Salute 22 settembre 2015

Un cuore (hi-tech) grande così…

Intervista al dottor Fabrizio Gandolfo, medico chirurgo e membro dell’equipe che sta curando l’evoluzione del progetto dell’ospedale Bambino Gesù supportato anche da Consulcesi e Conad

Immagine articolo

Un cuore hi-tech. Quella che fino a pochi anni fa sembrava fantascienza, oggi, grazie ai passi da gigante compiuti dalla ricerca scientifica e tecnologica, all’ospedale Bambino Gesù di Roma è una realtà. Una realtà, quella del “Cuore Artificiale” che regala la speranza ai piccoli pazienti in attesa di un trapianto cardiaco.

Ma questo è solo uno dei grandi progetti messi in atto dalla grande realtà del panorama ospedaliero romano. Sanità informazione ha voluto saperne di più, e ha intervistato il dottor Fabrizio Gandolfo, medico chirurgo e membro dell’equipe che ha curato l’evoluzione di questa idea.

A che punto siamo oggi?
«Attualmente siamo attivi su tre fronti. Il primo riguarda la creazione di una rete ECMO a livello italiano. La struttura presso cui collaboro si occupa dei pazienti del Centro Sud, e grazie alla collaborazione dell’Aeronautica Militare, che ha fornito il supporto aereo, abbiamo potuto trasportare i pazienti che in prima istanza erano stati ricoverati e stabilizzati in altre strutture del Sud e, successivamente, trasferiti in ambulanza nel C130 che li ha trasportati in sicurezza nella nostra struttura a Roma. Il secondo filone che abbiamo sviluppato è quello del Cuore Artificiale: si tratta di una pompa assiale, il Jarvik, completamente impiantabile per sostituire le funzioni del cuore difettoso. Questo dispositivo, una volta impiantato, consente ai malati di Duchenne una terapia definitiva, ma è valido anche come “ponte” al trapianto cardiaco, consentendo al paziente di sopravvivere fino all’operazione. Il terzo filone della nostra attività, infine, riguarda l’impianto dei cuori di “Berlin Heart”: delle pompe para corporee collaudate per portare avanti i pazienti in attesa di trapianto cardiaco, specificamente dalla fase neonatale fino all’adolescenza».

Si tratta di progetti riconosciuti a livello internazionale…
«Sì. A giugno ho potuto presentare i risultati relativi a 30 bambini sotto i 10 chili a cui è stata impiantata questa pompa para corporea. Considerando che recenti studi americani annoverano novanta pazienti, sul nostro campione abbiamo riscontrato dati comparabili a quelli della casistica mondiale».

Lei è responsabile di questa iniziativa al Bambino Gesù, e a suo tempo ci ha materialmente mostrato questo Cuore Artificiale: un progetto che ha bisogno di sostegno.
«Assolutamente sì, soprattutto nella particolare congiuntura economica e politica degli ultimi anni. E’ fondamentale l’ausilio di fondi privati, e per questo ringraziamo Consulcesi che insieme anche a Conad ci sta fornendo dei mezzi importanti per portare avanti sia l’attività clinica che di ricerca, finanziando borse di studio ed altri materiali essenziali, appunto, per la ricerca».

Quali saranno i prossimi passi?
«Continueremo a implementare la rete ECMO, favorendo il trasporto dei pazienti da altre Regioni per fornire loro una terapia più completa; inoltre, potenzieremo l’attività dei cuori artificiali già in uso, e ne sperimenteremo di nuovi, come il Jarvik in dimensioni ridotte che presto sarà disponibile in commercio insieme ad altri device».

Articoli correlati
Vaccini e autismo, Vicari (Bambino Gesù): «L’unica correlazione è temporale, non esiste un nesso causale»
Per creare una cultura dei vaccini «dobbiamo accogliere le paure dei genitori e non etichettarle come ‘mancanza di civiltà’» così Stefano Vicari, Responsabile Neuropsichiatria Infantile, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Autismo, Bambino Gesù: “Troppi paesi senza diagnosi e trattamenti”
In troppe aree del mondo, soprattutto nei Paesi a basso o medio reddito, l’autismo è ancora poco conosciuto ed è precluso l’accesso a diagnosi e trattamenti. La stessa ricerca scientifica è condotta in pochi Paesi, tutti ad alto reddito. Per reagire a questo squilibrio, segnalato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, nasce all’Ospedale Bambino Gesù, un network […]
Malati rari: «Più complicità e collaborazione tra specialisti». L’intervista ad Andrea Bartuli (Bambino Gesù)
«La rete assistenziale per le malattie rare esiste ma va potenziata, da abolire la regionalizzazione che genera dispersione di risorse» lo dichiara i nostri microfoni Andrea Bartuli, Responsabile Malattie Rare del Bambino Gesù
Leucemie: trapianto di midollo dai genitori offre stesse probabilità di guarigione del trapianto da donatore compatibile
La tecnica di manipolazione delle cellule staminali sviluppata dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù allargata a leucemie pediatriche e tumori del sangue. I risultati pubblicati sulla rivista scientifica internazionale Blood. Un’occasione di guarigione definitiva per centinaia di bambini in Italia e nel mondo.
Mal di testa? «Non dipende dalla vista» lo spiega (e conferma) il dottor Valeriani (Bambino Gesù)
Sollecitato dalle domande dei medici nostri lettori, lo specialista chiarisce: «Dall’oculista solo per la valutazione del fondo dell’occhio, fondamentale per cause gravi di mal di testa». E se un bambino lamenta mal di testa dietro la nuca è meglio rivolgersi a uno specialista: potrebbe essere una cefalea sintomatica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...