Salute 17 Marzo 2023 18:01

Sindrome Ramsay Hunt, ecco cos’è la malattia che ha messo Justin Bieber k.o.

Novi (IRCSS San Martino): «Può dare complicanze sul lungo periodo, fondamentale vaccinarsi contro varicella ed Herpes zoster»

Sindrome Ramsay Hunt, ecco cos’è la malattia che ha messo Justin Bieber k.o.

Una paralisi facciale e il contestuale annullamento del tour mondiale 2023 hanno lasciato i fan delusi ma soprattutto preoccupati. Parliamo della nota pop star canadese Justin Bieber che, dopo un primo stop all’inizio della scorsa estate per motivi di salute, ha definitivamente cancellato i suoi impegni in tourneè per quest’anno. Il motivo, stando alle dichiarazioni del cantante sui suoi canali sociali, è la sindrome di Ramsay Hunt, che lo starebbe impegnando in una fastidiosa e lunga battaglia.

Ma in cosa consiste questa sindrome e da dove deriva? Ne abbiamo saputo di più grazie al dottor Giovanni Novi, neurologo presso il Policlinico San Martino IRCCS-Genova, intervistato da Sanità Informazione.

Dottore, da dove deriva la sindrome di Ramsay Hunt?

«La sindrome è dovuta alla riattivazione del virus della varicella (Varicella zoster virus) che, dopo l’infezione primaria che molte persone contraggono spesso in età infantile, la varicella appunto, spesso va ad annidarsi in alcuni distretti del nostro sistema nervoso, per poi riattivarsi in età più tarda, spesso dopo i 60 anni, e a seconda della sede insediativa può dare manifestazioni cliniche diverse. La più conosciuta è quella dell’Herpes zoster, ma in questo caso parliamo della sua variante Herpes zoster oticus, conosciuta anche come Sindrome di Ramsay Hunt».

Quali sintomi manifesta chi ne è affetto?

«In particolar modo, quando il virus si riattiva al livello del nervo che conduce gli impulsi nervosi necessari a contrarre i muscoli di una delle due metà facciali, questo porta ad un’alterazione della funzione del nervo e ad un danno del nervo stesso, e si assiste ad una paralisi o ad una paresi, quindi una paralisi incompleta, della metà facciale coinvolta. È anche tipico che questa paralisi si associ alla presenza di vescicole tipiche della varicella, a livello della zona dell’orecchio, ed è questo segno che permette di porre una diagnosi specifica. Potrebbero anche comparire disturbi dell’udito legati alla mancata contrazione di un muscolo che si trova all’interno dell’orecchio».

Come si guarisce?

«I tempi di risoluzione sono molto variabili, anche di diversi mesi. Se la paresi è lieve, in genere entro un mese la situazione si risolve, ma nei casi più complessi i tempi si allungano ed è necessaria molta fisioterapia, e non è detto che la ripresa sia completa. È indicata la terapia antivirale per bloccare la replicazione del virus e allo stesso tempo la terapia antinfiammatoria per ridurre la reazione infiammatoria che si sviluppa in risposta alla riattivazione del virus».

Quali sono i fattori di rischio e come evitarla?

«È bene comunque ricordare che la maggior parte dei pazienti che nel corso della vita contraggono il virus della varicella non sviluppano poi questa sindrome da riattivazione. Lo sviluppo di questa sindrome è correlata all’immunosenescenza, lo spegnimento progressivo del sistema immunitario che si ha con l’avanzare dell’età, ma anche da malattie del sistema immunitario o da condizioni di forte stress. In caso di situazioni patologiche a livello immunitario, questa sindrome da riattivazione può manifestarsi più volte nel corso della vita. È fondamentale innanzitutto il vaccino contro la varicella per evitare l’infezione primaria, ed il vaccino contro l’herpes zoster indicato per la fascia d’età over 60».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...