Salute 15 Settembre 2015

Vaccini, in Toscana dalla paura alla psicosi

L’emergenza meningite crea il caos, ma il traguardo di copertura vaccinale è ancora lontano

Immagine articolo

Fa più paura una malattia mortale o una diceria? Era questa la domanda che ci ponevamo nello scorso numero di Sanità informazione. Ebbene, a far tremare di più gli italiani pare sia un rischio concreto piuttosto che una superstizione. Almeno questa è la risposta che ci giunge dalla Versilia, in Toscana, dove l’ultimo caso di contagio da meningococco C, contratto il 3 settembre da una ragazzina in vacanza in Versilia ha dato il là alla psicosi meningite.


Il risultato? Le linee della Asl letteralmente intasate dalle richieste di vaccino, che erano già aumentate nelle scorse settimane forse a causa dell’imminente riapertura delle scuole, e che in questi ultimi giorni, a ridosso dell’ultimo caso, sono cresciute in modo esponenziale.

In Toscana, in realtà, l’incubo meningite imperversa da mesi. Ben trentuno i casi registrati nella Regione durante il 2015 (di cui 24 riferibili al meningococco C) che hanno portato a sei decessi. Un picco assoluto di contagi rispetto alle statistiche degli ultimi dieci anni ma, soprattutto, una rapidità di diffusione della malattia mai vista prima, e in una zona relativamente circoscritta. Un mistero che neppure l’Istituto superiore della Sanità riesce a spiegarsi: «Sulla provenienza si fanno alcune ipotesi – dichiara Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità -. Potrebbe essere, ad esempio, un focolaio epidemico attraccato in Toscana con una nave a Livorno. Ma più che l’origine, in questo momento, il vero interrogativo è un altro: dobbiamo capire perché il ceppo, virulento, si è messo a correre così velocemente».

Ma torniamo alla recente corsa al vaccino. Oltre 6mila chiamate al giorno per prenotare il tetravalente, che protegge contro quattro tipi di meningite ed è garantito per alcune fasce di popolazione:  i bambini fino a 10 anni  e i ragazzi dall’11° anno fino al compimento del 20° anno; i soggetti sottoposti a profilassi in quanto “contatti” di un caso di meningococco C; le persone fra 21 e 45 anni che hanno frequentato comunità in cui, nel 2015,si è verificato un caso di sepsi/meningite da meningococco C; infine, per tutto il 2015 alle persone fra 21 e 45 anni (ma solo su richiesta) nelle Asl nelle quali si è verificato un caso di meningite del ceppo C. Tutti gli altri dovranno pagare di tasca loro e, soprattutto, aspettare i tempi spesso biblici delle liste d’attesa della Asl.

Il rovescio della medaglia, tuttavia, è che nonostante questo picco di richieste, si è ancora lontani dagli standard di copertura vaccinali (quasi un milione di dosi) in cui la Regione aveva sperato e investito. In pratica, l’aumento di richieste sarebbe frutto non di un’unanime presa di coscienza da parte della popolazione, quanto piuttosto di una paura momentanea. «Forse una parte della ritrosia è dovuta anche all’alone di sospetto che in modo ingiustificato si è gettato sui vaccini – commenta l’assessore regionale alla sanità Stefania Saccardi -. Invece è importantissimo fare la profilassi. Sia gli esperti dell’Istituto superiore di Sanità del Ministero stanno studiando il ceppo toscano, che appare molto aggressivo, ma fare il vaccino è fondamentale. Per questo chiederemo a medici e Asl di tornare a sensibilizzare i cittadini».

Se a tutto questo si aggiunge l’imminente stagione influenzale, che secondo le previsioni metterà a letto 5 milioni di italiani, le parole del ministro Beatrice Lorenzin («Ho vaccinato i miei figli, è andato tutto benissimo. Penso che nessuno più di me abbia dati, la casistica degli effetti collaterali, sia informata da tutti i punti di vista. Non bisogna aver paura delle vaccinazioni») suonano come un monito da cogliere, e un invito a rompere gli indugi affinché sia il buon senso e la prevenzione a far scegliere di vaccinarsi, e non la psicosi a intermittenza di una malattia dal decorso imprevedibile.

Articoli correlati
Vaccini, New York abolisce le esenzioni per motivi religiosi
Lo Stato di New York ha abolito le esenzioni dalle vaccinazioni per motivazioni religiose. La misura è stata adottata dal governatore Andrew Cuomo e approvata dal Congresso di New York nel tentativo di porre un freno all’epidemia di morbillo scoppiata nella Grande Mela dove, nel 2019, sono stati accertati 588 casi di morbillo, soprattutto nelle […]
Pazienti fragili, i vaccini fondamentali per un’adeguata prevenzione. A rischio anziani, bambini, malati cronici
Chi sono I pazienti fragili? Quali criteri sono alla base di una loro individuazione? Le vaccinazioni del paziente fragile rappresentano un argomento emergente nel panorama sanitario italiano. Le vaccinazioni, in genere, si rivolgono a due categorie di persone: soggetti sani (spesso in età infantile o adolescenziale), con scopo preventivo, e sono le vaccinazioni classiche; i pazienti […]
Rapporto Gimbe, Lorenzin: «Non può non destare preoccupazione. Ci aspetta un autunno difficile»
L’ex ministro della Salute a Farma & Friends: «Necessaria una chiamata alle armi di tutte le forze politiche. Gli operatori della sanità sono preoccupati per i tagli preventivati al settore»
Atrofia muscolare spinale, al via lo screening neonatale in Lazio e in Toscana
In due anni 140mila nuovi nati potranno essere sottoposti a un test genetico: una diagnosi precoce può cambiare la storia di malattia delle persone che nascono con l’atrofia muscolare spinale (SMA). L’Assessore alla Sanità del Lazio D’Amato: «Un modello per l’intero Paese»
A Milano è il giorno del Patto per la Scienza di Burioni e Silvestri. Garattini: «Metodologia scientifica va insegnata a scuola»
Alla Statale l’evento di presentazione del Patto promosso dai virologi Burioni e Silvestri. Tra gli ospiti l’ex ministro della Salute Lorenzin e l’ex Magistrato Raffaele Guariniello. Presidente del Patto l’epidemiologo Pierluigi Lopalco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...