Salute 28 Marzo 2018

Sanità, Pediatri firmano Accordo collettivo. Biasci (Fimp): «In media 800-900 euro in più»

Il testo prevede un ruolo più attivo dei professionisti nell’assistenza dei pazienti cronici e facilitazioni per l’ingresso di giovani pediatri nella professione. Ora tocca alle regioni sviluppare gli obiettivi prioritari

Immagine articolo

Maggiore partecipazione dei pediatri al sistema di vaccinazione, un ruolo più attivo nell’assistenza dei pazienti cronici e facilitazioni per l’ingresso di giovani pediatri nella professione. Sono questi i punti cardine dell’accordo per il rinnovo dell’Accordo collettivo nazionale (Acn) tra la Federazione italiana medici pediatri (Fimp) e la Struttura interregionale sanitari convenzionati (Sisac).

La firma era attesa da tempo, ed è arrivata in questi giorni nella sede romana della Sisac. «È un momento atteso da anni – afferma Paolo Biasci, presidente nazionale Fimp – Siamo soddisfatti di aver firmato un accordo per tutti i pediatri di famiglia italiani che permette finalmente recuperi economici per la nostra categoria fin dal 2010. Inoltre si sono fatti importanti passi avanti per l’inserimento dei giovani pediatri attraverso nuove norme che facilitano l’entrata nel mondo del lavoro».

Previsto il recupero della vacatio contrattuale fino al 2010, risorse che per i medici dipendenti del Ssn sono automatiche alla scadenza del contratto mentre per quelli convenzionati no. «Non è possibile quantificarle in generale – afferma Biasci – ma sono calcolate dalle aziende in base a una serie di parametri, come il numero di pazienti, per ogni singolo medico. In media però questo si traduce per un medico con 1000 assistiti un recupero che varia dagli 800 ai 900 euro l’anno». Previsto un ingresso più facile dei giovani nel mondo del lavoro: un pediatra potrà partecipare a un concorso appena finita la specializzazione, e non dopo l’inserimento in una graduatoria.

Particolarmente importante per Biasci le norme che facilitano l’ingresso alla professione di giovani pediatri, alla luce anche dell’allarme sulla carenza di pediatri nei prossimi anni lanciato dall’Anaao e rilanciato dalla Federazione pediatri. «In questo modo – spiega Biasci – potremo avviare il ricambio generazionale della nostra categoria con l’auspicio che il nuovo Governo faccia la sua parte aumentando il numero delle borse di studio necessarie per la pediatria».

Ora tocca alle regioni sviluppare gli obiettivi prioritari siglati con accordi integrativi regionali soprattutto sui temi della partecipazione del pediatra di famiglia al sistema vaccinale nazionale e nell’assistenza ai pazienti cronici.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
La nuova sanità pediatrica tra telemedicina e implementazione reti ospedaliere hub e spoke. Le possibilità per il post Covid-19
D'Avino (FIMP): «Pediatri devono poter prescrivere tamponi rapidi. Impensabile riammettere un bambino a scuola senza certezza della diagnosi»
I pediatri: «Serve pediatria di comunità. A scuola fondamentale educazione sanitaria»
Il contributo di Giuseppe Mele, Presidente della Società italiana medici pediatri
di Giuseppe Mele, Presidente Simpe
Bambini e lockdown, i pediatri: «Prevedere piano per riapertura scuole in sicurezza»
Il pediatra e deputato Paolo Siani (Pd): «Assenza da scuola tutela la salute, ma mina tutti gli altri diritti dell’infanzia». La psicologa Confalonieri (Università Cattolica Milano): «Monitorare segnali di scarso riadattamento sociale»
Pediatri, Biasci (Fimp): «Chiediamo l’estensione del vaccino antinfluenzale ai bambini e di poter prescrivere i tamponi per Sars-Cov-2»
«Se rileviamo casi sospetti dobbiamo avere la certezza dell’effettuazione del tampone diagnostico. Senza una diagnosi precisa non potremo far tornare i bambini a scuola». E su Kawasaki: «Abbiamo raccolto un’anomala frequenza di manifestazioni cutanee simil geloni ma è ancora presto per correlazione con Covid-19». Così il presidente della Federazione italiana medici pediatri
Bambini e sindrome di Kawasaki, i pediatri: «Oltre 20 casi in 20 giorni, associazione con Covid-19 non sembra casuale»
Sedici anni fa un altro coronavirus con lo stesso recettore è stato collegato alla malattia, allarme tra i pediatri che invitano a non sottovalutare i sintomi cutanei. Mele (presidente Simpe): «Nella Fase 2 diagnosi clinica drammaticamente essenziale. Ripensare una pediatria di comunità»
di Gloria Frezza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...