Salute 16 dicembre 2014

Morti sospette: Agenzie del farmaco e Ue assolvono i vaccini

Il sondaggio del sindacato SMI registra però un brusco calo della campagna antinfluenzale

Immagine articolo

La conferma è arrivata, forte e chiara, dall’Agenzia del farmaco italiana e da quella dell’Unione europea: i vaccini antinfluenzali sono sicuri e le “morti sospette” delle scorse settimane, avvenute in concomitanza con l’inizio della campagna antinfluenzale, sono semplicemente ascrivibili a cause pregresse.

Gli italiani, però, devono aver accusato il colpo e, forse complice la risonanza mediatica del caso, si vaccinano sempre meno. Secondo un’indagine a campione tra i medici di famiglia che il Sindacato Medici Italiani (Smi) ha realizzato per l’ANSA, dopo il recente blocco dei lotti incriminati di vaccino Fluad – l’antinfluenzale prodotto dalla Novartis – in Italia le vaccinazioni hanno avuto in media un calo dell’80%.

Un dato che va però contestualizzato, e che si abbassa al 30% se si prende in considerazione lo stesso periodo dello scorso anno. Va tenuto presente, infatti, che la maggior parte delle Regioni era già arrivata a buon punto con l’immunoterapia prima che scoppiasse il caso. Nel Lazio la battuta d’arresto più pesante, con il 100% di vaccinati in meno dopo la bufera Fluad. Per fortuna, la metà si era già vaccinata tra ottobre e novembre, e si spera in una ripresa entro il 31 dicembre. In Emilia Romagna, invece, il calo è stato solo del 15%, grazie ad una campagna d’informazione capillare. Le principali istituzioni sanitarie continuano a raccomandare, soprattutto alle categorie a rischio come gli anziani, di vaccinarsi contro l’influenza, le cui complicanze causano ogni anno in Italia circa 8.000 decessi, in particolare tra gli over-65.

Inoltre, secondo uno studio condotto dal St. Jude Children’s Research Hospital di Memphis (Usa), il vaccino antinfluenzale presenterebbe benefici ulteriori rispetto a quello, ovvio, di prevenzione della più comune sindrome stagionale. I partecipanti allo studio clinico, infatti, vaccinati contro il ceppo influenzale stagionale H3N2 nel 2010 (epoca in cui sono stati prelevati campioni di sangue per le analisi), hanno sviluppato una forte risposta immunitaria anche contro altri sottotipi influenzali, non presenti in alcuna formulazione vaccinale. La formula antinfluenzale, quindi, potenzierebbe le risposte anticorpali del soggetto e fungerebbe da protezione anche contro nuovi ceppi pandemici – soprattutto di origine aviaria – e relative varianti.

Articoli correlati
Assisi, il metodo WAL (walk and learn) entra a scuola. Massimo Paggi: «Abbiamo aperto una porta sul futuro»
Imparare in movimento è una formula vincente: la studiosa Carla Hannaford ha da tempo confermato l’efficacia del movimento nel processo di apprendimento e nell’educazione infantile. In uno studio fra 500 bambini esaminati, coloro che praticavano più di un’ora di movimento al giorno presentavano un rendimento scolastico migliore di bambini meno attivi. I benefici dell’attività fisica […]
Vaccini, l’immunologo Aiuti: «Dovere sociale proteggere immunodepressi, sì all’obbligo per operatori sanitari»
Il professore è intervenuto al convegno Simedet sul tema: «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti, ma dobbiamo fare di più». E se la prende con quei ‘ciarlatani camuffati’ che vanno in tv senza sapere di cosa parlano
Milano, tariffe agevolate e tempi di attesa ridotti. Ecco l’innovativo servizio di prenotazione “Salute4you”
È attivo in quindici farmacie milanesi marchio LloydsFarmacia, Gruppo Admenta Italia, oltre alla parafarmacia LloydsSalute di CityLife, il servizio di prenotazione esclusivo Salute4You, che consente all’utente-paziente di accedere ad una vasta gamma di visite ed altri accertamenti sanitari presso le principali strutture sanitarie della città di Milano. Il tutto usufruendo di tariffe agevolate e tempi di […]
Fertilità maschile, numero spermatozoi in caduta libera: meno 59,3% in 40 anni. Visite gratuite a Roma
Da 99 milioni di spermatozoi per millilitro nel 1973 a 47 milioni nel 2011. Questo, è il crollo verticale della capacità riproduttiva maschile fotografata dalla meta-analisi apparsa su Human Reproduction Update. Eppure la prevenzione e la protezione della fertilità maschile sono le grandi assenti dai programmi di screening e in molti casi i problemi vengono […]
Malattie Croniche Intestinali, parte campagna sensibilizzazione. Pisanti (Ministero Salute): «Serve integrazione tra specialisti»
In Italia circa 200mila persone colpite da Morbo di Chron e Colite ulcerosa. Gruppo di studio Ig-IBD calcola un miliardo l’anno il costo per il SSN. La Coordinatrice del Piano delle Cronicità: «Importante anche per operatori supporto psicologico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila