Salute 25 Marzo 2021 16:48

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l’AORN Cardarelli di Napoli Rodolfo Nasti

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Cortisone, antibiotici, eparina. Una triade di farmaci con cui, volenti o nolenti, dopo un anno di pandemia abbiamo acquisito una certa familiarità, trattandosi del cocktail più frequentemente prescritto per la gestione a domicilio del Covid. Eppure, la leggerezza con cui i farmaci cortisonici sono stati fino ad oggi somministrati in prima battuta ai pazienti paucisintomatici è finita nell’occhio del ciclone, a causa dei dimostrati effetti collaterali che in molti casi peggiorano addirittura la prognosi. Inoltre, è ancora aperta la disputa circa l’utilizzo degli antivirali, e anche sulle fasi e le condizioni in cui iniziare una terapia antibiotica e la somministrazione di eparina. Insieme agli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) e al dirigente medico in Medicina Interna presso l’AORN Cardarelli di Napoli Rodolfo Nasti, abbiamo fatto il punto sui nuovi sviluppi relativi alla terapia domiciliare anti-Covid.

Cortisone sì, cortisone no. Come orientarsi?

«Partiamo da un dato essenziale – esordisce Nasti – e cioè che il cortisone non è un farmaco in grado di modificare l’evoluzione naturale della malattia, bensì solo di alleviare la sintomatologia polmonare in caso di iper-infiammazione. Sull’utilizzo dei farmaci steroidei (e quindi del cortisone) nella terapia anti-Covid va quindi fatto un importante distinguo tra i pazienti che arrivano in ospedale con una sintomatologia importante e coloro i quali essendo paucisintomatici vengono trattati a domicilio. Nel primo caso – spiega – quando quindi è già presente un quadro clinico abbastanza critico, l’utilizzo di farmaci steroidei arreca sicuramente beneficio. Nel secondo caso invece, il rapporto rischio-beneficio rischia di sovvertirsi».

«Essendo un antinfiammatorio steroideo, infatti – prosegue il medico internista – il cortisone ha una serie di effetti sistemici sull’organismo dal punto di vista endocrino-metabolico, quindi un aumento dell’insulino-resistenza con possibile sviluppo di diabete metasteroideo, ma anche il rischio di rash cutaneo e ipertensione arteriosa, o anche di squilibri elettrolitici. Ma soprattutto – aggiunge Nasti – il cortisone comporta una immunosoppressione che favorisce da un lato lo sviluppo delle cosiddette infezioni opportunistiche, e dall’altro la stessa replicazione virale, che è esattamente l’effetto che vogliamo evitare nella prima fase (paucisintomatica) e ottenere nella fase critica, durante la “tempesta citochinica” dovuta appunto a una iperattivazione del sistema immunitario».

Gli antivirali potrebbero essere inseriti nella terapia domiciliare?

«La somministrazione di terapia antivirale non è raccomandata a domicilio – affermano i medici della SIMG -. L’unico antivirale per il quale esistono alcune prove di efficacia contro Covid-19 è Remdesivir, indicato per i pazienti Covid con polmonite che ricevono ossigeno, esclusi i pazienti che necessitano di ossigeno ad alto flusso o ventilazione meccanica non invasiva o ventilazione meccanica o ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO). Remdesevir – osserva ancora la SIMG nel suo documento contenente le indicazioni per la terapia domiciliare anti-Covid – non è quindi adatto per l’assistenza domiciliare e deve essere riservato ai pazienti ospedalizzati con coinvolgimento polmonare che sono però ancora nella fase iniziale della malattia».

Eparina e antitrombotici. Quando, come e perché?

«Il Covid è una malattia particolarmente debilitante anche per i pazienti con sintomi lievi – osserva la SIMG nelle sue linee guida -. Pertanto, i pazienti sono spesso costretti a letto per diverse settimane, con un rischio maggiore di eventi tromboembolici. L’eparina può proteggere l’endotelio, probabilmente riducendo il livello dei biomarcatori infiammatori, e può prevenire la disfunzione polmonare micro e macrocircolatoria e possibilmente limitare il danno d’organo. Pertanto – si legge nel documento SIMG – i pazienti Covid costretti a letto con sintomi respiratori acuti potrebbero essere trattati con eparina a basso peso molecolare, nella corretta posologia».

L’antibiotico: un alleato o un nemico?

«L’azitromicina, l’antibiotico più comunemente prescritto per la terapia domiciliare anti-Covid, ha sicuramente un effetto immunomodulatorio – spiega il dottor Nasti dell’Ospedale Cardarelli di Napoli -, oltre ad essere efficace contro le infezioni opportunistiche. Il suo uso è quindi indicato laddove ci sia un forte sospetto di sovrainfezione batterica durante il corso del Covid-19. Viceversa – conclude l’internista – una somministrazione indiscriminata e per periodi di tempo superiori a quelli prescritti (che nel caso dell’azitromicina è di quindici giorni) non solo è inefficace, ma può esporre il paziente a rischi maggiori».

Come combattere i sintomi parainfluenzali: paracetamolo o antinfiammatori?

«Il paracetamolo è suggerito come una scelta sicura e raccomandabile per la gestione precoce e domiciliare dello stato febbrile nei pazienti Covid – osserva infine la Società Italiana di Medicina Generale – mentre i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), inclusi l’acido acetilsalicilico e l’ibuprofene, nella posologia raccomandata, sono risultati efficaci nel trattamento della sindrome simil-influenzale correlata al Covid, ed inoltre dimostrano un potenziale beneficio nel contrastare la tempesta citochinica proinfiammatoria generata dall’infezione, con conseguente riduzione del rischio di peggioramento delle manifestazioni respiratorie».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Lotta all’HIV, arriva il supporto dei medici di famiglia per scovare il sommerso
«Si stima che in Italia ci siano circa 10mila persone inconsapevoli di essere infette dal virus dell’HIV. Il Medico di famiglia è impegnato nell’emersione del sommerso e nel seguire i pazienti in trattamento, visto che l’aspettativa di vita si è notevolmente allungata» sottolinea Alessandro Rossi, Responsabile SIMG Patologie Acute
Luce verde per gli screening HCV nel 2023. Fondamentale il ruolo dei medici di famiglia anche per diagnosi e trattamenti
«Quello che stiamo per affrontare è un momento chiave: il medico di famiglia resta la figura principale per raggiungere la popolazione generale dove si può nascondere il virus e colui che può indirizzare le persone a rischio verso screening e linkage-to-care», sottolinea Alessandro Rossi, Responsabile SIMG Malattie Infettive
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...