Salute 20 Novembre 2019

Tutela della salute materno-infantile, Cantù (Lega): «Serve prevenzione e formazione»

In occasione della Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, la senatrice Maria Cristina Cantù ha riunito in Senato le principali associazioni di categoria per fare il punto sulle nuove strategie di formazione, anche a basso costo, del personale sanitario

La salute delle neo mamme e dei loro nascituri può essere salvaguardata attraverso la prevenzione e una corretta formazione degli operatori sanitari. Questo è il messaggio lanciato dal convegno “La tutela della salute materno – infantile” organizzato a Roma in occasione della Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Tema cardine dell’incontro, l’impiego di simulatori a basso costo per le emergenze ostetriche nella formazione degli operatori.

«Il messaggio forte di questa iniziativa è la promozione e prevenzione della salute» spiega ai microfoni di Sanità Informazione la senatrice Maria Cristina Cantù, Vicepresidente della Commissione Sanità e promotrice del convegno che ha visto la presenza, tra gli altri, del Viceministro Pierpaolo Sileri e del Capogruppo della Lega al Senato, Massimiliano Romeo. L’obiettivo, spiega la senatrice Cantù è «tanto la prevenzione come filo conduttore, quanto la necessità che la formazione sia parte culturalmente inscindibile. Appropriatezza e qualità sono un binomio inscindibilmente connesso a conoscenza, ma non a maggiori costi. L’unicità dell’iniziativa è che vuol far riflettere sul fatto che in Sanità non sempre è necessario spendere importanti risorse finanziarie, ma è cruciale dare gli elementi di conoscenza affinché gli operatori sappiano con sicurezza ‘dove’ e ‘come’ intervenire in tutte le fasi. In una parola sola, come fare prevenzione e promozione della salute, anche in paesi vulnerabili, con la formazione mirata secondo principi di sostenibilità e di oculato impiego delle risorse umane e strumentali disponibili».

Proprio la formazione è tra le priorità di AOGOI, l’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani. «La cosa più importante è la preparazione del personale» racconta Claudio Crescini, Vicepresidente AOGOI a margine del suo intervento. «Il personale che assiste alla gravidanza e al parto è un personale che ha una sua formazione universitaria, che però da sola non è sufficiente, ci vuole poi una formazione sul campo. La formazione pratica però non è più come una volta. Infatti il concetto è mai la prima volta sul paziente, perché si deve imparare su dei simulatori. Anche il semplice prelievo di sangue io non potrò mai farlo per la prima volta sul paziente, ma lo farò su un braccio artificiale dove io imparerò a fare il prelievo. Solamente dopo farò un prelievo su un soggetto vivente».

«Dovremmo ripristinare il modello dell’ostetrica di comunità» è ancora il suggerimento di Maria Vicario, Presidente FNOPO. «Perché è quello che darebbe continuità e sicurezza alla donna e alla coppia, all’interno del suo ciclo biologico sessuale e riproduttivo. Con la legge n. 833 del ’78 (ndr. Legge che istituisce il Servizio sanitario nazionale) è venuta meno l’ostetrica condotta. Seppur in presenza di strutture consultoriali, ma non sempre adeguate sul territorio e con una disfunzione accentuata dalla regionalizzazione, possiamo assistere a una diversa modalità di assistenza. Quindi l’ostetrica di famiglia e di comunità potrebbe essere il primo vero passo. Ancor di più, all’interno della fase acuta di assistenza, l’adozione del modello mono-professionale dove intendiamo la presenza di sole ostetriche e personale di supporto adeguatamente preparato dall’ostetrica».

Articoli correlati
Aggressioni e Consulta, al Ministero le prime riunioni. Speranza: «Da febbraio Ddl antiviolenza alla Camera»
Il Ministro ha convocato a Lungotevere Ripa i rappresentanti degli Ordini delle professioni sanitarie: cronicità e riforma della Formazione continua in primo piano. Sul Ddl aggressioni sottolinea: «Se tempi in Parlamento andranno per le lunghe non escludo decreto d’urgenza»
Elezioni Umbria, Donatella Tesei (centrodestra) è il nuovo presidente: «Ripartiremo dal merito in sanità»
«Va fatto sì che la sanità umbra - ha dichiarato la neo governatrice in un'intervista a Il Messaggero - possa essere attrattiva per i migliori professionisti e per l'utenza che vi si rivolge». Tesei ha vinto raccogliendo quasi il 37% dei voti della Lega e l'oltre 10% ottenuto da Fratelli D'Italia
Manovra, Garavaglia (Lega): «Taglio superticket è presa in giro. Non c’è nulla su innovazione farmaceutica»        
L’ex Vice Ministro all’Economia contesta le misure varate dal governo M5S-PD: «Oggi siamo al 6,6% di spesa sanitaria rispetto al PIL: è drammaticamente insufficiente sia per la mancanza di personale sia per il costo inevitabilmente crescente dei farmaci»
Sla, Lazzarini (Lega): «Governo sostenga caregiver, pronta mozione»
«Ad oggi non c’è ancora una specifica normativa nazionale di riferimento che ne riconosca il valore sociale ed economico», sottolinea il segretario della Commissione Affari Sociali di Montecitorio
Staminali, Cecchetti (Lega) alla Camera: «Speranza intervenga su cordoni ombelicali scomparsi»
ll vicecapogruppo vicario della Lega alla Camera interviene sul caso delle 15mila famiglie italiane che potrebbero essere coinvolte nel fallimento della banca Cryo-Save
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...