Salute 20 Novembre 2019 17:53

Tutela della salute materno-infantile, Cantù (Lega): «Serve prevenzione e formazione»

In occasione della Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, la senatrice Maria Cristina Cantù ha riunito in Senato le principali associazioni di categoria per fare il punto sulle nuove strategie di formazione, anche a basso costo, del personale sanitario

La salute delle neo mamme e dei loro nascituri può essere salvaguardata attraverso la prevenzione e una corretta formazione degli operatori sanitari. Questo è il messaggio lanciato dal convegno “La tutela della salute materno – infantile” organizzato a Roma in occasione della Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Tema cardine dell’incontro, l’impiego di simulatori a basso costo per le emergenze ostetriche nella formazione degli operatori.

«Il messaggio forte di questa iniziativa è la promozione e prevenzione della salute» spiega ai microfoni di Sanità Informazione la senatrice Maria Cristina Cantù, Vicepresidente della Commissione Sanità e promotrice del convegno che ha visto la presenza, tra gli altri, del Viceministro Pierpaolo Sileri e del Capogruppo della Lega al Senato, Massimiliano Romeo. L’obiettivo, spiega la senatrice Cantù è «tanto la prevenzione come filo conduttore, quanto la necessità che la formazione sia parte culturalmente inscindibile. Appropriatezza e qualità sono un binomio inscindibilmente connesso a conoscenza, ma non a maggiori costi. L’unicità dell’iniziativa è che vuol far riflettere sul fatto che in Sanità non sempre è necessario spendere importanti risorse finanziarie, ma è cruciale dare gli elementi di conoscenza affinché gli operatori sappiano con sicurezza ‘dove’ e ‘come’ intervenire in tutte le fasi. In una parola sola, come fare prevenzione e promozione della salute, anche in paesi vulnerabili, con la formazione mirata secondo principi di sostenibilità e di oculato impiego delle risorse umane e strumentali disponibili».

Proprio la formazione è tra le priorità di AOGOI, l’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani. «La cosa più importante è la preparazione del personale» racconta Claudio Crescini, Vicepresidente AOGOI a margine del suo intervento. «Il personale che assiste alla gravidanza e al parto è un personale che ha una sua formazione universitaria, che però da sola non è sufficiente, ci vuole poi una formazione sul campo. La formazione pratica però non è più come una volta. Infatti il concetto è mai la prima volta sul paziente, perché si deve imparare su dei simulatori. Anche il semplice prelievo di sangue io non potrò mai farlo per la prima volta sul paziente, ma lo farò su un braccio artificiale dove io imparerò a fare il prelievo. Solamente dopo farò un prelievo su un soggetto vivente».

«Dovremmo ripristinare il modello dell’ostetrica di comunità» è ancora il suggerimento di Maria Vicario, Presidente FNOPO. «Perché è quello che darebbe continuità e sicurezza alla donna e alla coppia, all’interno del suo ciclo biologico sessuale e riproduttivo. Con la legge n. 833 del ’78 (ndr. Legge che istituisce il Servizio sanitario nazionale) è venuta meno l’ostetrica condotta. Seppur in presenza di strutture consultoriali, ma non sempre adeguate sul territorio e con una disfunzione accentuata dalla regionalizzazione, possiamo assistere a una diversa modalità di assistenza. Quindi l’ostetrica di famiglia e di comunità potrebbe essere il primo vero passo. Ancor di più, all’interno della fase acuta di assistenza, l’adozione del modello mono-professionale dove intendiamo la presenza di sole ostetriche e personale di supporto adeguatamente preparato dall’ostetrica».

Articoli correlati
Decreto Green pass, Lega: «Approvato nostro odg per incrementare uso anticorpi monoclonali»
I senatori della Lega in commissione Affari costituzionali, firmatari del testo approvato, Luigi Augussori, capogruppo, Roberto Calderoli, Ugo Grassi, Alessandra Riccardi e Daisy Pirovano segnalano che «la Lega è contro il virus e lavora con impegno alla tutela della salute della nostra comunità nazionale: bene, dunque – continuano i parlamentari in una nota – che […]
Accordo sul Green pass e lo strappo della Lega, cosa succede in Aula
La Lega ha votato contro il Green pass nei ristoranti al chiuso insieme a Fratelli d'Italia ed ha aperto una frattura
ReiThera, Tiramani (Lega): «Speranza batti un colpo, mille persone ingannate due volte»
«Il 6 agosto è ormai dietro l’angolo e nelle stanze del ministro Speranza tutto tace sul Green pass per le mille persone che si sono offerte per fare la sperimentazione sul vaccino ReiThera. Ci sono mille persone in agitazione perché devono programmare le loro attività, ma non possono avere il Green Pass. La sperimentazione di […]
“Screening Cardio 50”, entra nel vivo il ddl per la campagna di prevenzione delle malattie cardiovascolari
La proposta di legge presentata dal Carroccio nasce dal successo di una analoga iniziativa effettuata in Veneto. L’obiettivo è quello di individuare alcuni parametri utili predittivi di condizioni di rischio cardiovascolare, con conseguente indirizzo verso percorsi strutturati di risposta. In Italia sono 7,5 milioni i pazienti afflitti da queste patologie
Origine virus, Formentini (Lega): «Ecco perché serve una Commissione d’inchiesta»
Le Commissioni Affari Sociali ed Esteri della Camera stanno esaminando la possibilità. Il leghista Formentini, fautore dell’iniziativa: «Serve un’iniziativa politica per fare pressione sulla Cina affinché si apra al mondo e si possa conoscere la verità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco