Salute 29 Marzo 2018

Specialisti ambulatoriali rinnovano Acn. Magi (Sumai): «Riconosciuto ruolo importante negli obiettivi prioritari di politica sanitaria nazionale»

Saranno coinvolti nel piano nazionale cronicità, nel piano vaccinale, l’accesso improprio ai PS, il governo delle liste d’attesa. Soddisfazione da parte del segretario del sindacato maggiormente rappresentativo della categoria  

Immagine articolo

Dopo i pediatri, anche gli specialisti ambulatoriali hanno rinnovato l’Acn, l’Accordo Collettivo Nazionale. Un accordo importante che riconosce agli specialisti un ruolo nella realizzazione degli obiettivi prioritari di politica sanitaria nazionale quali il piano nazionale cronicità, il piano vaccinale, l’accesso improprio ai PS, il governo delle liste d’attesa e l’appropriatezza. Quattro i sindacati firmatari: Sumai, Uil Fpl, Cisl medici, FeSPA. 

Per la cronicità gli Accordi integrativi regionali (Air) dovranno prevedere l’attiva partecipazione dei medici specialisti ambulatoriali interni nella presa in carico delle persone affette da patologie croniche per rendere più efficaci ed efficienti i servizi sanitari in termini di prevenzione e assistenza. Stesso discorso per quanto riguarda il Piano nazionale prevenzione vaccinale dove le Regioni dovranno prevedere l’inserimento della vaccinazione e delle relative attività collegate tra i compiti previsti per i medici specialisti ambulatoriali interni. Per il contrasto agli accessi impropri al Pronto soccorso gli Air prevedono l’integrazione nelle reti territoriali dei medici specialisti ambulatoriali interni per garantire la continuità assistenziale ed evitare che i pazienti si rechino nei PS per prestazioni non urgenti. Infine sulle liste d’attesa e appropriatezza l’Acn prevede la partecipazione degli specialisti ai percorsi regionali di prescrizione, prenotazione, erogazione e monitoraggio delle prestazioni.

Con l’Accordo vengono inoltre definite le modalità di erogazione delle risorse relative agli anni 2010-2015, pari alla indennità di vacanza contrattuale già corrisposta ai dipendenti del Servizio sanitario nazionale, nonché gli arretrati derivanti dagli incrementi previsti per gli anni 2016-17 legati alla partecipazione per la realizzazione degli obiettivi prioritari di politica sanitaria nazionale indicati. Entro l’anno, si sottolinea nel documento, sarà poi conclusa la contrattazione del triennio 2016-18, economico e normativo.

ACN SPECIALISTI AMBULATORIALI: TESTO DELL’ACCORDO E LE TABELLE DEGLI ARRETRATI

«Il nuovo Accordo collettivo nazionale che disciplina i rapporti con gli specialisti ambulatoriali, veterinari ed altre professionalità sanitarie (biologi, psicologi e chimici) ci soddisfa sia sotto l’aspetto economico, in quanto rispetto al pre-accordo le cifre sono cambiate, sia sotto l’aspetto normativo, in quanto riconosce il nostro ruolo nella realizzazione degli obiettivi prioritari di politica sanitaria nazionale», afferma Antonio Magi, segretario generale SUMAI Assoprof, il sindacato maggiormente rappresentativo della categoria.

Segretario Magi, perché è importante questo accordo?

«Siamo molto soddisfatti in quanto la specialistica dal nuovo accordo esce rafforzata nell’ambito di quelle che sono le proprie peculiarità. Viene specificato nell’accordo l’importanza e la centralità della specialistica ambulatoriale per quanto riguarda la gestione delle patologie croniche; per quanto riguarda invece l’invio al Pronto soccorso in maniera impropria, potenziare la specialistica significa sfoltire appunto le lista d’attesa e quindi evitare l’assurdità che siano proprio i pazienti più deboli e più bisognosi ad essere costretti ad andare al Pronto soccorso. Poi il fatto delle vaccinazioni, la possibilità anche nostra di integrarci in tutte le tipologie di vaccinazioni in età pediatrica e in età adulta. Per cui la specialistica viene utilizzata dalle aziende nel miglior modo possibile in quanto poi tra le altre cose noi siamo quelli che operano già all’interno delle strutture. Molto importante poi, da un punto di vista economico, il tema degli arretrati».

L’investimento economico sugli arretrati lo considerate sufficiente?

«La parte economica non è un grande investimento considerando gli otto anni di blocco. Però è un ristoro almeno di quella che è stata la perdita economica in questi anni. L’altro discorso importante è che il rinnovo contrattuale della specialistica ambulatoriale vale circa 30 milioni di incremento che però, se rapportati ai 114 miliardi del fondo sanitario, fa capire quanto tutta la parte medica non venga considerata in maniera importante. Le convenzioni ad esempio in totale valgono 250 milioni di euro e parlo della medicina generale, della specialistica e della pediatria. In rapporto ai 114 miliardi è poco. Ma sarebbe importante investire di più sulle persone che poi sono quelle che fanno la sanità».

Pensa che il rinnovo di queste convenzioni possa aiutare anche il rinnovo del contratto della dirigenza medica?

«Assolutamente sì, ma anche il contrario. Diciamo che sono strettamente legate».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Governo, Magi (Omceo Roma): «Bene l’attenzione di Conte sulla sanità, ma serve lo sblocco del turnover»
Intervistato in occasione della fiducia in Senato, il presidente Omceo Roma, Antonio Magi commenta positivamente i programmi per la sanità esposti dal premier Conte e dal ministro della Salute, Roberto Speranza. Critico sull'utilizzo nei non specializzati in corsia, l'appello: «Non abbassare mai la qualità della professione»
Salute, le reazioni del mondo della sanità alle nomine di Sileri e Zampa
Le nomine sono arrivate al termine di un Consiglio dei Ministri lampo, dopo però una settimana di intense trattative. Immediate le reazioni del mondo medico tra cui FNOMCeO, Federfarma e SUMAI
Cronicità, Magi (Sumai): «In Italia 24 milioni di malati cronici ma siamo in forte ritardo»
di Antonio Magi, Segretario Nazionale Sumai e presidente Ordine dei Medici di Roma
Contratto medici, la politica plaude all’intesa. Grillo: «Ora avanti insieme per SSN». Bonaccini: «Miglior accordo possibile»
La firma della preintesa all’ARAN è stata salutata con soddisfazione anche dal Ministro della Pubblica Amministrazione Bongiorno: «Prevede aumenti in linea con il tasso di inflazione e mette ordine nella disciplina del rapporto di lavoro». L’assessore Venturi: «Favorisce lo sviluppo professionale aumentando le opportunità di carriera»
Ipertensione, studio Senior Italia – FederAnziani: «Semplificare terapia favorisce aderenza terapeutica e controllo pressione»
Passando dal caso di chi usa un solo farmaco antipertensivo al caso di chi invece utilizza tre farmaci antipertensivi, l’aderenza quasi si dimezza crollando dal 68% al 40%.Dallo studio prende le mosse la campagna di sensibilizzazione “Monitoro la mia pressione” sull’importanza del controllo pressorio nella popolazione over 65
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali