Salute 4 Novembre 2014

Spesa sanitaria, aumenta il gap tra Italia e Paesi Ue

Secondo il decimo “Rapporto Sanità” di Tor Vergata firmato da CREA-Sanità spendiamo il 25% in meno rispetto alla media dell’Eurozona

Immagine articolo

In Italia si spende troppo per la sanità? Nient’affatto. La quantità di soldi pubblici che il nostro Paese eroga per far girare l’intero SSN è molto inferiore rispetto alla media degli altri membri della Ue.

Questo è il dato che emerge dal  decimo “Rapporto Sanità” dell’Università Tor Vergata di Roma. Il documento, elaborato dai ricercatori del Consorzio per la Ricerca Economica Applicata in Sanità (CREA-Sanità) e presentato nei giorni scorsi alla Camera dei Deputati, contiene dati molto interessanti. Come quello che riguarda il gap esistente tra la spesa sanitaria pro-capite italiana e quella del resto dei Paesi dell’Eurozona che continua ad allargarsi velocemente: dal 2002 al 2012 è infatti aumentato del 5,7%, toccando il -25,2%. Dato che aumenta se facciamo riferimento alla spesa relativa agli over 65, nel nostro Paese inferiore rispetto alla media europea del 34,9%.

Disparità esistono anche all’interno del territorio nazionale: le regioni del nord registrano una differenza di spesa sanitaria rispetto ai Paesi dell’EU 15 (ovvero quelli che sono entrati per primi nell’Eurozona) del -20,1%, mentre il dato relativo a quelle del sud raggiunge il -33,3%. Numeri che si fanno ancora più significativi se si calcola che per le Regioni settentrionali la differenza di Pil con gli altri 15 Paesi è del 4%, mentre il gap tra questi e il nostro Mezzogiorno raggiunge i -42,1%.

Le differenze tra Regioni non si fermano qui. Le variazioni di spesa pro-capite tra quelle settentrionali e quelle meridionali restano molto significative: per fare un esempio, tra Valle d’Aosta e Campania il differenziale di spesa è di 3.169 euro per cittadino nel primo caso e di 2.061 nel secondo. La percentuale totale del gap raggiunge, in questo modo, il 53,8%. Un dato che non cambia molto se si elimina l’effetto demografico: tra le due regioni la differenza si assottiglia solo un po’ scendendo al 48,3%.

Articoli correlati
Servizio Sanitario Nazionale: la FNOMCeO apre il Cantiere per le riforme
«Un cantiere per ricostruire il nostro SSN lasciandone intatte le fondamenta: i principi cardine di universalità, uguaglianza ed equità – spiega il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli - una fucina di idee nella quale prenderanno forma proposte concrete su cui puntare, investendo risorse»
«Un unico modello virtuoso per tutte le Regioni». La ricetta del viceministro Sileri per il SSN
«Se c’è un modello di cardiologia, di chirurgia o di governance che funziona, quel modello va copiato e trasmesso in tutta Italia. Così supereremo le diseguaglianze»
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza
Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»
di Federica Bosco
«Il nostro SSN è il migliore, ma non lo sarà per sempre». Un libro spiega il perché
Scritto dal direttore generale della Programmazione sanitaria del ministero della Salute, Andrea Urbani, il libro si propone di fare chiarezza sui limiti dell'attuale governance e sulle sfide future
«Buon compleanno al Servizio sanitario». Speranza fa gli auguri e ricorda: «Da oggi abolizione superticket è Legge»
Nato con la Legge 833 del 23 dicembre 1978, il Servizio sanitario nazionale arriva al suo 41° anniversario con nuove riforme del settore. Il Ministro: «Oggi diventano Legge l'abolizione del superticket, l'aumento del Fondo sanitario nazionale e le misure destinate ad assumere personale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...