Salute 16 dicembre 2014

Morti sospette: Agenzie del farmaco e Ue assolvono i vaccini

Il sondaggio del sindacato SMI registra però un brusco calo della campagna antinfluenzale

Immagine articolo

La conferma è arrivata, forte e chiara, dall’Agenzia del farmaco italiana e da quella dell’Unione europea: i vaccini antinfluenzali sono sicuri e le “morti sospette” delle scorse settimane, avvenute in concomitanza con l’inizio della campagna antinfluenzale, sono semplicemente ascrivibili a cause pregresse.

Gli italiani, però, devono aver accusato il colpo e, forse complice la risonanza mediatica del caso, si vaccinano sempre meno. Secondo un’indagine a campione tra i medici di famiglia che il Sindacato Medici Italiani (Smi) ha realizzato per l’ANSA, dopo il recente blocco dei lotti incriminati di vaccino Fluad – l’antinfluenzale prodotto dalla Novartis – in Italia le vaccinazioni hanno avuto in media un calo dell’80%.

Un dato che va però contestualizzato, e che si abbassa al 30% se si prende in considerazione lo stesso periodo dello scorso anno. Va tenuto presente, infatti, che la maggior parte delle Regioni era già arrivata a buon punto con l’immunoterapia prima che scoppiasse il caso. Nel Lazio la battuta d’arresto più pesante, con il 100% di vaccinati in meno dopo la bufera Fluad. Per fortuna, la metà si era già vaccinata tra ottobre e novembre, e si spera in una ripresa entro il 31 dicembre. In Emilia Romagna, invece, il calo è stato solo del 15%, grazie ad una campagna d’informazione capillare. Le principali istituzioni sanitarie continuano a raccomandare, soprattutto alle categorie a rischio come gli anziani, di vaccinarsi contro l’influenza, le cui complicanze causano ogni anno in Italia circa 8.000 decessi, in particolare tra gli over-65.

Inoltre, secondo uno studio condotto dal St. Jude Children’s Research Hospital di Memphis (Usa), il vaccino antinfluenzale presenterebbe benefici ulteriori rispetto a quello, ovvio, di prevenzione della più comune sindrome stagionale. I partecipanti allo studio clinico, infatti, vaccinati contro il ceppo influenzale stagionale H3N2 nel 2010 (epoca in cui sono stati prelevati campioni di sangue per le analisi), hanno sviluppato una forte risposta immunitaria anche contro altri sottotipi influenzali, non presenti in alcuna formulazione vaccinale. La formula antinfluenzale, quindi, potenzierebbe le risposte anticorpali del soggetto e fungerebbe da protezione anche contro nuovi ceppi pandemici – soprattutto di origine aviaria – e relative varianti.

Articoli correlati
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
Vaccini, a Perugia convegno SIMEDET e CISL Umbria contro la disinformazione: «Rispondere con evidenze scientifiche a chi parla senza conoscere»
Tra i relatori i professori Gaetano Maria Fara e Susanna Esposito. Il titolo dell’incontro è “La vaccinazione oggi: tra realtà e falsi miti”
Dal “Siero Bonifacio” alla cura Di Bella, Roberto Burioni racconta 10 “Balle mortali”
«Il libro parla delle bugie in medicina e delle conseguenze gravissime che queste possono avere sulla salute e anche sulla vita delle persone» così il virologo del San Raffaele
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...