Salute 16 Dicembre 2019 07:00

Staminali cordonali, a Napoli una giornata di confronto sui grandi temi etici e biomedici del settore

Un corso di formazione per esplorare le nuove opportunità terapeutiche e i risultati dei più recenti trial clinici

Tanti professionisti del settore riuniti a Napoli lo scorso 14 dicembre per affrontare il dibattito sull’utilizzo delle cellule staminali cordonali, durante il corso rivolto a ginecologi e ostetriche intitolato “Staminali cordonali: una fiducia che guarda al futuro”, presentato dal provider Sanità In-Formazione. Un dibattito che è doveroso ormai osservare attraverso la lente d’ingrandimento di varie discipline: la scienza medica, ma anche il diritto e la bioetica, che oggi più che mai, anche alla luce delle nuove scoperte scientifiche e opportunità terapeutiche, pongono interrogativi legittimi e importanti.

Nel corso dell’evento uguale attenzione è stata posta alla doppia prospettiva della conservazione e donazione delle cellule staminali cordonali, attraverso una disamina delle relative discipline e possibilità, e con un dialogo aperto al confronto.

Interessante la panoramica emersa sullo stato dell’arte nella regione Campania, dove fino a pochi anni fa la tanto diffusa quanto controindicata prassi di indirizzare al cesareo le gestanti intorno alle 38 settimane rendeva estremamente difficile il prelievo di queste cellule, sia a scopo di conservazione che di donazione, a causa dell’immaturità del cordone.

LEGGI ANCHE: STAMINALI CORDONALI, LE NOVITÀ DELLA RICERCA. KURTZBERG: «RISULTATI INCORAGGIANTI SU BAMBINI CON PARALISI CELEBRALE»

«È molto importante – ha affermato la dottoressa Adriana Fortunato, ginecologa, responsabile scientifica dell’evento – che il dibattito sulla conservazione e la donazione delle staminali cordonali resti aperto, sia per promuoverne il fine solidaristico, sia per informare circa le possibilità di utilizzo di questo materiale biologico che ha una potenzialità scientifica e terapeutica davvero importante. Purtroppo al momento non c’è ancora una piena consapevolezza da parte della collettività, il livello di informazione è a macchia di leopardo. Ecco perchè – conclude la dottoressa Fortunato – al di là del contenuto formativo di questi incontri per i professionisti del settore,  è così importante estenderli anche ai non addetti ai lavori, alle persone comuni».

«È fondamentale – ha dichiarato la dottoressa Pierangela Totta, responsabile scientifica Futura Stem Cells – che ci sia un alto livello di conoscenza e informazione sulle potenzialità delle staminali cordonali. La legge che in Italia regola la materia risale al 2009, sono ormai passati dieci anni da allora e la ricerca scientifica ha fatto passi da gigante. L’idea di allargare la possibilità di donare e di conservare a livello nazionale per tutte le famiglie, che possano così anche arricchire un registro nazionale e internazionale, sarebbe una grande opportunità a vantaggio di tutti. Questo è particolarmente vero – conclude la Totta – dal momento che ci sono numerosi studi che dimostrano che il limite numerico di cellule staminali cordonali sarà presto superato, perchè siamo riusciti ad amplificarle in laboratorio, a trapiantarle a persone che difficilmente avrebbero trovato donatori compatibili».

Articoli correlati
Disfunzione erettile e problemi all’uretra, una risposta dalle cellule staminali? Il Prof. Castiglione «Trial sicuri e molto promettenti»
il Professore del Dipartimento di Andrologia dell’University College London Hospitals (UCLH): «Le cellule staminali si recano da sole laddove c’è l’infiammazione e, se in numero sufficiente, possono invertire il sistema ricreando un tessuto più giovane»
Il sangue cordonale ricco di anticorpi dopo vaccino anti-Covid
di Pierangela Totta, Responsabile scientifico Futura Stem Cells
di Pierangela Totta, Responsabile scientifico Futura Stem Cells
Staminali: siglato protocollo di intesa tra Consumerismo No Profit e Futura Stem Cells
Per fornire maggiori garanzie ai consumatori ed evitare raggiri e inganni
Staminali contro il Covid-19, parte la sperimentazione clinica in tutt’Italia
Con il via libera degli enti regolatori, l’approccio clinico basato sulle terapie cellulari può iniziare. Dominici: «Un confronto su cellule staminali prese da fonti diverse all’interno dello stesso studio clinico non è mai avvenuto al mondo. Ci aspettiamo di avere risultati per nuove terapie anti Covid-19»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...