Salute 23 Febbraio 2018

Tortorella (Consulcesi): «Apriamo gli occhi sulla dipendenza da web, ecco un corso per i medici e un film per i giovani»

Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi e ideatore dello #SconnessiDay, evidenzia i pericoli per la salute della nomofobia e invita medici e pazienti a formarsi correttamente sull’argomento

«All’epoca di Humphrey Bogart si pensava che fumare fosse la cosa più glamour del mondo, poi si è scoperto che causa la malattia del secolo. C’è il rischio che la nomofobia segua lo stesso percorso». A sottolineare i rischi che la dipendenza da Internet può avere sulla salute di tutti è Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi e CEO di Falcon Production, che ha co-prodotto il film “Sconnessi”. Ecco perché è stato tra i promotori dello #SconnessiDay, la prima Giornata Mondiale della S-Connessione da ripetere il 22 febbraio di ogni anno, presentata presso il Ministero della Salute ad una numerosa platea composta da esponenti delle Istituzioni, della stampa e del mondo medico sanitario.

Presidente, lo #SconnessiDay è una giornata per staccare i cellulari e ritornare a comunicare. Perché promuovete questa iniziativa?

«La promuoviamo per tre ragioni: il 22 febbraio è la giornata in cui si lancia il film Sconnessi, è la giornata in cui si celebra la Giornata Mondiale della S-Cconnessione ed è la giornata in cui promuoviamo il corso di formazione ECM “Internet e adolescenti: I.A.D. e cyberbullismo” rivolto al mondo sanitario e dei pazienti. I problemi di cui parliamo sono l’Internet Addiction Disease, la malattia che riguarda proprio l’abuso dell’utilizzo di Internet, e la nomofobia. Si tratta di malattie che oggi sono allo studio e che di fatto rappresenteranno le malattie del futuro. Anche all’epoca di Humphrey Bogart, d’altro canto, si fumava e si pensava che il fumo fosse la cosa più glamour del mondo; poi però si è scoperto che il fumo causa la malattia del secolo. La nomofobia rischia di fare la stessa fine. È una patologia che si sta sottovalutando ma che noi vogliamo sottolineare e rendere evidente con iniziative come lo #SconnessiDay».

Lei ha definito la nomofobia una patologia che viene sottovalutata. Quanto è importante, allora, che il personale sanitario si formi su questa malattia in modo da avere gli strumenti per approcciare e risolvere questo problema?

«La formazione del personale sanitario su questo tema è fondamentale. Per questo il provider Sanità in-Formazione, in collaborazione con Consulcesi Club, propone questo corso di formazione. Un corso nuovo e innovativo che utilizza il mondo del cinema e degli attori per spiegare in modo concreto e fattivo come educare e curare al meglio i propri pazienti. Un corso che fa parte di una collana più ampia di “Film Formazione” che consente di affrontare la patologia con rigore scientifico unito alla capacità di presa e la viralità di un progetto cinematografico ad ampia diffusione. Ma la formazione sul tema della dipendenza da Internet è importante anche per le famiglie. Ecco perché consigliamo anche ai pazienti di seguire questo corso di formazione. Solo conoscendo bene il problema si può spiegare ai propri familiari, soprattutto ai propri figli, che l’iperconnessione può diventare un problema, una vera e propria malattia che va a limitare non solo gli aspetti sociali ma addirittura quelli personali. È proprio di questi giorni la pubblicazione di uno studio sulla rivista Global Pediatric Health della Pennsylvania in cui risulta che l’abuso di cellulari e di computer limita non solo il sonno dei bambini di circa un’ora a notte, ma crea anche dei problemi legati all’obesità, oltre all’incapacità di relazionarsi in modo corretto con le altre persone».

LEGGI ANCHE: «SCONNESSI PER UN GIORNO, LA DIPENDENZA DA WEB CI FA PERDERE IL CONTATTO CON LA REALTA’»

Articoli correlati
Disforia di genere: entra nel SSN la triptorelina, farmaco «blocca pubertà». Consulta Bioetica e società scientifiche approvano, pro life dice no
L’AIFA ha stabilito che il farmaco, un antitumorale, sia un medicinale erogabile a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale. Al tema è dedicata una guida realizzata dall'Associazione Medici Endocrinologi (AME), in collaborazione con Consulcesi Club: «Non considerare la varianza e la disforia di genere come disturbi è indispensabile in età infantile». Scienza& Vita si appella al governo
Blockchain, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Tecnologia utile anche per farmacovigilanza e ricerca staminali»
Il Presidente degli industriali farmaceutici al convegno in Senato promosso dal presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri e da realtà come Consulcesi Tech. «È bene che se ne cominci a parlare, anche se siamo in una fase molto iniziale. Bene anche l’uso per la ricerca come quella sulle cellule staminali», sottolinea a Sanità Informazione
Blockchain e sanità del futuro. Al Senato confronto tra politica e imprese sulle opportunità della catena dei blocchi
VIDEO | FOTO | Sondaggi, survey e indagini sanitarie verificate, formazione ECM certificata, tracciabilità della crioconservazione delle staminali e garanzia della supply chain farmaceutica: queste le prime applicazioni presentate all’evento “Blockchain in Sanità: opportunità e prospettive”. Massimo Tortorella: (Consulcesi Tech): «La rivoluzione digitale dell’healthcare passa da questa tecnologia anti-fake»
Abolizione Numero Chiuso, Consulcesi: «Alle parole seguano i fatti»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Bene le parole del vicepremier Salvini, ma e si cambino le regole fin dal prossimo anno accademico»
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone