Salute 8 Marzo 2019

Uranio impoverito, la storia del Colonnello e dell’infermiere: «Lottiamo per la vita e per la verità»

L’esposizione all’uranio impoverito in Bosnia ha causato in Carlo Calcagni gravi ripercussioni su cuore, reni, midollo e polmoni. Soffre di sensibilità chimica multipla e gli sono state diagnosticate diverse patologie neurodegenerative. Sempre al suo fianco, in questi 16 anni di interventi e terapie, l’infermiere Francesco Leone: «Per aiutare Carlo usufruisco delle mie ferie, ma per la mia professione fare del bene riempie»

Immagine articolo

La storia di Carlo Calcagni è di quelle che lasciano un vuoto dentro. Colonnello dell’Esercito italiano, pilota di elicotteri, nel 1996 viene mandato in missione di pace in Bosnia, dove è addetto al servizio di evacuazione medico-sanitaria: deve soccorrere i feriti e recuperare le salme di caduti. Ma lì, a sua insaputa, si espone all’uranio impoverito. Si tratta di materiali di scarto delle centrali nucleari particolarmente tossici che sono stati utilizzati in ambito militare e che entrano facilmente nel circolo sanguigno di chi vive o opera nelle zone contaminate. Da lì, possono raggiungere qualsiasi organo o apparato, determinando danni irreparabili.

L’elenco dei problemi che l’esposizione all’uranio impoverito causa in Carlo Calcagni è drammaticamente lungo: gravi ripercussioni multiorgano su cuore, reni, midollo e polmoni; sensibilità chimica multipla da uranio impoverito; diagnosi di patologie neurodegenerative come Parkinson e sclerosi multipla. Solo per citarne qualcuno.

LEGGI ANCHE: LA STORIA | «DISABILE DOPO UN INCIDENTE IN MOTO, ORA SONO CAMPIONE DEL MOTOCICLISMO ITALIANO ED INTERNAZIONALE»

«Dal giorno della diagnosi, 16 anni fa, non ho mai smesso di lottare, anche se so di essere un condannato a morte – racconta a Sanità Informazione -. Devo fare terapia ogni giorno, flebo quotidiane di 4-5 ore, seguire tutta una serie di trattamenti che mi permettono di sopravvivere. Ogni mattina devo fare sette iniezioni, e ognuna è un cocktail di 25 sostanze. Ogni giorno quindi mi inietto 175 sostanze diverse. Ogni tre o quattro mesi devo andare in Inghilterra, perché alcune patologie di cui soffro, come la sensibilità chimica multipla, in Italia non sono conosciute o non ci sono protocolli terapeutici idonei. Lì allora mi sottopongo all’immunoterapia a basso dosaggio, che dopo due anni e mezzo mi ha almeno permesso di non indossare la mascherina nei luoghi pubblici».

In tutti questi anni, al suo fianco c’è sempre stato Francesco Leone. Amico infermiere, «all’inizio veniva ad aiutarmi con le flebo e i controlli. Si è offerto sin da subito – prosegue Calcagni – ed è sempre stato disponibile. Poi è diventato il mio angelo custode, accanto a me in tutte le tante situazioni di emergenza, nei viaggi in Inghilterra, nelle gare per atleti paralimpici a cui partecipo in tutto il mondo. È l’unico che sa tutto delle mie problematiche e che, in caso di emergenza, sa come intervenire. E in tutte queste occasioni usufruisce delle sue ferie, perché non c’è un modo per riconoscere il suo operato come assistenza infermieristica che rientra nel suo lavoro».

E ovviamente Francesco, o Franco come si fa chiamare, è accanto a lui anche nel corso dell’intervista. Quando gli chiedo cosa lo spinge a fare tanto, non ha dubbi: «Oltre alla forte amicizia, al volersi bene e al rispettarsi, io, come mio padre, sono un infermiere professionale. Ho innata questa cura per il malato, e per la mia professione fare del bene riempie. Alla fine dell’anno mi rimangono solo 4-5 giorni di ferie per me, e ad agosto, quando tutti stanno al mare, io lavoro. Ma lo faccio volentieri».

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA, ACETI (FNOPI): «CHIEDIAMO CHE VENGA PREVISTO DAL NUOVO PATTO PER LA SALUTE»

Il lato drammatico della storia di Carlo Calcagni non è però solo quello della sua malattia. «Fino a poco tempo fa era vietato parlare di uranio impoverito. Chi osava parlarne riceveva minacce da parte dei vertici, ma io non ho mai avuto paura. Sono tra i più esposti su questa storia, perché mi ritengo fortunato ad essere ancora qui a poterne parlare, e sento la grossa responsabilità di dar voce agli oltre 360 morti e ai 5mila malati a causa dell’uranio impoverito. Numeri sicuramente in difetto – spiega – perché tanti colleghi, temendo di perdere il posto, non hanno neanche presentato la richiesta di riconoscimento della dipendenza da cause servizio».

«I precedenti ministri della Difesa hanno sempre negato l’esistenza del problema dell’uranio impoverito, e io ho trovato porte sprangate ogni volta che tentavo di raccontare la mia storia. Adesso le cose stanno cambiando – continua Calcagni -. L’attuale ministro Elisabetta Trenta ha pubblicamente dichiarato che non si può più tacere sul problema uranio e lo scorso 7 febbraio ha dato il via ad un tavolo tecnico che dovrà risanare tutta la situazione pregressa, rivalutando le pratiche che avevano avuto il diniego del riconoscimento».

«Pensi a tutto quello che ho dovuto sopportare – prosegue il Colonnello -. Oltre alla malattia e a quello che pago quotidianamente per le loro responsabilità, mi viene impedito di andare nelle scuole a parlare con i ragazzi e ho dovuto lottare anche per avere l’autorizzazione per la pubblicazione del docu-film basato sulla mia storia “Io sono il Colonnello”, del regista Michelangelo Gratton. Ma sono comunque diventato un modello per tanti, e i messaggi che ricevo o l’aiuto che con il mio esempio do a persone che solo così riescono ad andare avanti mi portano a sopportare qualsiasi difficoltà, qualsiasi dolore. E questo a volte mi fa dire che non tutti i mali vengono per nuocere. Sembrerà assurdo – conclude – ma se la mia sofferenza può aiutare qualcun altro, allora posso dire “ben venga la mia sofferenza”».

Articoli correlati
ECM, anche gli infermieri in azione per chiudere al meglio il triennio
Attraverso la Rete nazionale dei referenti degli Ordini provinciali degli infermieri per l’Ecm, gli infermieri puntano a terminare il triennio con i crediti formativi in regola. L'intervista a Pierpaolo Pateri, presidente OPI Cagliari e componenti della Commissione Nazionale per la Formazione continua
Sanità digitale, alleanza ingegneri clinici-infermieri: firmato protocollo per garantire qualità e sicurezza
Lorenzo Leogrande (AIIC) e Barbara Mangiacavalli (FNOPI) hanno firmato a Catanzaro un documento comune tra ingegneri clinici e professioni infermieristiche per assicurare ai cittadini, ai pazienti e al Servizio Sanitario Nazionale un monitoraggio reale e di qualità su App e device di ultima generazione
Infermieri, «No al demansionamento». La protesta di Nursing Up approda in Regione Lazio
La protesta continua venerdì 10 maggio tra flashmob e infopoint infermieristici con attività dedicate in tutte le Regioni
Contratto, Nursing Up: «Regioni ed Aran non perdano tempo, gli infermieri non possono aspettare ancora la revisione dell’ordinamento professionale»
Proseguono i lavori della Commissione paritetica sull’ordinamento professionale, prevista dall’articolo 12 del Ccnl 21 maggio 2018 del Comparto Sanità e composta dai sindacati firmatari del contratto, dalle Regioni e dall’Aran. «La riunione è stata caratterizzata dall’esposizione dei dati sulla distribuzione del personale divise per fasce economiche, ad opera di Antonio Cascio, Comitato di Settore Regioni–Sanità, […]
Quota 100, Tonino Aceti (FNOPI): «A SSN mancheranno circa 76mila infermieri, Governo fermi emorragia»
«Prima di quota 100 noi avevamo una carenza intorno ai 52-53mila, - spiega Tonino Aceti, portavoce della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche - con quota 100 se ne aggiungono altre 22-23mila unità che si aggiungono alle 10-11mila unità che sarebbero comunque uscite per pensionamento normale»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...