Salute 4 Novembre 2014

Spesa sanitaria, aumenta il gap tra Italia e Paesi Ue

Secondo il decimo “Rapporto Sanità” di Tor Vergata firmato da CREA-Sanità spendiamo il 25% in meno rispetto alla media dell’Eurozona

Immagine articolo

In Italia si spende troppo per la sanità? Nient’affatto. La quantità di soldi pubblici che il nostro Paese eroga per far girare l’intero SSN è molto inferiore rispetto alla media degli altri membri della Ue.

Questo è il dato che emerge dal  decimo “Rapporto Sanità” dell’Università Tor Vergata di Roma. Il documento, elaborato dai ricercatori del Consorzio per la Ricerca Economica Applicata in Sanità (CREA-Sanità) e presentato nei giorni scorsi alla Camera dei Deputati, contiene dati molto interessanti. Come quello che riguarda il gap esistente tra la spesa sanitaria pro-capite italiana e quella del resto dei Paesi dell’Eurozona che continua ad allargarsi velocemente: dal 2002 al 2012 è infatti aumentato del 5,7%, toccando il -25,2%. Dato che aumenta se facciamo riferimento alla spesa relativa agli over 65, nel nostro Paese inferiore rispetto alla media europea del 34,9%.

Disparità esistono anche all’interno del territorio nazionale: le regioni del nord registrano una differenza di spesa sanitaria rispetto ai Paesi dell’EU 15 (ovvero quelli che sono entrati per primi nell’Eurozona) del -20,1%, mentre il dato relativo a quelle del sud raggiunge il -33,3%. Numeri che si fanno ancora più significativi se si calcola che per le Regioni settentrionali la differenza di Pil con gli altri 15 Paesi è del 4%, mentre il gap tra questi e il nostro Mezzogiorno raggiunge i -42,1%.

Le differenze tra Regioni non si fermano qui. Le variazioni di spesa pro-capite tra quelle settentrionali e quelle meridionali restano molto significative: per fare un esempio, tra Valle d’Aosta e Campania il differenziale di spesa è di 3.169 euro per cittadino nel primo caso e di 2.061 nel secondo. La percentuale totale del gap raggiunge, in questo modo, il 53,8%. Un dato che non cambia molto se si elimina l’effetto demografico: tra le due regioni la differenza si assottiglia solo un po’ scendendo al 48,3%.

Articoli correlati
Giuramento d’Ippocrate per 600 medici, Magi (OMCeO Roma): «Un faro per il cammino lavorativo con la speranza che restino qui in Italia»
Centinaia di neoiscritti si sono riuniti per la cerimonia del Giuramento di Ippocrate organizzata dall’OMCeO Roma. Un momento di festa, con famiglie e amici, per sottolineare l’appartenenza alla categoria e stimolare la consapevolezza della responsabilità sociale che ne deriva. Anelli (FNOMCeO): «Auguro ai colleghi di guidare il processo di risanamento etico di questo paese»
Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»
Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la malpractice facendo giustizia di questi numeri impossibili»
Sanità, Aifi festeggia 60 anni e guarda al futuro
L’AIFI, l’Associazione italiana fisioterapisti, compie 60 anni e ripercorre le tappe che l’hanno portata a rappresentare la categoria, a tutelare professionisti e cittadini e a proiettarsi verso i nuovi bisogni di salute della popolazione contribuendo alla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale. Oltretutto cambiando ancora ‘pelle’ a seguito della legge 24 del 2017 (legge Gelli) per […]
ECM, l’annuncio del ministro Grillo: «Nuovo sistema di incentivi e premialità per la formazione dei professionisti sanitari»
Si è insediata al ministero la nuova Commissione nazionale per la formazione presieduta dal ministro della Salute, che ha commentato: «Da oggi cambio di rotta per il bene del nostro SSN: superare l’attuale sistema sanzionatorio e punitivo»
Contenzioso medico-legale, un costo enorme per ospedali e Asl. La spesa più alta nel meridione
Una spesa di 190 milioni di euro nel 2018 per il SSN derivante dalle cause di contenziosi in sanità. Le strutture sanitarie meridionali le più colpite con il 63% delle spese legali complessive. È quanto emerge dall’indagine di Demoskopika sulle performance delle regioni italiane in sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...