Salute 10 Agosto 2022 11:22

Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati

I dati raccolti dall’App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni

Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati

Affaticamento, mal di gola e mal di testa sono i sintomi di Covid-19 più segnalati fra i malati. Ma ce ne è uno che sembra piuttosto diffuso nella popolazione britannica vaccinata ed è la diarrea. Lo suggeriscono i dati raccolti dall’App ZOE Health Study, secondo i quali ci sarebbe stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022. La tempistica suggerisce agli esperti che l’incremento della frequenza di questo sintomo sia correlata alla variante Omicron.

La diarrea è un sintomo precoce che dura in media 2-3 giorni

I ricercatori di ZOE affermano che la diarrea può essere un sintomo precoce del virus, che inizia il primo giorno di infezione e peggiora durante la settimana. «Di solito dura in media da due a tre giorni, ma può durare fino a sette giorni negli adulti», spiega il team di ZOE. I dati suggeriscono che questo sintomo è diventato meno prevalente con ciascuna variante, poiché quasi un terzo degli adulti di età superiore ai 35 anni ha riferito di avere la diarrea durante l’ondata di Alfa, mentre solo uno su cinque ha affermato di averlo sperimentato durante le ondate di Omicron e di Delta. Le persone che l’hanno sperimentata durante le ultime due ondate erano state vaccinate due volte o avevano anche ricevuto il vaccino di richiamo.

In caso di diarrea e altro sintomo si raccomanda un test Covid

Il Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito afferma che la diarrea è comune negli adulti e la cosa più importante da fare è rimanere idratati. Il sistema sanitario britannico consiglia inoltre di rimanere a casa, riposarsi molto e mangiare quando ci si sente meglio. Gli scienziati, infine, raccomandano in caso di diarrea insieme ad altri sintomi comuni di Covid, come febbre alta, tosse e una perdita o un cambiamento del senso del gusto o dell’olfatto, di fare un test Covid e di seguire tutte le raccomandazioni previste in caso di positività.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Malattie cardiovascolari nelle donne, specie nel post Covid. Nasce un progetto
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
Ricoveri ospedalieri, gli standard assistenziali sono stati rispettati con la pandemia? Il confronto tra 2020 e 2019
In base a un'indagine di www.doveecomemicuro.it nel 2020 è calata, per molti indicatori, la percentuale di ospedali in linea con le soglie minime di volume di attività fissate dalle autorità ministeriali: una conseguenza del crollo dei ricoveri dovuto alla pandemia da Covid-19
Ha ancora senso vaccinare i bambini?
La Società italiana di pediatra continua a raccomandare la vaccinazione anti-Covid, soprattutto in considerazione dell'aumento dei contagi nella fascia di popolazione in età scolare
Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?
I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola