Salute 15 Marzo 2023 13:03

Streptococco B, presto in arrivo vaccini. LSHTM: «Proteggere donne incinte salverebbe migliaia di vite»

Un programma globale di immunizzazione delle donne incinte contro lo Streptococco B potrebbe portare a un risparmio considerevole in termini di costi sanitari, perdita di vite e di disabilità. Questa è la conclusione a cui è giunto un gruppo di ricercatori della London School of Hygiene & Tropical Medicine in uno studio pubblicato sulla rivista Plos Medicine

Streptococco B, presto in arrivo vaccini. LSHTM: «Proteggere donne incinte salverebbe migliaia di vite»

Un programma globale di immunizzazione delle donne incinte contro lo Streptococco B potrebbe portare a un risparmio considerevole in termini di costi sanitari, perdita di vite e di disabilità. Questa è la conclusione a cui è giunto un gruppo di ricercatori della London School of Hygiene & Tropical Medicine in uno studio pubblicato sulla rivista Plos Medicine, che però mette in dubbio anche le eventuali difficoltà di garantire un accesso equo alla vaccinazione. Attualmente non c’è un vaccino contro lo Streptococco B. Alcuni sono in fase di sviluppo, ma una valutazione dell’impatto e del valore di un programma di vaccinazione globale potrebbe aiutare a comprendere gli effetti della futura introduzione di un vaccino efficace.

Lo Streptococco B può causare sepsi e meningite nei neonati

Lo Streptococco B è un batterio che può anche infettare le donne incinte e i loro bambini, causando sepsi e meningite nei neonati e talvolta portando a morte o disabilità. È collegato ad un aumento dei rischi di natimortalità e nascite pretermine. Ora che i vaccini in via di sperimentazione si stanno avvicinando all’approvazione, si ritiene necessaria una valutazione economica globale di un programma di immunizzazione globale che servirà a prendere decisioni importanti relative a investimenti nell’ulteriore sviluppo del vaccino, nonché a stabilire prezzi equi.

Bisognerebbe vaccinare l’80% delle donne incinte in tutto il mondo

Simon Procter della London School of Hygiene & Tropical Medicine e il suo team di ricerca ha sviluppato un modello per valutare l’efficacia in termini di costi dei vaccini contro lo Streptococco B in 140 milioni di donne incinte in 183 paesi. Hanno utilizzato le recenti stime globali relative al carico sanitario dello Streptococco B nelle donne in gravidanza e nei loro figli e ai costi stimati per i sistemi sanitari, calcolando gli anni di vita persi a causa della mortalità infantile e della disabilità a lungo termine. Sulla base delle caratteristiche che un vaccino dovrebbe avere, indicate dall’Organizzazione mondiale della sanità, il team ha ipotizzato che si potrebbe prevenire l’infezione da Streptococco B nell’80% delle donne vaccinate e che sarebbero state vaccinate le donne che ricevono almeno quattro visite prenatali.

Con la vaccinazione contro lo Streptococco B si eviterebbero oltre 54mila morti all’anno

Ipotizzando un costo di 50 dollari a dose nei paesi ad alto reddito, 15 dollari nei paesi a reddito medio-alto e 3,50 dollari nei paesi a reddito medio-basso, i ricercatori hanno concluso che la vaccinazione potrebbe evitare 127mila casi di infezioni da Streptococco B infantili a esordio precoce e 87.300 a esordio tardivo, 31.100 decessi, 17.900 casi di compromissione dello sviluppo neurologico moderato e grave e un totale di 23mila nati morti. I ricercatori hanno anche stimato che un programma di vaccinazione a 1 dose potrebbe costare 1,7 miliardi di dollari a livello globale, generando un risparmio 385 milioni di dollari in costi sanitari. «Riducendo le infezioni gravi da Streptococco B – spiega Procter – un efficace vaccino materno distribuito in tutto il mondo potrebbe prevenire decine di migliaia di morti neonatali e nati morti ogni anno. I nostri risultati suggeriscono che la vaccinazione materna contro lo Streptococco B potrebbe essere economicamente vantaggioso nella maggior parte dei paesi e speriamo che ciò incoraggi gli ulteriori investimenti necessari per portare i vaccini sul mercato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Allarme antibiotico-resistenza, molti farmaci non funzionano più contro comuni infezioni infantili
Uno studio dell'Università di Sidney ha concluso che molti farmaci per il trattamento di infezioni comuni nei bambini e nei neonati non sono più efficaci in gran parte del mondo.L'allarme è stato lanciato sulla rivista The Lancet Regional Health Southeast Asia
I disinfettanti possono favorire la resistenza agli antibiotici di un superbatterio mortale
La maggior parte dei microbi muore se esposta ai comuni prodotti per la pulizia, ma i residui di questi disinfettanti potrebbero spingere i batteri mortali a diventare resistenti agli antibiotici. Questo è il risultato allarmante di uno studio condotto dalla Macquarie University di Sydney e pubblicato sulla rivista Nature Microbiology
Long Covid: rischio sovrastimato? Comunità scientifica divisa
Tracy Beth Høeg dell’Università della California, San Francisco, e il suo team di ricerca hanno affermato che c'è una buona probabilità che il Long Covid sia stato sovrastimato. Le conclusioni del loro lavoro hanno sollevato un polverone di polemiche all'interno della comunità scientifica
Long Covid: più vicini a un test del sangue per la diagnosi
I pazienti con Long Covid presentano chiare differenze nella funzione immunitaria e ormonale rispetto alle persone senza sindrome post-infezione. Questo significa che nel plasma potrebbero esserci molecole specifiche in grado di aiutarci a identificare coloro che hanno il Long Covid da chi no
Long Covid: il rischio aumenta quanto più a lungo dura l’infezione
Anche la durata dell'infezione è un importante fattore predittivo del Long Covid, responsabile della persistenza dei sintomi anche dopo settimane e mesi dalla fine della malattia. A dimostrarlo è uno studio italiano
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...