Salute 8 Ottobre 2019 09:00

Sumai verso il Congresso, Magi: «20mila giovani specialisti pronti a entrare in Ssn»

Al Congresso del sindacato degli specialisti ambulatoriali che si terrà a Gardone Riviera dal 14 al 17 ottobre al centro il tema regionalismo differenziato e della sua compatibilità con l’universalismo del Ssn

«Ci sono 20mila medici specialisti al di sotto dei 45 anni pronti a entrare nel Servizio sanitario nazionale ai quali si aggiungono 34.400 specializzandi. Nei prossimi anni andranno in pensione 52mila medici quindi, facendo i conti, tra specializzandi e specialisti si coprirebbe il turnover». A dirlo, anticipando uno dei temi che saranno al centro del prossimo congresso nazionale Sumai, è proprio il segretario nazionale del maggiore sindacato dei medici ambulatoriali, Antonio Magi, in un’intervista all’agenzia di stampa Dire. «Il punto è se davvero si vuole avere una qualità prestazionale. Perché una delle politiche che vediamo in Italia è l’abbassamento delle competenze. La medicina è fatta di competenze – spiega il segretario Sumai – quindi bisogna valorizzare gli specialisti e dare la possibilità di specializzarsi aumentando le borse e facendo chiudere il percorso formativo a tutti i medici italiani».

Il tema è attuale, come quello che dà il titolo del congresso che si terrà dal 14 al 17 ottobre a Gardone Riviera: “Specialistica ambulatoriale e universalismo differenziato”. «Un titolo provocatorio – dice Magi – che ci permette di fare un confronto serio perché le Regioni chiedono maggiore autonomia ma dobbiamo cercare di mettere insieme l’universalismo del Ssn e il regionalismo differenziato. Noi abbiamo già ragionato su possibili soluzioni, e vorremmo che fossero condivise a seguito di un dibattito tra governo, Regioni e specialisti ambulatoriali. Vogliamo mettere in moto un confronto pacato – conclude- per tutelare i cittadini e mantenere l’uguaglianza da Nord a Sud, e dare agli operatori la possibilità di operare al meglio. Perché oggi c’è una sofferenza da parte degli operatori che non sono in grado di operare al meglio, dei cittadini che hanno liste d’attesa lunghissime, e dalle Regioni che devono risolvere il problema».

Articoli correlati
Giornata personale sanitario, la cerimonia dell’Ordine dei Medici di Roma
Una targa con il Giuramento d'Ippocrate e un ulivo i simboli scelti per ricordare i medici deceduti a causa del Covid-19
Medicina territoriale nell’epoca post-Covid, Magi (SUMAI) in Senato: «Ecco come potenziarla e riqualificarla»
Il Segretario Generale di SUMAI Assoprof, Antonio Magi, è stato accolto questa mattina in Senato dove ha parlato del potenziamento e della riqualificazione della medicina territoriale nell’epoca post-Covid
Risorse per la sanità, Magi (OMCeO Roma): «Così non andiamo da nessuna parte»
L'endorsement del Presidente dell'Ordine dei Medici di Roma alla transazione per gli ex specializzandi: «Il governo si sieda intorno a un tavolo con i medici e trovi una soluzione a questa vicenda una volta per tutte»
Elezioni OMCeO Roma, vince la lista “Insieme” di Magi: «Bel risultato. Ora al lavoro su giovani e depenalizzazione errore medico»
Stefano De Lillo sarà il vicepresidente dell'Ordine, Guido Coen Tirelli il tesoriere e per la prima volta una donna, Cristina Patrizi, sarà segretario. Il presidente Antonio Magi commenta i risultati e spiega il programma del nuovo Consiglio direttivo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...