Salute 30 Settembre 2021 15:57

Speranza: «Italia in ripartenza, ben oltre 80% vaccinati con prima dose»

Il numero delle vaccinazioni e la ripresa economica del Paese legati a filo doppio secondo il Ministro Speranza, che ora invita all’ultimo sforzo nel superare l’80% anche per le seconde dosi: «Una delle scoperte più straordinarie della storia dell’umanità»

Speranza: «Italia in ripartenza, ben oltre 80% vaccinati con prima dose»

Una «ripartenza», l’ha chiamata così il Ministro della Salute Roberto Speranza quella che l’Italia sta vivendo dopo quasi due anni di pandemia. Ripresa confermata anche dall’approvazione della nota di aggiornamento al Def, che incornicia il +6% del 2021. «Un Paese che ancora vuole investire sulla campagna di vaccinazione ma che riparte. E la precondizione della ripartenza è la vittoria di questa battaglia sanitaria. Quindi rendere più forte il nostro Ssn è la premessa per il rilancio». Speranza lo dice dal palco dell’undicesima edizione di “Frecciarosa“, progetto di prevenzione del tumore al seno, promosso da IncontraDonna con il Gruppo Fs italiane.

«La ripartenza dell’Italia – ha precisato – deve avere come prima mattonella il rafforzamento del Servizio sanitario nazionale. E non basta che di questo si occupi solo una parte del Paese. Abbiamo bisogno di un messaggio olistico, universale, in cui la salute delle persone sia un obiettivo di tutto il sistema Paese. E, nel piccolo, l’iniziativa di oggi ci offre un modello positivo: c’è l’impresa, ci sono le professioni, la nostra comunità scientifica, ci sono le organizzazioni, le istituzioni, il Governo, i territori. La battaglia per la salute deve essere la battaglia di tutti».

Cts si esprimerà su nuove aperture

Speranza ha poi specificato che il prossimo Consiglio dei Ministri, previsto per la settimana entrante, sarà dedicato alle nuove riaperture e alle capienze dei locali, facendo accenno anche alla questione discoteche. «I numeri della campagna vaccinale – aggiunge – sono numeri molto molto positivi, ma dobbiamo ancora insistere. C’è ancora un pezzo di Paese che non è vaccinato e io credo che la campagna che l’Ordine dei Medici ha voluto proporre, e che ha chiaramente il patrocinio del Ministero della Salute, è una campagna che va nella direzione giusta».

Vaccini, manca un pezzo di Paese

L’Italia si avvicina al record predisposto dal generale Francesco Paolo Figliuolo, l’80% di popolazione che ha completato il ciclo vaccinale. I vaccini, ha detto Speranza, sono «una delle più straordinarie scoperte della storia dell’umanità, della storia della medicina, e ci hanno consentito di combattere e di dimenticare delle malattie capaci di flagellare davvero la nostra comunità mondiale». Il Ministro ha proseguito il suo tour di incontri intervenendo alla presentazione della campagna “Il vaccino ti salva la vita” della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici (FNOMCeO).

«Non dobbiamo confondere un albero che cade con la foresta che cresce, e la foresta che cresce – è la metafora usata da Speranza – è l’80% delle persone che ha già completato il ciclo vaccinale. E se stiamo alle prime dosi, siamo già ampiamente oltre l’80%». «A livello mondiale – ha concluso – abbiamo superato largamente 5 miliardi di dosi somministrate, andiamo verso 6 miliardi di dosi e da ogni angolo del mondo l’evidenza scientifica è chiarissima: un’evidenza scientifica che ci dice che i vaccini sono efficaci e sicuri, i vaccini limitano il contagio, riducono drasticamente le ospedalizzazioni e i decessi e quindi dobbiamo insistere se vogliamo chiudere questo tempo così duro».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La “Questione Medica”, Speranza e Fedriga all’ascolto di ordini e sindacati
L'evento Fnomceo ha visto la presenza di tutte le sigle sindacali, federazioni, Enpam e società scientifiche. Sono 20 i punti esposti da risolvere con urgenza per tornare a permettere al personale medico di amare la propria professione. La soluzione di Speranza vede un approccio straordinario verso gli specializzandi
Speranza su quarta dose: «Ue assuma posizione unitaria su tempi e fasce d’età»
Il ministro Speranza, intervenendo al Consiglio dei ministri europei della Salute, si rivolge all’UE: «Fare in tempi stretti una proposta su quarta dose basata esclusivamente sull'evidenza scientifica»
Si è insediato il nuovo Consiglio Superiore di Sanità
Il ministro della Salute Roberto Speranza ha accolto il nuovo Consiglio con delle foto su Facebook e un messaggio di incoraggiamento. Franco Locatelli è stato scelto come presidente
Congresso FNOPI, Speranza: «Gli infermieri fulcro di case e ospedali di comunità»
A Roma l’ultima tappa del 2021 del secondo Congresso FNOPI. La presidente Mangiacavalli sugli obiettivi della sanità del futuro: «Integrazione multiprofessionale, recupero di prestazioni e interventi “persi” in pandemia, aumento del personale infermieristico»
Cittadini (Aiop): «Al SSN serve una nuova programmazione sanitaria, valorizzare ruolo componente privata»
Incontro sul PNRR per fare il punto sui fondi europei e sulle politiche nazionali dedicate alla salute. Nel corso dei lavori è stata presentata una ricerca dell’Università Bocconi sul “ruolo della componente di diritto privato del SSN per l'implementazione di Next Generation EU
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...