Salute 17 Novembre 2015

Vaccini dannosi? «Pasteur si rivolta nella tomba»

La parola al medico di base: «Se il paziente ha dubbi la mia risposta è una sola. Vaccinarsi, sempre»

Immagine articolo

«Pasteur si rivolterebbe nella tomba». Che i vaccini non stiano vivendo un momento di gloria è ormai noto a tutti. Un po’ meno, a quanto pare, lo è la consapevolezza di cosa si rischia: un salto all’indietro, di più di un secolo, cent’anni di progresso scientifico azzerati, almeno nell’ambito dell’immunologia, e malattie debellate che ritornano in scena.


Il nostro Paese, stando al Rapporto Meridiano Sanità, elaborato da The European House-Ambrosetti e presentato nei giorni scorsi a Roma, si colloca ben al di sotto della media europea per tassi di vaccinazione. Del resto basta farsi un giro online per scontrarsi con una giungla di blog, siti, forum che demonizzano lo strumento vaccinale per i presunti effetti collaterali. E la disinformazione, in versione 2.0, arriva e si diffonde molto più velocemente.

Ultimo avamposto a contrastare una psicosi ingiustificata e alimentata dalla cattiva informazione, i medici di base. Tanto per cominciare, gli eventuali effetti collaterali dei vaccini sarebbero meno pericolosi rispetto al contrarre la malattia stessa, soprattutto nei soggetti con un sistema immunitario più debole. «Io obbligo i miei pazienti, soprattutto quelli anziani, a fare il vaccino antinfluenzale», dichiara il dottor Cesare Gervasoni, medico a Milano.

La più grande paura delle mamme, a quanto pare, sono gli effetti collaterali dei vaccini raccomandati per l’infanzia. Per contro, i figli dei migranti nelle scuole sono visti come veicolo di malattie e infezioni. Quello di cui non si tiene conto, in questo caso, è “l’effetto Cristoforo Colombo”. «Sono loro – spiega Gervasoni – a rischiare di contrarre, arrivando in Italia, malattie inesistenti nei loro Paesi d’origine. E’ evidente che in generale, più gente si vaccina meno epidemie ci saranno, e di ciò ovviamente trarranno giovamento anche i non vaccinati». E continua: «Davanti a questa crociata contro i vaccini il dottor Pasteur si rivolterebbe nella tomba».

Rimanendo in tema, uno degli effetti collaterali legati all’informazione distorta potrebbe essere una “crisi di fiducia” nel rapporto tra medico e cittadino/paziente: la mamma si affida al proprio medico di famiglia, ma al tempo stesso ha paura. Come si risolve questo contrasto? Il dottor Gervasoni non ha dubbi: «Se il paziente arriva con una domanda, spetta noi dare una risposta. La mia? Vaccinarsi, sempre».

Articoli correlati
Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»
L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura, e appoggia la candidatura del corpo sanitario italiano al Nobel per la Pace
Covid-19, l’immunità innata può essere allenata con vaccini e stile di vita sano
Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas: «Questo meccanismo di allenamento potrebbe contribuire a spiegare il fatto che i bambini siano meno colpiti da Covid-19, dal momento che la maggior parte di loro è sottoposta a diverse vaccinazioni nei primi anni di vita»
Quarantena, contact tracing, vaccini obbligatori e negazionisti: lezioni da un’epidemia (dell’800)
Il New England Journal of Medicine: «Fin dal 19mo secolo le misure di salute pubblica sono state mal ricevute dalla popolazione»
di Tommaso Caldarelli
Vaccini antinfluenzali in farmacia. FNOMCeO dice no
La proposta di Federfarma, Fofi e Assofarm non piace alla Federazione degli Ordini dei Medici: « Un’idea che, a legislazione vigente, non può essere messa in pratica»
Influenza stagionale, Federfarma: «Mancano i vaccini in farmacia»
Il presidente Cossolo: «Federfarma chiede l’adozione di un provvedimento legislativo che abiliti espressamente il farmacista a inoculare i vaccini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 settembre, sono 33.362.341 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.001.800 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 settembre: Ad oggi ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...