Salute 4 Luglio 2018

Balzanelli (118) in Commissione Senato: «Quei secondi mettono in pericolo vita italiani. Verso riforma numeri»

Il Presidente della Società Italiana Sistemi 118 nella Commissione guidata da Sileri (M5S): «Riforma legislativa del sistema che vada nella direzione di un potenziamento rispetto a politiche precedenti che l’hanno smantellato e ampiamente demolito»

Immagine articolo

«Gli italiani devono poter continuare a chiamare direttamente il 118. È in gioco la vita degli italiani. Una realtà così importante non può essere smantellata». È determinato Mario Balzanelli, Presidente Nazionale del Sis 118, ascoltato dalla Commissione Sanità del Senato convocata dal Presidente Pierpaolo Sileri. Un’audizione lunga e approfondita su un tema molto delicato: il sistema di pronto intervento del 118 messo a rischio da un progressivo taglio di finanziamenti pubblici (oggi appena l’1,7% della spesa sanitaria è destinato a questo servizio) e dall’istituzione del numero unico 112, un cambiamento che nello smistamento delle telefonate rischia di far perdere tempo prezioso nel soccorso salva-vita. «Il dettato normativo europeo – spiega Balzanelli – prevede l’introduzione del 112 quale numero parallelo rispetto agli altri numeri di emergenza insistenti nei paesi dell’Unione europea e non sostitutivo rispetto agli stessi». Il Presidente del 118 ha annunciato che chiederà un incontro al Ministro Giulia Grillo per poter parlare di una riforma istituzionale del servizio.

Presidente, è stato ascoltato dalla Commissione Sanità del Senato portando le problematiche del 118. Lei più volte ha lanciato un appello affinché non venga smantellata questa realtà importante della sanità italiana. Cosa ha detto in Commissione?

«Il Sistema 118 è il sistema salvavita del cittadino italiano. È il corpo istituzionale dello Stato deputato a salvare la vita con tempi brevissimi di risposta e quindi deve essere necessariamente messo nelle condizioni di rispondere ai propri compiti e di rispondere nel modo migliore. Oggi ho chiarito la necessità di promuovere una riforma legislativa del sistema 118 che vada nella direzione di un potenziamento rispetto a politiche precedenti che l’hanno smantellato e ampiamente demolito. In più ritengo necessario che i cittadini italiani debbano poter continuare a chiamare direttamente il 118 in caso di emergenza sanitaria in ottemperanza proprio al dettato normativo europeo che prevede l’introduzione del 112 quale numero parallelo rispetto agli altri numeri di emergenza insistenti nei paesi dell’Unione europea, non sostitutivo rispetto agli stessi».

LEGGI ANCHE: SIMEU, XI CONGRESSO NAZIONALE. LE SFIDE DEL FUTURO, LA PRESIDENTE RUGGERI: «FERMARE AGGRESSIONI E AUMENTARE POSTI SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE»

Il rischio è che con due numeri possa aumentare il tempo necessario al soccorso?

«L’obiettivo è impedire che ci possano essere dei ritardi anche minimi che possano fare la differenza. C’è un recentissimo lavoro scientifico internazionale pubblicato su Resuscitation dal nome Eurocall study il quale ha dimostrato che laddove c’è il doppio passaggio si perde più tempo e questo può avere conseguenze nefaste sulle persone».

L’altro tema è quello della presenza di operatori medici sulle ambulanze. Anche questo servizio è a rischio?

«Riteniamo che il medico debba fare il medico. E siccome è in grado di fare diagnosi, di prescrivere terapie e quindi di svolgere delle funzioni che potenzialmente fanno la differenza tra la vita e la morte debba essere presente a bordo dei mezzi di soccorso in una percentuale che deve essere definita come standard dal Ministero della Salute. Non possiamo accettare la scomparsa del medico, come fosse un ‘caro estinto’ sparito dal sistema 118 nazionale o come figura in via di estinzione. Al contrario noi dobbiamo garantire agli italiani che, laddove si verifichino situazioni per le quali possano rischiare di morire da un momento all’altro, ricevano il miglior soccorso possibile che è assicurato dall’arrivo di un equipaggio che è costituito da un medico, da un infermiere e da autisti soccorritori».

Solo l’1,7% della spesa sanitaria va al 118. Pensa che sia necessario un aumento dei fondi per questo servizio?

«Necessariamente. Dover rispondere in 8 minuti dalla chiamata in aree urbane, in 20 minuti dalla chiamata in area extraurbana e dover dare risposte di eccellenza laddove è in pericolo imminente la vita di qualcuno. Questo richiede che ci siano tutte le condizioni operative per poter svolgere con efficacia questi compiti e quindi necessariamente impone da parte dei ministeri competenti l’allocazione delle risorse necessarie per non avere carenze di mezzi, per non avere carenze di personale, per aver le migliori attrezzature possibili. L’1,7% della spesa sanitaria per il sistema salvavita è davvero irrisorio ed è irrazionale. Non è neanche presentabile come dato».

Ha chiesto un incontro al Ministro Grillo?

«Chiederò a breve come Presidente della Società italiana dei sistemi 118 un incontro per poter valutare la possibilità, laddove il Ministro sia d’accordo, e avviare i lavori per una importante riforma istituzionale del 118 del Paese».

Articoli correlati
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Quota 100, Sottosegretario al Lavoro Durigon (Lega): «Presto nuove assunzioni per gestire uscite nella sanità»
INTERVISTA | L’esponente di Governo della Lega intervenuto all’incontro dell’UDC “Politica e Impresa – Niente trucchi, solo lavoro” risponde ai nostri microfoni ai dubbi del mondo della sanità sull’esodo avviato con i pensionamenti di “Quota 100”
“Lean Management”, alla Lum Jean Monnet partono i master per insegnare a ottimizzare i costi e eliminare gli sprechi in sanità
Angelo Rosa, direttore Laboratorio Lean Area sviluppo e Operations della Lum School of Management: «Tra i principali indicatori che influenzano l’aumento dei costi in sanità c’è l’allungamento della vita media che secondo gli studi fatti dall’INPS al 2040 arriverà a 88 anni per gli uomini e 92 per le donne, i costi assicurativi generati dal triplicarsi delle denunce negli ultimi 15 anni per sinistri accaduti all’interno di una struttura sanitaria ed anche l’aumento del costo delle terapie e gli sprechi»
di Federica Bosco
Conservazione staminali, l’Italia è indietro. Pierpaolo Sileri (M5S): «L’autologa solidale è necessaria»
Il presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato: «Non ritengo giusto che per conservare il cordone ombelicale di mio figlio debba mandarlo in un altro Paese. Così priviamo il cittadino italiano di una possibilità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone