non importava, perché i vantaggi della vaccinazione sono stati mostruosi. Nel giro di 3-4 anni la polio da diecimila casi è scesa a 1-2 casi, poi è sparita completamente in Italia. La vaccinazione antipolio si è continuata a fare e si fa ancora adesso non perché in Italia ci sia la polio ma perché ci sono paesi in cui la polio ancora c’è e hanno rapporti con noi e i tempi di viaggio sono inferiori alle incubazioni delle malattie. Abbiamo continuato a mantenere le vaccinazioni ma la gente ora dice che un caso ogni due milioni è pur sempre troppo e infatti si è passati al vaccino ucciso, si è passati al vaccino preparato meglio e adesso tutta Europa, per esempio tutto l’estremo Oriente, tutte le Americhe vaccinano con questo vaccino ucciso che non dà assolutamente queste conseguenze. È finito almeno da noi il pericolo di questi effetti collaterali. Gli altri effetti collaterali sono lievi, transitori, e rari. Perché esiste un sistema di verifica degli effetti collaterali. Addirittura esiste una legge che risarcisce le persone vittime di effetti collaterali. Anche qui abbiamo assistito a cose strane: tribunali che davano ragione a quel matto che aveva collegato il vaccino antimorbillo e l’autismo. C’è stato un tribunale che addirittura ha dato ragione a questo, poi per fortuna in appello è stato cancellato. C’è qualche giudice che si fa consigliare da un esperto che in realtà si scopre che esperto non è. In questo momento lascerei ancora l’obbligatorietà, però lavorerei per arrivare al giorno in cui questo obbligo non sarà più necessario perché la gente e i vaccini li pretenderà convinta che gli effetti collaterali siano talmente secondari che una popolazione di 60 milioni di abitanti può accettarli».

LEGGI ANCHE: “LIBERTA'” E “GIU’ LE MANI DAI BAMBINI”, FREE VAX IN PIAZZA A ROMA TRA SLOGAN E DELUSIONE

Articoli correlati
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Un vaccino contro Covid-19, a che punto sono i tentativi nel mondo?
Tutti i ricercatori del mondo sono all'opera per trovare un vaccino contro Covid-19. A che punto si trovano i 140 candidati? I dati dell'Oms sulle fasi raggiunte fino ad oggi dai singoli prodotti
Vaccini, Italia Longeva: «Puntiamo a raddoppiare le coperture degli anziani»
Per raggiungere il 95% suggerito dal ministero della Salute, è necessario avere a disposizione più vaccini e prima, già da settembre. Il presidente Bernabei: «Vaccinare tutti gli anziani contro l'influenza stagionale, pneumococco, pertosse e herpes zoster»
Vaccini influenza, la circolare del Ministero per affrontare l’autunno (e la possibile convivenza col Covid) convince pediatri e MMG
Mele (SIMPE): «Auspicabile estendere la raccomandazione anche a bambini più grandi, ma la direzione è corretta». Scotti (FIMMG): «Fondamentale inizio precoce e chiusura tardiva della campagna». Ma non tutte le mamme sono d'accordo
Simpef: «Sì alla vaccinazione antinfluenzale tra i 6 mesi e i 6 anni»
Il Sindacato medici pediatri di famiglia esprime piena identità di vedute con Ministero e Società italiana di pediatria: «È una nostra posizione storica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...