Salute 29 ottobre 2018

Test Medicina, si avvicina l’abolizione del numero chiuso. In Commissione Cultura alla Camera parte l’iter della legge

Il relatore sarà il deputato e medico Cinque Stelle Manuel Tuzi. Tutte le proposte prevedono l’abolizione della legge 264 del 1999. Tiramani (Lega) e D’Uva (M5S) propongono un meccanismo di selezione dopo il primo anno di studi

Immagine articolo

L’abolizione del numero chiuso alla Facoltà di Medicina si avvicina sempre di più. A partire da mercoledì 31 ottobre inizierà l’iter del provvedimento in Commissione Cultura alla Camera dei deputati (sede referente). L’esame delle “norme in materia di accesso ai corsi universitari” vedrà un relatore unificato, che sarà il medico Cinque Stelle Manuel Tuzi e la convergenza, probabilmente verso un testo unico, di diversi disegni di legge: quello del vicepresidente della Camera Fabio Rampelli, quello del Consiglio Regionale del Veneto, del Capogruppo alla Camera dei Cinque Stelle Francesco D’Uva e del deputato della Lega Paolo Tiramani.

Tutte le proposte mirano all’abrogazione della legge 264 del 1999, quella che istituì il numero chiuso.

LEGGI ANCHE: CAOS NUMERO CHIUSO: TRA ANNUNCI DI ABOLIZIONE E ONDATE DI RICORSI

Tra i più determinati e combattivi c’è il deputato leghista Paolo Tiramani: nella sua proposta si prevedono entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della legge «meccanismi selettivi per gli studenti iscritti a corsi universitari, consistenti nell’individuazione di quote minime di esami di profitto da superare durante il primo anno di corso, prevedendo la decadenza dall’iscrizione dello studente inadempiente» al netto di problemi di salute certificati dal medico.

«Non è giusto vincolare la carriera lavorativa, l’aspettativa di un giovane all’esito di un test che avviene in un solo giorno – ha detto Tiramani a Sanità Informazione – Questo sicuramente non va bene, bisogna dare la possibilità a tutti di accedere alla facoltà e poi solo chi è veramente meritevole, chi si impegna con una media voto importante potrà andare avanti».

Più articolata la proposta del Movimento Cinque Stelle che prevede un modello alla francese con corsi a numero programmato ma che sia strutturato in modo da garantire a tutti gli studenti di dimostrare realmente le effettive attitudini ai corsi di studio ai quali non è possibile assicurare a oggi il libero accesso. Il test di verifica sarebbe predisposto solo al termine del primo anno.

LEGGI LO SPECIALE NUMERO CHIUSO DI SANITA’ INFORMAZIONE

Le proposte di legge di Fratelli d’Italia edel Consiglio regionale del Veneto prevedono in sostanza la semplice abolizione della legge 264 del 1999.

Articoli correlati
Sottosegretario alla Salute, per sostituire Fugatti è ballottaggio tra le leghiste Boldi-Cantù
Duello al femminile nella Lega per sostituire il neo presidente della Provincia di Trento. L’ex assessore alla Famiglia della Regione Lombardia era in pole, ma i numeri risicati in Senato hanno fatto salire le quotazioni della vicepresidente della Commissione Affari Sociali
Aggressioni a medici, Dieni (M5S): «Aperti a contributi di operatori e opposizioni. Presto legge per tutelare chi salva vite»
La vicecapogruppo dei Cinque Stelle alla Camera assicura l’impegno del Movimento sul tema e apre a modifiche sul Ddl governativo. «Anche sblocco del turn over più aiutare a risolvere problema, stiamo lavorando in questa direzione»
Aggressioni ai medici, La Torre (CIC): «Sono anche colpa di mancato turn over. Necessario modificare figura operatore sanitario»
Per il presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi, che ha organizzato cun convegno sul tema, il fenomeno è collegato anche a «un momento di particolare criticità» che sta vivendo il sistema sanitario. Il deputato-ortopedico Misiti (M5S): «Maggioranza ha dovere di raccogliere suggerimenti che arriveranno sul tema»
Celiachia, arriva il Ddl della Lega che obbliga ristoranti e distributori in tutta Italia a vendere cibo gluten free
La proposta delle deputate Murelli, Lorenzoni e Locatelli prevede anche di specificare il contenuto di glutine nei bugiardini ma anche di formare i ristoratori e quanti operano in strutture turistiche e alberghiere: «Servono stesse regole per l’acquisto di cibo senza glutine»
Caso ASL Vercelli, interrogazione di Tiramani (Lega): «Serve legare nomina e revoca direttori ASL a criteri meritocratici»
Corte dei Conti ha deliberato che la Direzione dell’Asl Vercelli non ha ottemperato alle prescrizioni e al rispetto dei termini di bilancio preventivo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...