Salute 15 Marzo 2019

Sindrome cardio-renale: problemi per il 20-40% in soggetti con scompenso cardiaco

Ronco (nefrologo): «Importante che cardiologi e nefrologi collaborino per migliorare la situazione clinica dei pazienti»

di Lucia Oggianu

Cuore e rene, organi anatomicamente lontani ma strettamente legati tra loro. Il coinvolgimento patologico di uno, infatti, può indurre conseguenze nell’altro. Si tratta di un’associazione di tipo fisiopatologico, definita “sindrome cardio-renale”, che crea problemi per il 20-40% in soggetti con scompenso cardiaco e per il 45-63% in pazienti con insufficienza cardiaca. Ce ne parla il professor Claudio Ronco, direttore del reparto di nefrologia dell’ospedale San Bortolo (Vicenza).

Professore, qual è il legame esistente tra problemi cardiaci e sindrome renale cronica?

«È noto da tempo che una disfunzione dell’organo cuore può dare problemi a livello renale. Nel 2008 abbiamo definito e classificato la sindrome cardio-renale come una disfunzione acuta o cronica del cuore, che può dare disfunzioni croniche o acute a livello renale e generare quella che chiamiamo sindrome cardiorenale. Sappiamo che disturbi come insufficienza cardiaca o addirittura sindromi coronariche acute possano dare poi origine a una disfunzione renale che, nel tempo, può portare a una insufficienza renale acuta e cronica. Questo può far capire l’importanza di quello che noi chiamiamo ‘chiacchierata tra gli organi’ e cioè una interazione importante a livello fisiologico e patologico della funzione di questi due organi».

Quali sono a riguardo gli approcci terapeutici migliori?

«Risulta evidente che se non curiamo la patologia di base, difficilmente potremmo avere un miglioramento anche del secondo organo coinvolto. Di conseguenza, in un paziente che ha un danno renale cronico derivante da una cronica alterazione della sua perfusione del sangue che gli arriva, in relazione a una grave insufficienza cardiaca, se noi non curiamo l’insufficienza cardiaca, non andremmo mai correggere il danno renale. È un modo evidente per far capire che i cardiologi e i nefrologi debbano collaborare insieme per il miglioramento della situazione clinica di questi pazienti».

Articoli correlati
Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia
Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”
Emicrania, studio italiano svela i meccanismi dell’allodinia e vince il “Wolff Award”
La scoperta dei neurologi italiani riceve il premio più prestigioso al mondo nell’ambito delle cefalee
Umberto I, positivo infermiere. Ha avuto contatti con collega del San Raffaele Pisana
«Un infermiere del Policlinico Umberto I, operante presso il reparto di Malattie Tropicali, dopo aver informato il Medico Competente di aver accusato sintomi febbrili è stato invitato a restare a casa e ad effettuare il tampone naso-faringeo, che ha dato esito positivo». Così l’ospedale romano in un comunicato. LEGGI ANCHE: ‘COVID-19 IL VIRUS DELLA PAURA’, […]
Dalla corsia al palco: il rock scopre temi sociali con i medici della Twins Father’s Band
Il gruppo musicale di camici bianchi romani nasce negli anni ’90 da tre studenti di Medicina della Cattolica e si riunisce 20 anni dopo. Emiliano Santacroce (batterista e medico del lavoro): «La nostra testa segue sempre il cuore. La passione musicale è unita all’impegno sociale»
Covid-19, l’OMS frena sull’utilizzo dei guanti: «Aumentano rischi, meglio lavarsi bene le mani»
Retromarcia anche sulle affermazioni di Maria Van Kerkhove sulla rarità del contagio da parte degli asintomatici: «Sono stata fraintesa»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...