Salute 11 Febbraio 2020 11:07

Spina bifida, feto operato in utero. Il primato europeo della clinica Mangiagalli di Milano

Il chirurgo fetale Nicola Persico: «Tecnica endoscopica appresa in Brasile che prevede riparazione del difetto del canale vertebrale in sede con meno rischi per il feto e la madre»

di Federica Bosco
Spina bifida, feto operato in utero. Il primato europeo della clinica Mangiagalli di Milano

Sono sei i bambini fino ad oggi operati alla spina bifida alla clinica Mangiagalli del Policlinico di Milano con una tecnica endoscopica prima in Europa, e tra le poche al mondo, che permette di operare all’interno dell’utero materno tra le 24 e le 28 settimane il feto che presenti la chiusura incompleta di una o più vertebre. Una tecnica che il professor Nicola Persico e la sua equipe di chirurgia fetale hanno appreso in Brasile dalla professoressa Denise Lapa Pedreira e portato in Italia  per la prima volta nel giugno 2018.

Professor Persico, in che cosa consiste questa nuova tecnica?

«Invece di aprire l’utero della madre con una classica incisione, per poi esporre il difetto vertebrale del bambino a cielo aperto e chiudere il difetto in maniera classica, questa tecnica prevede un accesso all’interno dell’utero con strumenti di piccoli millimetri, come si fa in genere per la laparoscopia, quindi stiamo parlando di una tecnica endoscopica».

LEGGI ANCHE: A MODENA UNA NUOVA SCUOLA DI CHIRURGIA. IL RETTORE PELLACANI (UNIMORE): «INSEGNEREMO NUOVE TECNICHE»

Perché è stata fatta questa scelta?

«Il motivo per cui abbiamo deciso di sposare questo tipo di approccio è per ridurre il più possibile il rischio della procedura soprattutto sul versante materno perché esistono ormai dei dati abbastanza chiari che parlano di problemi importanti in successive gravidanze dopo aver fatto un’operazione classica di apertura a cielo aperto dell’utero per curare la spina bifida. In pratica questa tecnica prevede una riparazione del difetto facendo un lavoro di liberazione dei nervi dalla pelle circostante, a livello della schiena. Si utilizza un materiale, che è una specie di piccola toppa di biocellulosa, che serve a ricreare la chiusura del canale vertebrale, quindi viene ricreata una delle meningi per evitare perdita e sgocciolamento di liquor e poi una sutura chiude il difetto. È un intervento in anestesia generale materna che permette anche di addormentare il feto, perché il bambino deve essere immobile, quindi prevede lo svuotamento della cavità dal liquido amniotico per gonfiare la cavità con il CO2, che è il gas che viene utilizzato anche per le laparoscopie e poi, lavorando in questi spazi stretti, si crea la chiusura del difetto».

LEGGI ANCHE: GRAVIDANZA, FNOPO: «VACCINAZIONI CONTRO L’INFLUENZA E ACIDO FOLICO FONDAMENTALI PER SALUTE DELLE DONNE E DEI NASCITURI»

Che aspettative di vita ha il bambino operato con questa tecnica?

«I dati ci dicono che questa tecnica endoscopica dà beneficio soprattutto nella deambulazione, quindi l’obiettivo è  vedere camminare questi bambini in maniera autonoma e di avere anche una continenza urinaria».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Voglie e nausee in gravidanza? «La risposta non è negli ormoni ma nella psiche»
Colacurci (SIGO – Università Vanvitelli): «Per gestire al meglio questi disturbi puntare su maggior accudimento della gravida e supporto emotivo/psicologico, soprattutto nel post parto»
Lo smog provoca danni non solo ai polmoni e al cuore, anche al cervello
Lo studio DeprAir coordinato da Michele Carugno ha evidenziato come la qualità dell’aria possa influenzare negativamente la salute mentale fino a comportare cambiamenti biologici nell’organismo tale da aumentare la vulnerabilità e sviluppare sintomi depressivi
Trenta ore di viaggio con uno scompenso cardiaco, per un profugo ucraino la salvezza arriva a Treviso
Il sessantunenne giunto a Montebelluna in gravi condizioni, è stato subito trasferito al centro di cardiochirurgia diretto dal dottor Giuseppe Minniti che ha eseguito la sostituzione della valvola aortica con una bio protesi
Nuovo trattamento distrugge i calcoli renali con le onde sonore, addio dolore e bisturi
Un nuovo trattamento chiamato litotrissia a onde esplosive distrugge i calcoli renali
Sondaggio CIMO-FESMED: 75% delle mediche in maternità non viene sostituita a lavoro. Quici: «Sia obbligatorio»
Le testimonianze: «Mi è stato rinfacciato più volte di aver scelto di essere madre oltre che chirurgo». «La carenza cronica di personale ha aggravato un ambiente già culturalmente deviato». «Ad oggi quello del medico rimane un mestiere per uomini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 524.674.670 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.281.271 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...