Salute 20 Aprile 2015

Calo vaccini, lo studio dell’ISS: “In Italia centinaia di morti in più”

Intanto nel mondo cresce il movimento d’opinione anti-immunizzazioni nonostante la scienza ne smonti le teorie. Soluzione drastica dall’Australia


Il caso legato all’allarme (poi rivelatosi falso) innescato dalla vicenda “Fluad” e dalle morti sospette dell’autunno, aveva fatto calare il numero delle immunizzazioni di una percentuale oscillante in Italia tra il 25 ed il 30%. Altro effetto collaterale era stato il sovraffollamento dei pronti soccorsi, già costretti ad operare in situazioni al limite con medici ed infermieri costretti, dunque, ad un ulteriore superlavoro.

Oltre a rimarcare che “i vaccini contro l’influenza sono estremamente sicuri ed efficaci”, Ricciardi ha anticipato i risultati dell’indagine che l’ISS sta conducendo per valutare gli effetti del calo delle vaccinazioni, parlando esplicitamente di “eccesso di mortalità”, specificando poi che: “Oltre agli ottomila decessi che sono la norma ogni anno, ce ne sono stati alcune centinaia in più”.

L’intervento di Ricciardi ha riacceso il dibattito sull’importanza delle vaccinazioni. Tra i vari interventi, Carlo Signorelli,  presidente della Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica (Siti), anch’egli presente al convegno romano, pur partendo dal falso allarmismo come fattore determinante, ha messo in evidenza l’influenza di altri fattori come “l’aggressività del virus e le dinamiche di trasmissione”, proponendo di “fare buon uso del dato dell’Istituto Superiore di Sanità, consapevole che il prossimo anno sarà molto impegnativo proporre la campagna antinfluenzale, riprendendo quelle percentuali che l’Organizzazione mondiale della sanità indica come ottimali per una copertura efficace”. Roberto Messina di Federanziani ha chiesto, invece, chiarezza nelle nuove indicazioni del  Piano nazionale vaccini. “Molti studi – ha affermato – sostengono che per gli anziani è preferibile il vaccino adiuvato contro l’influenza, perché si dà l’altro? Perché la richiesta per l’antipneumococco non può farla il medico di base e invece deve essere fatta all’ufficio igiene?”.

Articoli correlati
Caregiver sempre più centrale nell’assistenza al paziente. Grigioni (ISS): «Con welfare technology alcune attività diventano semplici»
«La tecnologia può supportare il malato e chi lo assiste. Necessario renderne effettivo l’uso e la sua accettazione anche in contesti sociali e organizzativi» così l’ingegner Mauro Grigioni, direttore del centro TISP all’ISS, in occasione del Convegno ‘La figura del caregiver: tecnologie e ausili per migliorare la qualità della vita’ tenutosi all’Istituto Superiore di Sanità
di Lucia Oggianu
Vaccini, New York abolisce le esenzioni per motivi religiosi
Lo Stato di New York ha abolito le esenzioni dalle vaccinazioni per motivazioni religiose. La misura è stata adottata dal governatore Andrew Cuomo e approvata dal Congresso di New York nel tentativo di porre un freno all’epidemia di morbillo scoppiata nella Grande Mela dove, nel 2019, sono stati accertati 588 casi di morbillo, soprattutto nelle […]
Pazienti fragili, i vaccini fondamentali per un’adeguata prevenzione. A rischio anziani, bambini, malati cronici
Chi sono I pazienti fragili? Quali criteri sono alla base di una loro individuazione? Le vaccinazioni del paziente fragile rappresentano un argomento emergente nel panorama sanitario italiano. Le vaccinazioni, in genere, si rivolgono a due categorie di persone: soggetti sani (spesso in età infantile o adolescenziale), con scopo preventivo, e sono le vaccinazioni classiche; i pazienti […]
Rapporto Gimbe, Lorenzin: «Non può non destare preoccupazione. Ci aspetta un autunno difficile»
L’ex ministro della Salute a Farma & Friends: «Necessaria una chiamata alle armi di tutte le forze politiche. Gli operatori della sanità sono preoccupati per i tagli preventivati al settore»
A Milano è il giorno del Patto per la Scienza di Burioni e Silvestri. Garattini: «Metodologia scientifica va insegnata a scuola»
Alla Statale l’evento di presentazione del Patto promosso dai virologi Burioni e Silvestri. Tra gli ospiti l’ex ministro della Salute Lorenzin e l’ex Magistrato Raffaele Guariniello. Presidente del Patto l’epidemiologo Pierluigi Lopalco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano