Salute 4 novembre 2014

Spesa sanitaria, aumenta il gap tra Italia e Paesi Ue

Secondo il decimo “Rapporto Sanità” di Tor Vergata firmato da CREA-Sanità spendiamo il 25% in meno rispetto alla media dell’Eurozona

Immagine articolo

In Italia si spende troppo per la sanità? Nient’affatto. La quantità di soldi pubblici che il nostro Paese eroga per far girare l’intero SSN è molto inferiore rispetto alla media degli altri membri della Ue.

Questo è il dato che emerge dal  decimo “Rapporto Sanità” dell’Università Tor Vergata di Roma. Il documento, elaborato dai ricercatori del Consorzio per la Ricerca Economica Applicata in Sanità (CREA-Sanità) e presentato nei giorni scorsi alla Camera dei Deputati, contiene dati molto interessanti. Come quello che riguarda il gap esistente tra la spesa sanitaria pro-capite italiana e quella del resto dei Paesi dell’Eurozona che continua ad allargarsi velocemente: dal 2002 al 2012 è infatti aumentato del 5,7%, toccando il -25,2%. Dato che aumenta se facciamo riferimento alla spesa relativa agli over 65, nel nostro Paese inferiore rispetto alla media europea del 34,9%.

Disparità esistono anche all’interno del territorio nazionale: le regioni del nord registrano una differenza di spesa sanitaria rispetto ai Paesi dell’EU 15 (ovvero quelli che sono entrati per primi nell’Eurozona) del -20,1%, mentre il dato relativo a quelle del sud raggiunge il -33,3%. Numeri che si fanno ancora più significativi se si calcola che per le Regioni settentrionali la differenza di Pil con gli altri 15 Paesi è del 4%, mentre il gap tra questi e il nostro Mezzogiorno raggiunge i -42,1%.

Le differenze tra Regioni non si fermano qui. Le variazioni di spesa pro-capite tra quelle settentrionali e quelle meridionali restano molto significative: per fare un esempio, tra Valle d’Aosta e Campania il differenziale di spesa è di 3.169 euro per cittadino nel primo caso e di 2.061 nel secondo. La percentuale totale del gap raggiunge, in questo modo, il 53,8%. Un dato che non cambia molto se si elimina l’effetto demografico: tra le due regioni la differenza si assottiglia solo un po’ scendendo al 48,3%.

Articoli correlati
Sanità in Italia, presentato rapporto TDM-Cittadinanzattiva: «Troppe diseguaglianze, serve confronto su ‘autonomia differenziata’»
Tonino Aceti, Coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva, avverte: «Si stanno liquidando i principi di solidarietà, equità e unitarietà del nostro Ssn. Siamo preoccupati e chiediamo al Ministro Grillo l’immediata costituzione di un tavolo di confronto sulle proposte di autonomia differenziata, prima che il Consiglio dei Ministri le approvi»
G20 Health Mar del Plata, Antimicrobicoresistenza e obesità infantile al centro dell’intervento dell’Italia
Si è svolto a Mar del Plata, Argentina il 3 e 4 ottobre 2018, il G20 Health 2018 con la partecipazione di Ministri ed altri rappresentanti da tutti i Paesi che ne fanno parte, oltre che delle principali organizzazioni internazionali che operano nel settore della salute a livello internazionale (Commissione Europea, Who, Fao, Oie, Ocse, […]
FIMMG, Scotti fa bilancio del Congresso: «Dignità per MMG. Formazione sia centralizzata. Leghiamo redditività medici a salute pazienti»
Il segretario della Federazione dei medici di Famiglia continua a invocare risorse per il settore «o i cittadini rischiano di dover pagare servizio sanitario». Rapporto tra spesa sanitaria e Pil «non scenda sotto il 6,5% come dice l’OMS»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Il 22 e 23 settembre l’ottava edizione di “Venezia in Salute”. 31 gazebo in piazza per difendere il SSN
Una grande festa per ribadire che, a 40 anni dalla sua nascita, il Servizio Sanitario Nazionale è un tesoro, un’esperienza da difendere e, se possibile, da rafforzare. Questo sarà l’edizione 2018 di Venezia in Salute, la manifestazione in programma il 22 e il 23 settembre tra laguna e terraferma, organizzata dall’Ordine veneziano dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (OMCeO) e dal […]
Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»
Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle pensioni d’oro: l’intervista a tutto tondo al segretario nazionale di Anaao Assomed
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...