Formazione 4 Agosto 2015 17:42

Sorveglianza mondiale e rapidità di risposta nei casi sospetti: ecco la strategia anti- Mers

Preoccupazione per l’alto tasso di mortalità, giunto al 35%. Esperti a convegno all’INMI “Spallanzani” per preparare gli operatori del Primo Soccorso

Sorveglianza mondiale e rapidità di risposta nei casi sospetti: ecco la strategia anti- Mers

Un tasso di mortalità del 35%. Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dal 2012 ad oggi, si sono registrati 1368 casi accertati con già ben 487 decessi. Classificata tra le malattie infettive emergenti, anche la Mers impone di tenere alta la guardia.


Arabia Saudita e Corea del Sud sono i Paesi più colpiti, ma sono ben 26 le nazioni che hanno dovuto fare i conti con il virus, sbarcato anche in Europa con un episodio in Italia nel 2013. Un punto della situazione è stato fatto, nei giorni scorsi, presso l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive (INMI) “Lazzaro Spallanzani”: il direttore scientifico, il prof. Giuseppe Ippolito, ha tenuto un corso di aggiornamento sulla malattia da virus MERS-CoV (Middle-East Respiratory Syndrome Coronavirus) per i medici dei servizi di Pronto Soccorso della Regione Lazio: per loro è infatti fondamentale un’adeguata formazione. Ai lavori hanno partecipato numerosi esperti del settore dello ”Spallanzani”, rappresentati della Pisana oltre a Maria Grazia Pompa, direttore dell’Ufficio Malattie infettive e profilassi internazionale, bioterrorismo del Ministero della Salute (Direzione Generale Prevenzione Sanitaria).

Si è insistito sulla necessità che il Sistema sanitario nazionale sia in grado di individuare prontamente il caso sospetto, confermare o escludere la diagnosi, al fine di una corretta gestione del caso. Basandosi su un recente documento dell’OMS, è stato ribadito che la risposta della sanità pubblica deve basarsi su elementi imprescindibili. Tra questi una strategia di sorveglianza mondiale, la meticolosa raccolta di informazioni dai casi, una ricerca attiva dei contatti ed il loro stretto monitoraggio. A questi va aggiunta la pianificazione di studi epidemiologici specifici quali: il controllo del caso per identificare i fattori di rischio; quelli in ambito ospedaliero per comprendere le modalità di trasmissione; indagini sierologiche dei contatti; analisi dei trends delle patologie respiratorie per identificare eventuali focolai misconosciuti ed infine studi veterinari ed ecologici oltre che di management clinico.

Il convegno ha anche posto in evidenza i rischi che corre Roma in previsione del Giubileo, che vedrà confluire nella Capitale un gran numero di fedeli da tutte le parti del mondo:  se non prontamente identificato ed isolato, un singolo caso di MERS  può, infatti, causare una epidemia nosocomiale. I DEA rappresentano un luogo chiave per la rapida individuazione di casi sospetti.

La lotta alla Mers resta, dunque, complicata. A tutt’oggi, il serbatoio del virus non è individuato con certezza. Molte evidenze suggeriscono che i pipistrelli possano rappresentare il serbatoio anche di questa malattia, creando dunque un forte parallelismo con l’Ebola. Il virus è stato isolato nei pipistrelli nei paesi arabi ed in altre aree geografiche; altri animali come cammelli e dromedari sono considerati “amplificatori” del virus sia attraverso il contatto sia per il consumo di latte non pastorizzato. Proprio in queste ultime ore la ricerca ha offerto una nuova speranza: per la prima volta è stato isolato un potente anticorpo umano capace di ammanettare il coronavirus responsabile della Mers. La scoperta, che apre una scorciatoia verso lo sviluppo di cure antivirali, è stata annunciata sulla rivista dell’Accademia americana delle scienze dal gruppo di ricerca dell’immunologo italiano Antonio Lanzavecchia, direttore dell’Istituto di Ricerca in Biomedicina dell’università della Svizzera Italiana a Bellinzona. Il “super anticorpo” – battezzato con la sigla LCA60 –  è stato individuato nel sangue di un paziente infettato dal virus. Nei primi test di laboratorio si è dimostrato efficace nel neutralizzare diversi ceppi del coronavirus responsabile della sindrome respiratoria.

Articoli correlati
Sicurezza delle cure, dal rischio clinico alle assicurazioni: a che punto siamo? Intervista all’Avv. Hazan
Il punto in occasione della "Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita”
Riparte il confronto Fnopi-Regioni: «Aumentare gli infermieri nel corpo docente delle università»
Le Regioni hanno accolto le proposte della Federazione: fabbisogno formativo, specializzazioni e contratto i temi discussi
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Retinopatia dei prematuri: si diagnostica con un algoritmo, si cura con un farmaco “salva-vista”
Il punto sulla ROP con il professore Domenico Lepore (UOC Oculistica Gemelli): «Quando un bambino nasce prima del termine, le arterie e le vene della retina non sono completamente sviluppate. Nei paesi industrializzati la ROP colpisce prematuri gravi, nati entro le 28 settimane di gestazione»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco