Salute 29 Novembre 2016

Vaccini obbligatori: il caso dell’Emilia Romagna. Si scatena la guerra fra le Regioni

Emilia, profilassi imposta dalle autorità. Lorenzin: «Regione virtuosa, seguire l’esempio». Il Lazio con Zingaretti approva: «Un passo avanti per la civiltà». Lombardia e Liguria protestano: «Vaccinazioni importanti ma anche la libertà di scelta»

Obbligatorietà vaccini, è scontro aperto fra le Regioni. Per l’Emilia Romagna la vaccinazione diventa obbligatoria per l’iscrizione dei bambini alla scuola materna. A deciderlo una legge regionale approvata dall’Assemblea legislativa, con astensione di Sel e centrodestra, che introduce l’obbligo di somministrare ai bambini l’antipolio, l’antidifterica, l’antitetanica e l’antiepatite B. L’obbligo comincerà ad essere applicato dal nuovo anno scolastico e sono previsti intanto corsi di formazione per preparare gli educatori a rapportarsi con i genitori non convinti. Questo provvedimento d’urto si è reso necessario viste le stime delle coperture vaccinali della regione da due anni in calo. Infatti la soglia dei bambini vaccinati in 24 mesi si è mantenuta sotto il 95%, limite stabilito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per tutelare i bambini che per motivi di salute non possono fare profilassi.

«Una scelta coraggiosa e giusta – commenta il Ministro della Salute -. I tempi sono maturi perché l’esempio dell’Emilia sia seguito anche da altri. Può essere un esempio da copiare» commenta con soddisfazione la Lorenzin. A contraddire il Ministro il partito M5S che non approva l’obbligatorietà di un provvedimento che come conseguenza avrà «un ulteriore allontanamento da parte dei genitori che oggi, a causa anche della scarsa informazione, continuano a non voler vaccinare i propri figli. La coercizione non era e non è la strada giusta» spiega il Consigliere Regionale per l’Emilia Romagna, Raffaella Sensoli.

Contrarie all’obbligo vaccinazioni le Regioni Lombardia e Liguria che per bocca degli assessori regionali Giulio Gallera e Sonia Viale esprimono il loro disappunto: «Siamo impegnati in una campagna informativa perché le vaccinazioni sono fondamentali ma anche la libertà di scelta lo è».  Dall’altra parte della barricata il Lazio con il Presidente della Regione Zingaretti che appoggia la scelta dell’Emilia e incoraggia «un passo avanti di civiltà anche per il Lazio».

Tuttavia ipotesi di politiche coattive che obblighino i genitori a vaccinare prendono forma anche in altre Regioni come le Marche, l’Umbria e la Toscana. A proposito della Toscana, in questo periodo l’attenzione mediatica è concentrata sulla regione dove in questi ultimi mesi, i casi di meningite sono stati superiori alla media e la patologia si è manifestata in modo particolarmente aggressivo tanto da portare a due decessi rispettivamente a Livorno e Firenze. Buone notizie invece per il bambino di otto anni ricoverato al Meyer di Firenze da circa un mese dopo che gli era stata diagnosticata la meningite da pneumococco. Il piccolo era stato vaccinato nel 2009 e dopo un iniziale allarme è ora fuori pericolo.

Articoli correlati
Obbligo vaccinale, Nas: «Ad oggi 217 contestazioni a dirigenti e genitori». A Belluno 30 indagati
Presentato il libro “La prima missione dei fratelli Super Vaccini e dei loro amici. Un pizzicotto in quattro e quattr’otto", realizzato dall’associazione Valore Uomo in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità. Ricciardi: «Bene obbligo ma copertura non ancora sufficiente ovunque». Mazzucchiello: «La favoletta è per i bambini ma sono i genitori che devono leggerla». Il Miur diffonderà il volume nelle scuole
«Un unico modello virtuoso per tutte le Regioni». La ricetta del viceministro Sileri per il SSN
«Se c’è un modello di cardiologia, di chirurgia o di governance che funziona, quel modello va copiato e trasmesso in tutta Italia. Così supereremo le diseguaglianze»
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza
Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»
di Federica Bosco
Trasfusioni, il 55% degli eventi avversi gravi causato da errore umano. Dal Ministero nuove linee guida per la prevenzione
Le reazioni avverse dovute ad errori trasfusionali rappresentano circa il 78% di tutti gli eventi avversi e, tra queste, circa il 20% sono reazioni trasfusionali da incompatibilità AB0
Vaccini, l’avviso automatico di Facebook contro le fake news riaccende le polemiche
Basta digitare le parole “no vax”, “free vax” oppure chiedere l’iscrizione ad uno dei tanti gruppi sul tema presenti sulla piattaforma social per ricevere l’invito ad accedere al sito dell’OMS
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...