Salute 11 Febbraio 2020 11:07

Spina bifida, feto operato in utero. Il primato europeo della clinica Mangiagalli di Milano

Il chirurgo fetale Nicola Persico: «Tecnica endoscopica appresa in Brasile che prevede riparazione del difetto del canale vertebrale in sede con meno rischi per il feto e la madre»

di Federica Bosco
Spina bifida, feto operato in utero. Il primato europeo della clinica Mangiagalli di Milano

Sono sei i bambini fino ad oggi operati alla spina bifida alla clinica Mangiagalli del Policlinico di Milano con una tecnica endoscopica prima in Europa, e tra le poche al mondo, che permette di operare all’interno dell’utero materno tra le 24 e le 28 settimane il feto che presenti la chiusura incompleta di una o più vertebre. Una tecnica che il professor Nicola Persico e la sua equipe di chirurgia fetale hanno appreso in Brasile dalla professoressa Denise Lapa Pedreira e portato in Italia  per la prima volta nel giugno 2018.

Professor Persico, in che cosa consiste questa nuova tecnica?

«Invece di aprire l’utero della madre con una classica incisione, per poi esporre il difetto vertebrale del bambino a cielo aperto e chiudere il difetto in maniera classica, questa tecnica prevede un accesso all’interno dell’utero con strumenti di piccoli millimetri, come si fa in genere per la laparoscopia, quindi stiamo parlando di una tecnica endoscopica».

LEGGI ANCHE: A MODENA UNA NUOVA SCUOLA DI CHIRURGIA. IL RETTORE PELLACANI (UNIMORE): «INSEGNEREMO NUOVE TECNICHE»

Perché è stata fatta questa scelta?

«Il motivo per cui abbiamo deciso di sposare questo tipo di approccio è per ridurre il più possibile il rischio della procedura soprattutto sul versante materno perché esistono ormai dei dati abbastanza chiari che parlano di problemi importanti in successive gravidanze dopo aver fatto un’operazione classica di apertura a cielo aperto dell’utero per curare la spina bifida. In pratica questa tecnica prevede una riparazione del difetto facendo un lavoro di liberazione dei nervi dalla pelle circostante, a livello della schiena. Si utilizza un materiale, che è una specie di piccola toppa di biocellulosa, che serve a ricreare la chiusura del canale vertebrale, quindi viene ricreata una delle meningi per evitare perdita e sgocciolamento di liquor e poi una sutura chiude il difetto. È un intervento in anestesia generale materna che permette anche di addormentare il feto, perché il bambino deve essere immobile, quindi prevede lo svuotamento della cavità dal liquido amniotico per gonfiare la cavità con il CO2, che è il gas che viene utilizzato anche per le laparoscopie e poi, lavorando in questi spazi stretti, si crea la chiusura del difetto».

LEGGI ANCHE: GRAVIDANZA, FNOPO: «VACCINAZIONI CONTRO L’INFLUENZA E ACIDO FOLICO FONDAMENTALI PER SALUTE DELLE DONNE E DEI NASCITURI»

Che aspettative di vita ha il bambino operato con questa tecnica?

«I dati ci dicono che questa tecnica endoscopica dà beneficio soprattutto nella deambulazione, quindi l’obiettivo è  vedere camminare questi bambini in maniera autonoma e di avere anche una continenza urinaria».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Medicina e chirurgia estetica, è boom di richieste in vista dell’estate
D’Andrea (SICPRE): «In forte aumento gli interventi al viso, in particolare le zone scoperte dalla mascherina. Ma non dimentichiamo i percorsi di chirurgia ricostruttiva, fondamentali nella presa in carico dei tumori al seno»
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
Interventi chirurgici nel post-Covid, studio internazionale rivela aumento di mortalità
Lo specialista nel team di ricerca: «Meglio aspettare sette settimane dopo la guarigione, quando possibile. Altrimenti, valutare attentamente rapporto rischio-beneficio, informando il paziente»
Nel mondo è boom di gemelli, mai così tanti negli ultimi 40 anni. Guglielmino (SIRU): «In Italia numeri destinati a calare»
Il presidente della Società italiana riproduzione umana: «Diffusione delle tecniche di PMA e aumento dell’età media delle donne al primo figlio tra le principali motivazioni dell’incremento di gravidanze gemellari»
di Isabella Faggiano
Dottor Libro sostiene la scrittrice e bookstagrammer Sara nella lotta alla spina bifida
La rassegna letteraria dei nosocomi romani ha aperto una raccolta fondi sulla piattaforma Gofundme per aiutare la bookstagrammer e scrittrice Angela Sara Ciafardoni a sostenere le spese della sua malattia. La raccolta terminerà giovedì 8 aprile in concomitanza con la presentazione del suo libro “Con tutto l'amore che so” in diretta presso l’Ospedale Israelitico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 160.469.865 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.331.823 i decessi. Ad oggi, oltre 1,35 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...