Salute 25 Marzo 2021 16:48

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l’AORN Cardarelli di Napoli Rodolfo Nasti

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Cortisone, antibiotici, eparina. Una triade di farmaci con cui, volenti o nolenti, dopo un anno di pandemia abbiamo acquisito una certa familiarità, trattandosi del cocktail più frequentemente prescritto per la gestione a domicilio del Covid. Eppure, la leggerezza con cui i farmaci cortisonici sono stati fino ad oggi somministrati in prima battuta ai pazienti paucisintomatici è finita nell’occhio del ciclone, a causa dei dimostrati effetti collaterali che in molti casi peggiorano addirittura la prognosi. Inoltre, è ancora aperta la disputa circa l’utilizzo degli antivirali, e anche sulle fasi e le condizioni in cui iniziare una terapia antibiotica e la somministrazione di eparina. Insieme agli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) e al dirigente medico in Medicina Interna presso l’AORN Cardarelli di Napoli Rodolfo Nasti, abbiamo fatto il punto sui nuovi sviluppi relativi alla terapia domiciliare anti-Covid.

Cortisone sì, cortisone no. Come orientarsi?

«Partiamo da un dato essenziale – esordisce Nasti – e cioè che il cortisone non è un farmaco in grado di modificare l’evoluzione naturale della malattia, bensì solo di alleviare la sintomatologia polmonare in caso di iper-infiammazione. Sull’utilizzo dei farmaci steroidei (e quindi del cortisone) nella terapia anti-Covid va quindi fatto un importante distinguo tra i pazienti che arrivano in ospedale con una sintomatologia importante e coloro i quali essendo paucisintomatici vengono trattati a domicilio. Nel primo caso – spiega – quando quindi è già presente un quadro clinico abbastanza critico, l’utilizzo di farmaci steroidei arreca sicuramente beneficio. Nel secondo caso invece, il rapporto rischio-beneficio rischia di sovvertirsi».

«Essendo un antinfiammatorio steroideo, infatti – prosegue il medico internista – il cortisone ha una serie di effetti sistemici sull’organismo dal punto di vista endocrino-metabolico, quindi un aumento dell’insulino-resistenza con possibile sviluppo di diabete metasteroideo, ma anche il rischio di rash cutaneo e ipertensione arteriosa, o anche di squilibri elettrolitici. Ma soprattutto – aggiunge Nasti – il cortisone comporta una immunosoppressione che favorisce da un lato lo sviluppo delle cosiddette infezioni opportunistiche, e dall’altro la stessa replicazione virale, che è esattamente l’effetto che vogliamo evitare nella prima fase (paucisintomatica) e ottenere nella fase critica, durante la “tempesta citochinica” dovuta appunto a una iperattivazione del sistema immunitario».

Gli antivirali potrebbero essere inseriti nella terapia domiciliare?

«La somministrazione di terapia antivirale non è raccomandata a domicilio – affermano i medici della SIMG -. L’unico antivirale per il quale esistono alcune prove di efficacia contro Covid-19 è Remdesivir, indicato per i pazienti Covid con polmonite che ricevono ossigeno, esclusi i pazienti che necessitano di ossigeno ad alto flusso o ventilazione meccanica non invasiva o ventilazione meccanica o ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO). Remdesevir – osserva ancora la SIMG nel suo documento contenente le indicazioni per la terapia domiciliare anti-Covid – non è quindi adatto per l’assistenza domiciliare e deve essere riservato ai pazienti ospedalizzati con coinvolgimento polmonare che sono però ancora nella fase iniziale della malattia».

Eparina e antitrombotici. Quando, come e perché?

«Il Covid è una malattia particolarmente debilitante anche per i pazienti con sintomi lievi – osserva la SIMG nelle sue linee guida -. Pertanto, i pazienti sono spesso costretti a letto per diverse settimane, con un rischio maggiore di eventi tromboembolici. L’eparina può proteggere l’endotelio, probabilmente riducendo il livello dei biomarcatori infiammatori, e può prevenire la disfunzione polmonare micro e macrocircolatoria e possibilmente limitare il danno d’organo. Pertanto – si legge nel documento SIMG – i pazienti Covid costretti a letto con sintomi respiratori acuti potrebbero essere trattati con eparina a basso peso molecolare, nella corretta posologia».

L’antibiotico: un alleato o un nemico?

«L’azitromicina, l’antibiotico più comunemente prescritto per la terapia domiciliare anti-Covid, ha sicuramente un effetto immunomodulatorio – spiega il dottor Nasti dell’Ospedale Cardarelli di Napoli -, oltre ad essere efficace contro le infezioni opportunistiche. Il suo uso è quindi indicato laddove ci sia un forte sospetto di sovrainfezione batterica durante il corso del Covid-19. Viceversa – conclude l’internista – una somministrazione indiscriminata e per periodi di tempo superiori a quelli prescritti (che nel caso dell’azitromicina è di quindici giorni) non solo è inefficace, ma può esporre il paziente a rischi maggiori».

Come combattere i sintomi parainfluenzali: paracetamolo o antinfiammatori?

«Il paracetamolo è suggerito come una scelta sicura e raccomandabile per la gestione precoce e domiciliare dello stato febbrile nei pazienti Covid – osserva infine la Società Italiana di Medicina Generale – mentre i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), inclusi l’acido acetilsalicilico e l’ibuprofene, nella posologia raccomandata, sono risultati efficaci nel trattamento della sindrome simil-influenzale correlata al Covid, ed inoltre dimostrano un potenziale beneficio nel contrastare la tempesta citochinica proinfiammatoria generata dall’infezione, con conseguente riduzione del rischio di peggioramento delle manifestazioni respiratorie».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Riaperture, Vineis (CSS): «Così si rischia di mantenere lunga coda dell’epidemia»
La chiave del successo inglese: un lockdown incisivo «pianificato e temporizzato» e una vaccinazione rapida ed efficace. L’intervista a Paolo Vineis, professore di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità
La vitamina C e la vitamina D prevengono il contagio da Covid-19?
Cosa dice la Circolare del 30 novembre 2020 del Ministero della Salute sulla “Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2”
Covid, per sanitari turni massacranti e ferie negate. Boom di richieste d’aiuto a Consulcesi: +30% in un anno
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. «Per i medici gli straordinari sono diventati 'ordinari'. Siamo al fianco dei nostri eroi affinché ricevano il giusto riconoscimento per i sacrifici che continuano a fare»
Riaperture, Vergallo (Aaroi-Emac): «Pressione terapie intensive ancora importante. Bilanciare esigenze di salute con economia»
Il Presidente dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri: «Le decisioni spettano alla politica ma devono seguire, con criteri di prudenza, la scienza e la situazione attuale del SSN. Un’ondata successiva, a distanza di qualche mese, sarebbe ancora più pericolosa delle precedenti perché si aggiungerebbe a un numero esistente di contagi e ricoveri e non a un valore soglia pari a zero»
Report Cabina di regia: «Rt a 0,85. Età contagiati cala per effetto delle vaccinazioni»
Brusaferro (ISS): «Decrescita in quasi tutte le Regioni. In altri Paesi Ue curva in salita». Rezza (Min. Salute): «Incidenza cala molto lentamente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...