Salute 17 Dicembre 2019 11:49

Terra dei Fuochi, metalli pesanti nei pazienti oncologici. Confermato legame con inquinamento ambientale

A sostenerlo sono i ricercatori dell’università di Pisa in uno studio pubblicato sul ‘Journal of Cellular Physiology’ e presentato alla Camera dei Deputati. «I dati sono allarmanti», spiega il coordinatore del team di ricerca Antonio Giordano. Il Viceministro Sileri: «Finanziato in Manovra il Registro Tumori»

Terra dei Fuochi, metalli pesanti nei pazienti oncologici. Confermato legame con inquinamento ambientale

Cadmio, mercurio e piombo sono i metalli pesanti ritrovati nel sangue dei pazienti oncologici della Terra dei Fuochi. A rilevarli i ricercatori dell’università di Pisa in uno studio pubblicato sul ‘Journal of Cellular Physiology’ e presentato alla Camera dei Deputati. Studio che conferma il legame tra gli illeciti sversamenti di rifiuti industriali e urbani nelle province di Napoli e Caserta e l’aumento di malattie cronico-degenerative, al primo posto i tumori.

«I dati sono allarmanti», spiega il coordinatore del team di ricerca Antonio Giordano, docente del dipartimento di Biotecnologie mediche dell’Università di Siena e direttore dello Sbarro Health Research Organization (Shro) di Philadelphia. Lo studio ha dosato i livelli ematici di metalli pesanti cancerogeni e inquinanti organici persistenti (Pop) su una coorte di 95 pazienti oncologici residenti in Campania. Sono stati rilevati alti livelli di concentrazione ematica di metalli pesanti in alcuni Comuni, come Pianura, Giugliano, Qualiano e Castel Volturno. «E’ chiaro – prosegue il professore – che in queste zone c’è una criticità. Questi cittadini hanno livelli elevati di alcuni metalli pesanti che si sa sono dei killer implacabili per la salute umana».

«Esiste il dramma della Terra dei Fuochi che è ormai diventata una vera e propria emergenza nazionale» commenta la deputata Michela Rostan, vicepresidente della commissione Affari Sociali della Camera. La deputata di Liberi e Uguali è originaria di Giugliano, tra i Comuni maggiormente colpiti dall’inquinamento prodotto dai sversamenti illeciti. «La politica deve e può fare tanto. In questi anni e in modo particolare nella scorsa legislatura è stato fatto molto dal punto di vista normativo. Però c’è bisogno di un intervento sul piano più strettamente operativo. Mi riferisco – prosegue Rostan – alle classi dirigenti locali perché una vera opera di vigilanza e bonifica dei territori, dell’area dei 38 Comuni della fascia compresa tra Napoli e Caserta, in realtà non è mai stata completamente bonificata. Parliamo di circa 2.767 siti di smaltimento controllato e abusivo ma anche di rifiuti pericolosi. E quindi di tante combustioni illegali, circa 653. Bisogna agire: lo stiamo dicendo da anni e ora è il momento di farlo in modo tempestivo». Infine, aggiunge Rostan: «Nei prossimi giorni daremo dettagli al ministro della Salute Roberto Speranza di quanto emerso dallo studio».

«Oggi offriamo un’arma in più, la rete dei registri dei tumori» ha invece dichiarato il Viceministro Pierpaolo Sileri, intervenuto al tavolo dei relatori. «Peraltro proprio in questa Manovra con il maxi emendamento sono previsti fondi. Indagini ambientali, sulla popolazione, screening. Queste – prosegue – sono tutte le azioni che devono essere fatte. Stiamo parlando di Terra dei Fuochi ma ce ne sono altre. Dobbiamo individuare tutte le aree dove è stata riprodotta e tutelare la popolazione, consapevoli però che un tumore ha diverse concause e che purtroppo per svilupparsi impiega tempo. Il nostro monitoraggio deve essere accurato e duraturo nel tempo. Anche se solo in via ufficiosa, so già che avrò la delega per ambiente e salute – conclude – avevo parlato con il ricercatore e proposto di fare un tavolo e avere un’interlocuzione con il ministro Costa. Ho proposto un appuntamento per la prima settimana di gennaio».

Articoli correlati
Fondazione AIRC: con Le Arance della Salute, una mobilitazione collettiva contro il cancro
L’anno di Fondazione AIRC inizia con una nuova campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi che invita ad agire concretamente per fare la differenza, per se stessi e per gli altri, attraverso l’adozione di sane abitudini e il sostegno alla ricerca
Tumori del sangue, creato algoritmo che potrebbe migliorare diagnosi e cure
I ricercatori di Genomics England, dell'Università di Trieste e del Great Ormond Street Hospital for Children dell’NHS Foundation Trust hanno sviluppato un nuovo algoritmo per rendere più accurata l'analisi del sequenziamento completo del genoma, effettuato con tecniche di Whole Genome Sequencing (WGS) in pazienti con tumori del sangue
di V.A.
Tumori: test genomici sottoutilizzati e gravi disparità regionali, 14 punti per ridefinire gli standard
Una ricerca condotta da Cipomo con il contributo di Cergas SDA Bocconi, ha rilevato gravi disparita regionali in Italia nell'accesso e nell'organizzazione dell'oncologia di precisione
di V.A.
Tumori: nuova vita alle statine e agli antifungini, studio rivela efficacia contro le cellule malate
"Affamare" i tumori e poi colpirli "riciclando" farmaci ben noti, a basso costo, utilizzati da anni per tutt’altri scopi, in grado di arrestare la crescita delle cellule tumorali, messe a "stecchetto" con brevi cicli di digiuno. Così i farmaci che, come le statine, impediscono la sintesi di colesterolo cruciale per soddisfare il bisogno di nutrienti delle cellule tumorali, combinati a brevi cicli di digiuno, potrebbero diventare una terapia “low cost” per combattere tumori difficili come quello al pancreas, il carcinoma del colon-retto e il melanoma. Lo dimostra una ricerca appena pubblicata sulla rivista Nature Communication da un team di ricercatori dell’IRCCS Ospedale Policlinico San Martino di Genova
di V.A.
Tumori: 60% delle strutture poco connesse al territorio. Cipomo: “Più sinergia per presa in carico del paziente”
Iperspecializzate, multidisciplinari ma ancora poco "connesse" con il territorio. È l’identikit delle strutture di oncologia medica italiane. Pur inserite all’interno di un dipartimento oncologico (67%), le strutture soffrono negli aspetti organizzativi interni e nella gestione del percorso del paziente dall’ospedale al territorio. Meno della metà (circa 40%) ha una connessione strutturata con i dipartimenti di prevenzione primaria e secondaria e con centri screening; una cartella informatizzata manca nel 66% delle strutture, ed è condivisa con il territorio solo nell’8% dei casi. Sono questi alcuni dati preliminari di un'indagine che il Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri (Cipomo) ha presentato al congresso dell'Aiom
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...