Salute 22 Gennaio 2021 15:58

Stagione che vai, umore che trovi: quando la meteoropatia è un disturbo psicologico

Si chiama disturbo affettivo stagionale e i suoi sintomi variano al cambiare delle stagioni. La psicoterapeuta: «In inverno prevalgono tristezza, stanchezza e letargia. D’estate perdita di peso, insonnia e ansia»

di Isabella Faggiano
Stagione che vai, umore che trovi: quando la meteoropatia è un disturbo psicologico

Nuvole e pioggia possono acuire il senso di affaticamento e tristezza. Giornate di sole particolarmente calde possono dare origine ad ansia e irrequietezza. «Quella che comunemente chiamiamo meteoropatia è, in realtà, una vera e propria psicopatologia, che nel manuale dei disturbi mentali DSM5 è classificata con il nome di disturbo affettivo stagionale», spiega a Sanità Informazione Gabriella Scaduto, psicologa e psicoterapeuta, segretario dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia.

Che cos’è l’umore

Il meteo, dunque, ha realmente il potere di influenzare l’umore. «Ma prima di chiarire quali sono i meccanismi che innescano il disturbo affettivo stagionale, è necessario specificare che l’umore è una particolare predisposizione d’animo, in grado di provocare reazioni emotive più o meno stabili. L’umore fluttua, da una condizione all’altra, a seconda dell’emozione che prevale in un determinato momento – dice Scaduto -. Queste alterazioni possono essere così violente da costituire veri e propri disturbi dell’umore, in grado di condizionare negativamente la vita di chi ne è affetto».

La meteoropatia o il disturbo affettivo stagionale

Tra i fattori che possono contribuire alla fluttuazione dell’umore c’è proprio il meteo. «Il primo a parlare di disturbo affettivo stagionale è stato, nel 1984, Norman E. Rosenthal, un autore, psichiatra e scienziato sudafricano – racconta la specialista . Questo disturbo può manifestarsi in inverno o in estate, per affievolirsi e migliorare notevolmente durante le mezze stagioni. Nel manuale dei disturbi mentali DSM5 è descritto come disturbo depressivo maggiore ad andamento ricorrente».

Le manifestazioni

I sintomi variano a seconda che il disturbo si presenti nella stagione fredda o in quella calda. «Chi soffre del disturbo affettivo stagionale d’inverno – aggiunge Scaduto – può sentirsi triste, irritabile, stanco, letargico. Generalmente non si ha voglia di alzarsi dal letto, concentrazione ed energia scarseggiano, si evitano i momenti di socialità. I sintomi estivi, invece, si manifestano tipicamente con perdita di peso, insonnia, irrequietezza, ansia e agitazione. Il disturbo affettivo stagionale può variare, per la gravità dei sintomi, da una forma più leggera ad una severa».

I soggetti più colpiti

«Il disturbo affettivo stagionale colpisce circa il 2-3% della popolazione dell’Europa Centrale di un’età media compresa tra i 20 e i 40 anni, manifestandosi maggiormente tra il genere femminile – dice la psicoterapeuta -. Diversi studi hanno dimostrato che questo disturbo è spesso correlato ad ansia e depressione».

La sensibilità non è un disturbo

«Il disturbo affettivo stagionale può essere risolto solo attraverso percorsi terapeutici specifici ed individuali, che integrino psichiatria e psicoterapia. Tuttavia – aggiunge la psicoterapeuta – esistono soggetti che pur essendo molto suscettibili al cambiamento delle stagioni, non presentano un vero e proprio disturbo di tipo psicologico. In questi casi si tratta di una sensibilità non classificabile attraverso criteri diagnostici. Risentire in maniera lieve dei mutamenti climatici può essere del tutto normale: basti pensare che i raggi solari stimolano la produzione di melatonina, un ormone che influenza positivamente l’umore».

Lo studio

L’associazione tra tempo buono e umore migliore è stata recentemente confermata anche da uno studio condotto dai ricercatori della Leuphana University Lüneburg, pubblicato sulla rivista Applied Psychology (Rain, Rain Go Away! A Diary Study on Morning Weather and Affective Well‐Being at Work – Venz – – Applied Psychology – Wiley Online Library). Dai dati raccolti tra un gruppo di dipendenti tedeschi è emerso che migliore era il tempo al mattino, più i lavoratori si sentivano stimolati e appagati del loro lavoro. Al contrario, quando il tempo era brutto, si sentivano più stanchi e insoddisfatti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Ridi con me o di me?». Quegli adolescenti Asperger che sono vittime di bullismo, ma non lo sanno
Oggi è la Giornata mondiale della sindrome di Asperger. Lo psicoterapeuta: «Il 46% dei ragazzi autistici è vittima di bullismo, una percentuale che cresce in modo esponenziale tra i giovani Asperger, “presi in giro” dai compagni per i loro comportamenti insoliti nel 94% dei casi. Sette su 10 subiscono violenze fisiche»
di Isabella Faggiano
Che cos’è il Fantamorto e perché attrae così tanti concorrenti. Le risposte dello psicoterapeuta
Il presidente dell’Osservatorio violenza e suicidio Callipo: «Tra i più giovani, questi giochi possono trasformarsi in mezzi di autogratificazione o autoaffermazione all’interno del gruppo dei pari»
di Isabella Faggiano
Deficit di attenzione, in America sbarca la videogioco-terapia
L’hi-tech in Italia, Civitillo (psicoterapeuta): «C’è un trend di grande apertura verso l’utilizzo di dispositivi multimediali pensati per lavorare con persone con deficit di attenzione e iperattività. Circolano software utilizzati per trattare i problemi legati all’apprendimento, altri che hanno lo scopo di favorire forme di socializzazione»
di Isabella Faggiano
Didattica a distanza, la psicoterapeuta: «Servono modalità di insegnamento innovative»
Intervista alla dottoressa Maria Cristina Gori, neurologa e psicoterapeuta, docente del corso ECM “Imparare dal Covid-19: le conseguenze psicologiche da isolamento e didattica a distanza”
L’OMS lancia un’indagine in 26 Paesi europei per valutare le conseguenze del Covid sulla psiche
De Girolamo (IRCCS Fatebenefratelli): «Questionario online per 10000 cittadini tra i 18 e i 70 anni per conoscere ripercussione che avrà il virus su sfera economica, percezione della malattia attraverso l’informazione e ruolo del vaccino»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...