Salute 25 Febbraio 2019

Infermiere di famiglia, Aceti (FNOPI): «Chiediamo che venga previsto dal nuovo Patto per la Salute»

Il portavoce della Federazione degli ordini delle professioni infermieristiche elogia i risultati ottenuti sulla salute della popolazione e sui sistemi sanitari dalla sperimentazione dell’infermiere di famiglia e di comunità in Lombardia, Piemonte e Toscana e ne auspica la messa a sistema in tutto il Paese

Immagine articolo

Tonino Aceti è da poco il portavoce della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI), ma non ha dubbi sul fatto che quella sull’infermiere di famiglia e di comunità sia una delle principali battaglie da affrontare a nome dell’intera comunità dei camici verdi. L’obiettivo, adesso, è inserire la figura dell’infermiere di famiglia nel nuovo Patto per la Salute.

«I presupposti perché questo accada ci sono tutti, e la FNOPI si sta attivando per essere protagonista di questo processo» sottolinea Aceti ai nostri microfoni, a margine dell’incontro “Academy, il governo dell’assistenza sanitaria” organizzato su iniziativa del senatore Antonio De Poli da Motore Sanità. Tra le principali tematiche affrontate nel corso del pomeriggio, quella dell’integrazione tra ospedali e territorio nella lotta alle cronicità l’ha fatta da padrone. E Aceti non poteva che portare l’infermiere di famiglia come esempio virtuoso di figura che «riavvicina il Servizio sanitario nazionale alle persone». Aceti accende infatti i riflettori sul «problema enorme delle aree interne più disagiate del Paese, che rappresentano i 3/5 del nostro territorio in cui vive 1/4 della popolazione. Aree e comunità in cui non ci sono servizi, e dove gli infermieri, in stretto coordinamento con gli altri professionisti, possono portare sanità e risposte del Servizio sanitario nazionale».

Più del 70% degli infermieri, tuttavia, è ancora impegnato negli ospedali. Il restante 30% opera, «ancora in modo un po’ troppo scoordinato e non sempre all’interno della cornice del Piano Nazionale della Cronicità», nei servizi territoriali. L’esperienza dell’infermieristica di famiglia è per ora realtà solo in tre regioni italiane, Toscana, Lombardia e Piemonte, dove «sta producendo sulla salute della popolazione e dei Servizi sanitari regionali degli ottimi risultati. Il nodo è quindi estendere queste esperienze a tutte le altre Regioni, ma oggi – prosegue Aceti –, in un regionalismo che aumenta le difformità, queste esperienze rischiano di non trovare una messa a sistema».

A detta del portavoce della FNOPI, l’infermiere di famiglia «porta il Servizio sanitario nazionale dentro le case delle persone, individuando e prendendo in carico in modo proattivo i bisogni della popolazione e sostenendo le famiglie». Ovviamente tra i suoi compiti rientrano tutte le attività infermieristiche: «Coordina e integra gli interventi – spiega Aceti -, fa sì che non ci sia una frammentazione del percorso che purtroppo caratterizza il SSN. Oggi – prosegue – il paziente corre dietro ai professionisti e ai servizi; in questo caso, invece, sono gli infermieri ad andare incontro al paziente, senza aspettare che esprima un problema ma estrapolandolo e offrendogli soluzioni pratiche».

«Credo – conclude Aceti – che quello dell’infermiere di famiglia sia un bellissimo modello di iniziativa di sanità, e non di sanità di attesa, su cui dovremmo investire sempre di più».

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA, MANGIACAVALLI (FNOPI): «PERCORSO FORMATIVO GIA’ ATTIVO. MANCA INCARDINARE QUESTO RUOLO NEL SSN»

Articoli correlati
Covid-19, Cisl Medici Lazio scrive all’Assessore alla sanità Alessio D’Amato
«Medici, infermieri ed operatori sociosanitari sono in prima linea e, come in tutte le emergenze sanitarie, sono queste le categorie di lavoratori maggiormente a rischio proprio perché molto più di altri sono a diretto contatto con i malati e con quanti possono essere in fase asintomatica di incubazione». Così in una nota, Luciano Cifaldi, Segretario […]
Professioni sanitarie, Conferenza Regioni approva documento sul riconoscimento delle competenze avanzate
Gli infermieri: «Un passo avanti importante con qualche ombra, che andrà ben declinato a livello locale». E i medici chiedono di poter contribuire
Consiglio Nazionale infermieri, Speranza: «Sottoscrivo la vostra mozione: il SSN ha bisogno di un’inversione di tendenza»
Il ministro della Salute Speranza è intervenuto al Consiglio Nazionale della Fnopi. La mozione votata all’unanimità dai 102 presidenti: «Ecco le azioni per difendere il ‘diritto al futuro’ della professione»
Infermieri, il Campus Bio-Medico celebra l’anno internazionale con un video
Oggi in Italia mancano 30 mila infermieri e il fenomeno delle “cure perse” rischia di accentuarsi di anno in anno, incrementando fortemente il rischio di mortalità in ospedale. Si tratta degli interventi infermieristici necessari al paziente ma che – secondo la Federazione nazionale delle professioni infermieristiche – vengono omessi, in primo luogo a causa della […]
Coronavirus, Nursing Up: «Stato d’emergenza atto doveroso. Chiediamo conferma della presenza di professionisti infermieri nelle unità di crisi regionali»
«Lo Stato d’emergenza è un atto doveroso considerando le informazioni di cui disponiamo in questo momento e il rischio che si impennino gli accessi ai Pronto soccorso determinando una situazione caotica e il cortocircuito del sistema. C’è da chiedersi come sia possibile che all’origine di un’epidemia di questo tipo il governo cinese non si sia […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio 2020 sono 81.005 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 30.116 mentre i morti sono 2.762. I CASI IN ITALIA Bollettino delle o...