Salute 30 Maggio 2019 10:07

Talassemia, Isgrò (immunologa): «Trapianto di midollo è opportunità per bambini con donatore HLA»

Non solo bambini con donatore HLA identico, spiega Antonella Isgrò, specialista in Immunologia clinica: «Anche la possibilità di un trapianto aploidentico da un donatore HLA non familiare ma identico, rappresenta un’ulteriore opportunità»

Talassemia, Isgrò (immunologa): «Trapianto di midollo è opportunità per bambini con donatore HLA»

«Il trapianto di midollo osseo rappresenta ancora oggi un’importante opportunità di guarigione per la talassemia e per l’anemia falciforme», lo rivela Antonella Isgrò, specialista in Immunologia clinica ai microfoni di Sanità Informazione durante il corso formativo “Progressi nella prevenzione e nel trattamento delle talassemie ed emoglobinopatie” organizzato presso l’Università Pontificia Salesiana.

Il termine talassemia sottintende un gruppo estremamente eterogeneo di disordini genetici caratterizzati da una ridotta ed errata produzione dell’emoglobina, il pigmento respiratorio contenuto nei globuli rossi. Originariamente diffusa tra le popolazioni del bacino mediterraneo, del Sud-Est asiatico e di alcuni paesi dell’Africa equatoriale. Tuttavia, in seguito ai consistenti movimenti migratori verificatisi a livello planetario, è attualmente presente in quasi tutte le regioni del mondo.

Per il trapianto di midollo osseo «importante è che venga fatta l’offerta soprattutto ai bambini che dispongono di un donatore HLA identico», ci spiega la dottoressa Isgrò. «Anche se attualmente anche la possibilità di un trapianto aploidentico da un donatore HLA non familiare ma identico, rappresenta un’ulteriore opportunità. È importante la possibilità di una cura nella talassemia, un’offerta che è rappresentata dal trapianto di midollo»

LEGGI: #STORIERARE DI TALASSEMIA: «SIAMO MALATI, MA TRA TRASFUSIONI E TERAPIE CERCHIAMO UNA VITA NORMALE»

Per gli adulti che soffrono di questa malattia. «Ci sono sicuramente delle complicanze – continua l’immunologa – che sono legate al trapianto. Importante è che se possa essere data questa opportunità di cura con il trapianto nel soggetto talassemico adulto, il paziente ci deve arrivare nelle migliori condizioni. Quindi ben ferrochelato, ben trasfuso, in modo tale da ridurre i rischi legati alla terapia, al condizionamento del trapianto.

Quando il trapianto è la soluzione per sconfiggere la talassemia? «Al momento il trapianto rappresenta una possibilità di guarigione per la talassemia soprattutto, dovrebbe essere data come possibilità nei bambini che hanno un donatore HLA identico».

Articoli correlati
Al Meyer bimba positiva al Covid-19 con grave leucemia riceve trapianto di cellule staminali
Una storia di grande coraggio da parte dell'equipe dell'ospedale fiorentino, che andava incontro a un caso senza precedenti in Italia. La bimba era positiva a Covid da marzo e ha ricevuto un trapianto di cellule staminali dal padre
Midollo osseo, diventare donatori restando a casa. Parte “Match at home”
Il lancio del nuovo progetto in occasione della Settimana Nazionale per la donazione del midollo osseo (19-26 settembre). L’iniziativa nata per contrastare il calo delle tipizzazioni dovuto al coronavirus
Dal trapianto arrivano più certezze per la cura del tumore al fegato
Lo studio dell’Istituto dei Tumori di Milano, guidato dal professor Mazzaferro ha evidenziato che il 76,8% dei pazienti epatici, a cinque anni dall’intervento, è libero da tumore e recidive, mentre solo il 18,3% di chi ha continuato con le cure convenzionali è sopravvissuto
di Federica Bosco
Ortopedia, ecco perché il trapianto di osso da cadavere è da preferire alle protesi
Alla Clinica Ortopedica del Policlinico Vanvitelli di Napoli eseguito con successo un raro trapianto di intero emipiatto tibiale da cadavere. Gli esperti: «Migliora la qualità della vita del paziente ed evita la sostituzione della protesi ogni 10 anni»
Bambin Gesù, trapianto di midollo riuscito per il bimbo positivo al Covid-19
Il bambino di 6 anni, affetto da leucemia linfoblastica acuta, era stato sottoposto al trattamento con plasma ottenuto da un soggetto guarito dall’infezione virale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»