Salute 4 agosto 2015

Sorveglianza mondiale e rapidità di risposta nei casi sospetti: ecco la strategia anti- Mers

Preoccupazione per l’alto tasso di mortalità, giunto al 35%. Esperti a convegno all’INMI “Spallanzani” per preparare gli operatori del Primo Soccorso

Immagine articolo

Un tasso di mortalità del 35%. Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dal 2012 ad oggi, si sono registrati 1368 casi accertati con già ben 487 decessi. Classificata tra le malattie infettive emergenti, anche la Mers impone di tenere alta la guardia.


Arabia Saudita e Corea del Sud sono i Paesi più colpiti, ma sono ben 26 le nazioni che hanno dovuto fare i conti con il virus, sbarcato anche in Europa con un episodio in Italia nel 2013. Un punto della situazione è stato fatto, nei giorni scorsi, presso l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive (INMI) “Lazzaro Spallanzani”: il direttore scientifico, il prof. Giuseppe Ippolito, ha tenuto un corso di aggiornamento sulla malattia da virus MERS-CoV (Middle-East Respiratory Syndrome Coronavirus) per i medici dei servizi di Pronto Soccorso della Regione Lazio: per loro è infatti fondamentale un’adeguata formazione. Ai lavori hanno partecipato numerosi esperti del settore dello ”Spallanzani”, rappresentati della Pisana oltre a Maria Grazia Pompa, direttore dell’Ufficio Malattie infettive e profilassi internazionale, bioterrorismo del Ministero della Salute (Direzione Generale Prevenzione Sanitaria).

Si è insistito sulla necessità che il Sistema sanitario nazionale sia in grado di individuare prontamente il caso sospetto, confermare o escludere la diagnosi, al fine di una corretta gestione del caso. Basandosi su un recente documento dell’OMS, è stato ribadito che la risposta della sanità pubblica deve basarsi su elementi imprescindibili. Tra questi una strategia di sorveglianza mondiale, la meticolosa raccolta di informazioni dai casi, una ricerca attiva dei contatti ed il loro stretto monitoraggio. A questi va aggiunta la pianificazione di studi epidemiologici specifici quali: il controllo del caso per identificare i fattori di rischio; quelli in ambito ospedaliero per comprendere le modalità di trasmissione; indagini sierologiche dei contatti; analisi dei trends delle patologie respiratorie per identificare eventuali focolai misconosciuti ed infine studi veterinari ed ecologici oltre che di management clinico.

Il convegno ha anche posto in evidenza i rischi che corre Roma in previsione del Giubileo, che vedrà confluire nella Capitale un gran numero di fedeli da tutte le parti del mondo:  se non prontamente identificato ed isolato, un singolo caso di MERS  può, infatti, causare una epidemia nosocomiale. I DEA rappresentano un luogo chiave per la rapida individuazione di casi sospetti.

La lotta alla Mers resta, dunque, complicata. A tutt’oggi, il serbatoio del virus non è individuato con certezza. Molte evidenze suggeriscono che i pipistrelli possano rappresentare il serbatoio anche di questa malattia, creando dunque un forte parallelismo con l’Ebola. Il virus è stato isolato nei pipistrelli nei paesi arabi ed in altre aree geografiche; altri animali come cammelli e dromedari sono considerati “amplificatori” del virus sia attraverso il contatto sia per il consumo di latte non pastorizzato. Proprio in queste ultime ore la ricerca ha offerto una nuova speranza: per la prima volta è stato isolato un potente anticorpo umano capace di ammanettare il coronavirus responsabile della Mers. La scoperta, che apre una scorciatoia verso lo sviluppo di cure antivirali, è stata annunciata sulla rivista dell’Accademia americana delle scienze dal gruppo di ricerca dell’immunologo italiano Antonio Lanzavecchia, direttore dell’Istituto di Ricerca in Biomedicina dell’università della Svizzera Italiana a Bellinzona. Il “super anticorpo” – battezzato con la sigla LCA60 –  è stato individuato nel sangue di un paziente infettato dal virus. Nei primi test di laboratorio si è dimostrato efficace nel neutralizzare diversi ceppi del coronavirus responsabile della sindrome respiratoria.

Articoli correlati
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»
Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni
Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...