Salute 4 Maggio 2020

Una profilassi a base di idrossiclorochina può fermare il coronavirus?

In attesa di conferme cliniche, l’efficacia profilattica dell’idrossiclorochina viene sostenuta dal professor Bacco, medico di igiene del lavoro: «I soggetti che sono maggiormente esposti ad una possibile infezione, o particolarmente deboli, interfacciandosi con il loro medico di famiglia, potrebbero utilizzarla come una preparazione ad un eventuale contagio»

di Federica Bosco

Dalla idrossiclorochina ancora una speranza per contrastare il Coronavirus. A sostenerlo è il professor Pasquale Mario Bacco, medico di igiene del lavoro che, forte dei risultati di una ricerca americana realizzata in Corea, ha fatto uno studio su 7038 pazienti di nove regioni italiane e San Marino, evidenziando che se il 34% dei soggetti venuti a contatto con il virus è stato ricoverato, solo il 4% di chi ha assunto idrossiclorochina ha poi manifestato una forma grave di coronavirus.

«La ricerca pubblicata sull’International Journal of Antimicrobial Agents, rivista ufficiale della Sanità Internazionale di Chemioterapia Antimicrobica – spiega Bacco – è stata fatta in Corea, Paese indicato a livello internazionale come uno dei più efficaci per il contenimento, e realizzata nel mese di febbraio. Successivamente è stata presentata in Italia dal dottor Savarino, ricercatore dell’Istituto Superiore di Sanità, e dalla farmacologa Annalisa Chiusolo. I loro dati, messi a confronto con quanto emerso dallo studio realizzato con la mia azienda Menean dal 25 febbraio al 24 aprile in nove regioni italiane (Lombardia, Veneto, Liguria, Lazio, Campania, Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna) e San Marino, hanno evidenziato che l’idrossiclorochina può essere un’ottima forma di profilassi. Il perché è spiegabile dal meccanismo con cui il virus si lega alle cellule. Infatti, una volta che entra nell’organismo, il virus, che è un parassita, non solo si lega ai ricettori cellulari, ma anche all’emoglobina. In particolare, si legherebbe alla catena proteica Beta e non farebbe solo danni all’interno delle cellule, ma legandosi all’emoglobina, impedirebbe il trasporto dell’ossigeno in tutto l’organismo, come se ad un certo punto andasse in competizione con l’ossigeno».

LEGGI ANCHE: CLOROCHINA ANTI COVID-19, CIRCA MEZZO MILIARDO DI PERSONE A RISCHIO DI POSSIBILI EFFETTI AVVERSI SE SOMMINISTRATA SENZA CONTROLLO MEDICO

«L’idrossiclorochina, a sua volta – continua Bacco -, si lega alle catene Beta, quindi non ha un’azione diretta contro il virus ma indiretta, e quando il virus entra, trova le catene Beta occupate. Questa non è una terapia, ma è il punto di svolta. In autunno, quando il virus probabilmente tornerà, il trattamento precoce con l’idrossiclorochina potrebbe essere una profilassi importante».

Un meccanismo che si ritroverebbe anche per i malati di Aids, secondo Bacco: «Abbiamo riscontrato una certa similitudine con il virus dell’Hiv – sottolinea –. Nessun soggetto sieropositivo pare si sia ammalato di Covid perché si è visto che i recettori del coronavirus sono gli stessi dell’Hiv. In più, poiché il virus dell’Hiv è molto più forte, andrebbe ad impedire al coronavirus di legarsi ai recettori».

Un’ipotesi, quella dell’efficacia profilattica dell’idrossiclorochina, che attende conferme cliniche, ma che potrebbe cambiare lo scenario della convivenza con il virus, come rimarca il professor Bacco: «È un farmaco poco tossico, sconsigliato solo in soggetti cardiopatici gravi, ma è chiaro che non può essere un farmaco da auto-somministrazione. I soggetti che sono maggiormente esposti ad una possibile infezione, o particolarmente deboli, anziani o con patologie pregresse, interfacciandosi con il loro medico di famiglia potrebbero utilizzarla come una preparazione ad un eventuale contagio».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, le Regioni accelerano sui tamponi ma i Mmg denunciano criticità nella comunicazione dei risultati
L'allarme della Fimmg in Campania, Lazio e Liguria: con l'aumento dei tamponi ritardi e difficoltà nella certificazione si aggraveranno
«Sono un infermiere e ho lottato contro il Covid-19 a Milano. Ma ora sogno di diventare medico»
Dalle corsie dell’Istituto geriatrico Redaelli alle aule della Statale per il test di Medicina: «Sono curioso ed appassionato della materia, avevo deciso prima del Covid»
di Federica Bosco
La Ue ha firmato un contratto per 300 milioni di dosi del vaccino Sanofi/Gsk
Si tratta del secondo contratto dopo quello con AstraZeneca. L'Ue potrà scegliere di donare dosi del vaccino Sanofi/Gsk a Paesi con reddito medio-basso. Per Von der Leyen è un ulteriore passo all'accesso equo a vaccini sicuri
Gli anticorpi monoclonali possono essere il “Game changer”, prima del vaccino?
Gli anticorpi monoclonali possono rappresentare la soluzione più imminente al COVID-19? Attualmente sono 3 i laboratori in fase avanzata, di ampia sperimentazione sull'uomo (cosiddetta Fase 3): la Regeneron/NIAID, con due anticorpi (REGN10933 e REGN10987), la Eli Lilly (con Ly-CoV555), e la Vir Biotechnology (VIR-7831 e VIR-7832)
di Peter D'Angelo
Fatica, dolore e sintomi dopo Covid-19: è malattia cronica?
Paola Pisanti (Ministero della Salute): «Molti rimangono affetti in maniera subacuta, serve un SSN attento alle cronicità»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto