Salute 29 novembre 2016

Vaccini obbligatori: il caso dell’Emilia Romagna. Si scatena la guerra fra le Regioni

Emilia, profilassi imposta dalle autorità. Lorenzin: «Regione virtuosa, seguire l’esempio». Il Lazio con Zingaretti approva: «Un passo avanti per la civiltà». Lombardia e Liguria protestano: «Vaccinazioni importanti ma anche la libertà di scelta»

Obbligatorietà vaccini, è scontro aperto fra le Regioni. Per l’Emilia Romagna la vaccinazione diventa obbligatoria per l’iscrizione dei bambini alla scuola materna. A deciderlo una legge regionale approvata dall’Assemblea legislativa, con astensione di Sel e centrodestra, che introduce l’obbligo di somministrare ai bambini l’antipolio, l’antidifterica, l’antitetanica e l’antiepatite B. L’obbligo comincerà ad essere applicato dal nuovo anno scolastico e sono previsti intanto corsi di formazione per preparare gli educatori a rapportarsi con i genitori non convinti. Questo provvedimento d’urto si è reso necessario viste le stime delle coperture vaccinali della regione da due anni in calo. Infatti la soglia dei bambini vaccinati in 24 mesi si è mantenuta sotto il 95%, limite stabilito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per tutelare i bambini che per motivi di salute non possono fare profilassi.

«Una scelta coraggiosa e giusta – commenta il Ministro della Salute -. I tempi sono maturi perché l’esempio dell’Emilia sia seguito anche da altri. Può essere un esempio da copiare» commenta con soddisfazione la Lorenzin. A contraddire il Ministro il partito M5S che non approva l’obbligatorietà di un provvedimento che come conseguenza avrà «un ulteriore allontanamento da parte dei genitori che oggi, a causa anche della scarsa informazione, continuano a non voler vaccinare i propri figli. La coercizione non era e non è la strada giusta» spiega il Consigliere Regionale per l’Emilia Romagna, Raffaella Sensoli.

Contrarie all’obbligo vaccinazioni le Regioni Lombardia e Liguria che per bocca degli assessori regionali Giulio Gallera e Sonia Viale esprimono il loro disappunto: «Siamo impegnati in una campagna informativa perché le vaccinazioni sono fondamentali ma anche la libertà di scelta lo è».  Dall’altra parte della barricata il Lazio con il Presidente della Regione Zingaretti che appoggia la scelta dell’Emilia e incoraggia «un passo avanti di civiltà anche per il Lazio».

Tuttavia ipotesi di politiche coattive che obblighino i genitori a vaccinare prendono forma anche in altre Regioni come le Marche, l’Umbria e la Toscana. A proposito della Toscana, in questo periodo l’attenzione mediatica è concentrata sulla regione dove in questi ultimi mesi, i casi di meningite sono stati superiori alla media e la patologia si è manifestata in modo particolarmente aggressivo tanto da portare a due decessi rispettivamente a Livorno e Firenze. Buone notizie invece per il bambino di otto anni ricoverato al Meyer di Firenze da circa un mese dopo che gli era stata diagnosticata la meningite da pneumococco. Il piccolo era stato vaccinato nel 2009 e dopo un iniziale allarme è ora fuori pericolo.

Articoli correlati
40 anni SSN, Grillo: «No privatizzazione diritti fondamentali». Sulle aggressioni: «Più misure di sicurezza ma c’è problema sociale»
Davanti al Capo dello Stato il racconto di 40 anni di Servizio Sanitario Nazionale anche attraverso la testimonianza di persone comuni. Il Ministro della Salute ha chiesto l’appoggio dei Governatori «per combattere corruzione, malgoverno e promuovere servizi migliori»
Vaccini, a Perugia convegno SIMEDET e CISL Umbria contro la disinformazione: «Rispondere con evidenze scientifiche a chi parla senza conoscere»
Tra i relatori i professori Gaetano Maria Fara e Susanna Esposito. Il titolo dell’incontro è “La vaccinazione oggi: tra realtà e falsi miti”
Dal “Siero Bonifacio” alla cura Di Bella, Roberto Burioni racconta 10 “Balle mortali”
«Il libro parla delle bugie in medicina e delle conseguenze gravissime che queste possono avere sulla salute e anche sulla vita delle persone» così il virologo del San Raffaele
Morbillo, nel 2017 110mila morti nel mondo. L’OMS: «Senza aumento coperture vaccinali perderemo decenni di progressi»
L’aumento dei casi preoccupa le agenzie sanitarie: «Non sono dati sorprendenti, ma il frutto della combinazione della diffusione di notizie false sui vaccini in Europa, del collasso della sanità in Venezuela e di sacche di povertà e bassa immunizzazione in Africa. Sono necessarie misure urgenti»
Vaccini, il commissario europeo Andriukaitis: «Inutile discutere su obbligatorietà o volontarietà, contano coperture»
«Il nostro dovere è liberarci dal morbillo entro il 2020. Che cosa stiamo facendo, tutti insieme, Parlamenti e governi di tutti gli Stati membri per raggiungere quell'obiettivo?» così il commissario europeo alla Salute in conferenza stampa a Bruxelles VEDI L'INTERVISTA DI SANITA' INFORMAZIONE
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...