Politica 17 Dicembre 2019

Terra dei Fuochi, metalli pesanti nei pazienti oncologici. Confermato legame con inquinamento ambientale

A sostenerlo sono i ricercatori dell’università di Pisa in uno studio pubblicato sul ‘Journal of Cellular Physiology’ e presentato alla Camera dei Deputati. «I dati sono allarmanti», spiega il coordinatore del team di ricerca Antonio Giordano. Il Viceministro Sileri: «Finanziato in Manovra il Registro Tumori»

Immagine articolo

Cadmio, mercurio e piombo sono i metalli pesanti ritrovati nel sangue dei pazienti oncologici della Terra dei Fuochi. A rilevarli i ricercatori dell’università di Pisa in uno studio pubblicato sul ‘Journal of Cellular Physiology’ e presentato alla Camera dei Deputati. Studio che conferma il legame tra gli illeciti sversamenti di rifiuti industriali e urbani nelle province di Napoli e Caserta e l’aumento di malattie cronico-degenerative, al primo posto i tumori.

«I dati sono allarmanti», spiega il coordinatore del team di ricerca Antonio Giordano, docente del dipartimento di Biotecnologie mediche dell’Università di Siena e direttore dello Sbarro Health Research Organization (Shro) di Philadelphia. Lo studio ha dosato i livelli ematici di metalli pesanti cancerogeni e inquinanti organici persistenti (Pop) su una coorte di 95 pazienti oncologici residenti in Campania. Sono stati rilevati alti livelli di concentrazione ematica di metalli pesanti in alcuni Comuni, come Pianura, Giugliano, Qualiano e Castel Volturno. «E’ chiaro – prosegue il professore – che in queste zone c’è una criticità. Questi cittadini hanno livelli elevati di alcuni metalli pesanti che si sa sono dei killer implacabili per la salute umana».

«Esiste il dramma della Terra dei Fuochi che è ormai diventata una vera e propria emergenza nazionale» commenta la deputata Michela Rostan, vicepresidente della commissione Affari Sociali della Camera. La deputata di Liberi e Uguali è originaria di Giugliano, tra i Comuni maggiormente colpiti dall’inquinamento prodotto dai sversamenti illeciti. «La politica deve e può fare tanto. In questi anni e in modo particolare nella scorsa legislatura è stato fatto molto dal punto di vista normativo. Però c’è bisogno di un intervento sul piano più strettamente operativo. Mi riferisco – prosegue Rostan – alle classi dirigenti locali perché una vera opera di vigilanza e bonifica dei territori, dell’area dei 38 Comuni della fascia compresa tra Napoli e Caserta, in realtà non è mai stata completamente bonificata. Parliamo di circa 2.767 siti di smaltimento controllato e abusivo ma anche di rifiuti pericolosi. E quindi di tante combustioni illegali, circa 653. Bisogna agire: lo stiamo dicendo da anni e ora è il momento di farlo in modo tempestivo». Infine, aggiunge Rostan: «Nei prossimi giorni daremo dettagli al ministro della Salute Roberto Speranza di quanto emerso dallo studio».

«Oggi offriamo un’arma in più, la rete dei registri dei tumori» ha invece dichiarato il Viceministro Pierpaolo Sileri, intervenuto al tavolo dei relatori. «Peraltro proprio in questa Manovra con il maxi emendamento sono previsti fondi. Indagini ambientali, sulla popolazione, screening. Queste – prosegue – sono tutte le azioni che devono essere fatte. Stiamo parlando di Terra dei Fuochi ma ce ne sono altre. Dobbiamo individuare tutte le aree dove è stata riprodotta e tutelare la popolazione, consapevoli però che un tumore ha diverse concause e che purtroppo per svilupparsi impiega tempo. Il nostro monitoraggio deve essere accurato e duraturo nel tempo. Anche se solo in via ufficiosa, so già che avrò la delega per ambiente e salute – conclude – avevo parlato con il ricercatore e proposto di fare un tavolo e avere un’interlocuzione con il ministro Costa. Ho proposto un appuntamento per la prima settimana di gennaio».

Articoli correlati
Genetica e alimentazione contro le malattie, la mission dell’Italian Institute of Planetary Health: «Studiamo i cibi come fossero farmaci»
«Il 40-50% dei tumori dipende da cattiva alimentazione» sottolinea Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto Mario Negri, che ha dato vita al nuovo istituto. «Vogliamo sapere se un determinato alimento aumenta l’espressione dei geni che ci proteggono dai tumori o diminuisce l’espressione dei geni che li inducono»
Lotta ai Tumori, l’Europa in prima linea con la Mission Board for Cancer. Walter Ricciardi: «Nuovo approccio»
Tra i membri della mission europea è stato nominato anche l’italiano Walter Ricciardi: «Ridurre l’enorme diseguaglianza nell’accesso ai farmaci». E sull'Italia conferma «Non sono accessibili ovunque allo stesso modo. Basti pensare alla Calabria»
Sanità, Rostan (LeU): «Bene approvazione nuovo contratto, ora colmare vuoti in organico»
La Vicepresidente della Commissione Affari Sociali plaude alla delibera del Consiglio dei Ministri: «Passo in avanti importante per raggiungere livelli di equità e di omogeneità delle prestazioni sanitarie in tutte le regioni del nostro Paese»
Dal trapianto di microbiota nuove speranze per le terapie oncologiche. Valdagni (Istituto Tumori Milano): «Scoperta sconvolgente»
Dagli studi più recenti emerge che la flora batterica influisce sulle infiammazioni del corpo e, per questo, può essere un’arma per colpire il cancro. Di questo si parlerà al primo convegno internazionale “MIBIOC – The way of the microbiota in Cancer”, in programma il 21 e 22 novembre presso l’istituto dei tumori di Milano
di Federica Bosco
Aggressioni, Speranza apre a presìdi di polizia nei Ps: «Discussione aperta. Migliorare e approvare Ddl prima possibile»
«Dovere dello Stato è "prendersi cura di chi ci cura” ha detto il ministro in vista all’OMCeO Napoli. Il Presidente dell’Ordine dei medici di Napoli Scotti: «Avere qui con noi il Ministro in un momento così delicato è per noi fondamentale. Il messaggio è chiaro: fate presto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano